LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

DL sviluppo e tutela dei beni culturali: come scardinare un "sacro principio" senza colpo ferire

E di questi giorni lapprovazione in Consiglio dei Ministri del c.d. Decreto Sviluppo (decreto-legge n. 70 del 2011, pubblicato sulla G.U. - Serie Generale n. 110 del 13 maggio 2011) che tanti commenti e polemiche ha sollevato anche con riferimento ai beni culturali. Al riguardo, limpatto mediatico di maggior risonanza stato suscitato dallinserimento della previsione relativa alla concessione delle spiagge italiane, per i prossimi novantanni, ai proprietari degli stabilimenti balneari. Tanto vero che il neo ministro per i Beni e le Attivit culturali, Giancarlo Galan, si affrettato a far diramare il 6 maggio un comunicato stampa rassicurante, diretto a confermare il rispetto dei vincoli di tutela del patrimonio culturale e paesaggistico delle coste e delle spiagge. Insomma, Galan ha espresso un deciso no alla paventata cementificazione delle spiagge, oggetto di disciplina allinterno del Decreto Sviluppo.

Ci che il ministro non ha fatto quello di segnalare che allinterno del decreto citato si sostanziato il mutamento di una norma fondamentale contenuta nel Codice dei beni culturali (D.Lgs. n. 42/2004) e che riguarda una delle condizioni essenziali per considerare un bene tutelato come bene culturale. Infatti, le norme di tutela contenute nel Codice si applicano, salvo poche eccezioni(come ad esempio le ipotesi di sussistenza dellinteresse culturale per il riferimento con la storia politica, militare, della letteratura, dellarte, della scienza, della tecnica, dell'industria e della cultura in genere, ex articolo 10, comma 3, lett. E) del Codice dei beni culturali), a quei beni che non siano opera di autore vivente o che abbiano almeno cinquanta anni. Questo limite temporale, frutto di un compromesso tra quelle che potremmo definire le ragioni della propriet e quelle della tutela, fissata da tempo nel nostro ordinamento giuridico.

La stessa legge Rosadi (l. n. 364 del 1909), di cui da poco si celebrato il centenario come brillante esempio di efficacia di una norma di tutela culturale, prevedeva il limite dei cinquanta anni, successivamente riportato nella legge Bottai (1089/1939), nel T.U. dei beni culturali (D.Lgs. n. 490/1999) ed, infine, nel Codice del 2004. In questultimo caso, per giunta, il legislatore italiano ha blindato i beni immobiliari di appartenenza pubblica, assoggettandoli automaticamente ad una disciplina di salvaguardia per il solo fatto di avere pi di cinquanta anni, fatta salva una successiva ricognizione di assenza di interesse culturale . La presunzione di culturalit del bene immobiliare pubblico avente pi di cinquanta anni talmente radicata nel quadro di tutela dei beni culturali, tanto da prevedere limpossibilit di alienare questo patrimonio, salvo la successiva verifica da parte degli organi territoriali del MiBAC sulla sussistenza o meno dellinteresse culturale del bene. Questo quadro normativo ha creato un circuito ormai consolidato tra MiBAC, enti pubblici territoriali e istituzioni religiose, tanto da impedire qualsiasi intervento sul bene senza una preventiva valutazione del Ministero, anche in assenza di un effettivo provvedimento di tutela, ma sulla base della semplice presunzione di culturalit del bene immobile avente pi di cinquanta anni. Il Decreto Sviluppo cancella questa situazione con un semplice tratto di pena e, a quanto pare, senza colpo ferire, visto il silenzio che sta accompagnando questa modifica sostanziale del panorama del patrimonio immobiliare pubblico con presunta valenza culturale.

Scendendo nel dettaglio della modifica, larticolo 4 - intitolato costruzione delle opere pubbliche - del D.L. 70/2011 prevede al comma 16 una serie di modifiche dellarticolato del Codice dei beni culturali al fine di riconoscere massima attuazione al Federalismo Demaniale e di semplificare i procedimenti amministrativi relativi ad interventi edilizi in quei comuni che adeguano gli strumenti urbanistici alle prescrizioni dei piani paesaggistici regionali. In particolare, limitatamente al patrimonio immobiliare appartenente a soggetti pubblici e assimilati (come gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti e le onlus) il requisito temporale attestante la presunzione di culturalit del bene portato da cinquanta a settanta anni. Conseguentemente cassato di fatto lobbligo di verifica di interesse culturale per i beni immobili pubblici che non abbiano pi di 70 anni (in questo senso da leggere oggi il comma 1 dellarticolo 12 del D.Lgs. n. 42/2004). Parimenti, viene innalzato da 50 a 70 anni il limite del divieto di vendere (rectius alienare) i beni immobili pubblici che non siano stati sottoposti a verifica di interesse da parte del Ministero per i beni e le attivit culturali. Chiude il quadro delle innovazioni relative al patrimonio culturale, non solo pubblico, ma anche privato, la cancellazione dellobbligo di denuncia del trasferimento della detenzione dei beni immobili a carico del proprietario, in base allarticolo 59, comma 1 del Codice. Pertanto viene meno una forma di controllo della circolazione del patrimonio immobiliare di pregio che nella normativa ante decreto era persino accompagnato dalla configurazione di reato per chi non avesse adempiuto a tale obbligo di denuncia.

Come si pu apprezzare, lintervento del Decreto Sviluppo di chiara sostanza sulla tutela dei beni culturali (che nella stragrande maggioranza sono di propriet pubblica e di soggetti assimilati quanto a regime giuridico - gli enti ecclesiastici -) che di colpo vede dilatarsi il confine temporale di riferimento - portato a 70 anni -, incrinando il potere di controllo delle Soprintendenze sia sugli interventi di manutenzione e restauro da effettuare sui beni di comuni, province, regioni, diocesi, parrocchie, fondazioni ecc., sia sulla circolazione degli stessi. Colpisce che il primo intervento di sostanza effettuato con il benestare, o perlomeno con il silenzio, del neoministro Galan sia un chiaro segno di cedimento della tutela del patrimonio pubblico che da oggi sentiamo un po meno protetto.

(Altalex, 18 maggio 2011. Nota di Alessandro Ferretti)

http://www.altalex.com/index.php?idstr=24&idnot=14269


news

01-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news