LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E cos ti sventro la Sicilia (con gli interessi)
Alessio Gervasi
Unit 29/11/2004

PALERMO. La Sicilia il laboratorio dove gli alchimisti della politica si sbizzarriscono con alambicchi e pozioni (e ambizioni) del potere. qui che bisogna guardare per cogliere a tempo l'aria che tira nel Belpaese. Si sempre detto cos almeno. E oggi l'assalto alla diligenza (con la complicit del postiglione...) che sta subendo la Trinacria - ancora frastornata dal micidiale cappotto elettorale di tre anni addietro che consegn armi e bagagli al Polo - svela molte cose. E saltano fuori progetti faraonici cari a uomini di Governo.
Primo progetto. Centotredici milioni di euro per un complesso alberghiero a 5 stelle con 40 suites e 500 posti letto, pi due campi da golf, un centro benessere, un centro congressi e campi da tennis. Un investimento che cambier volto a pi di 200 ettari di terra dalle parti di Sciacca, nell'agrigentino, e che nelle ultime settimane ha ricevuto la brusca accelerazione del presidente della Regione Siciliana Tot Cuffaro. A portare a termine il progetto sar il gruppo Sir Rocco Forte con un investimento di 48 milioni di euro. Gli altri soldi verranno dalla Regione Siciliana e da Sviluppo Italia, l'agenzia del ministero dell'Economia. E pazienza se la valutazione d'impatto ambientale passa in secondo piano, cos come il parere consultivo della Commissione Ambiente del Parlamento siciliano. Pazienza. La torta bella grossa e la fetta pi consistente dell'intero programma per lo sviluppo turistico del Mezzogiorno - ammonta a 770 milioni di euro destinati alla realizzazione di 5 poli turistici in Sicilia, Puglia e Calabria, presentato un anno addietro a Palazzo Chigi dall'amministratore delegato di Sviluppo Italia al fianco del vice Ministro Gianfranco Miccich - tocca alla Sicilia con un investimento complessivo di 236 milioni di euro e guarda caso la met di questi soldi finiranno proprio a Sciacca, con i terreni di contrada Verdura dove alcuni dei proprietari che con questa operazione potrebbero incassare buoni quattrini (4 milioni e 400 mila euro per la vendita al gruppo Forte) si chiamano Merra. Come Elena Merra, che la moglie del vice Ministro Gianfranco Miccich... Ma alcuni terreni sono intestati anche al suocero di Miccich, l'ex consigliere di amministrazione della vini Corvo Roberto Merra, a suo fratello Giuseppe e all'altra figlia Alessandra. Insomma una roba di famiglia per il vice Ministro del dicastero da cui dipende Sviluppo Italia e da cui vengono 12,5 milioni di euro di finanziamento per il progetto in questione. Altri 15 milioni di euro invece li metter la sempre benevola Regione Siciliana, come approvato dalla Giunta Cuffaro un mesetto fa, quando il magnifico Tot vasa vasa scriveva all'Assemblea per sollecitare il progetto: Si allegano gli atti e si rappresenta l'urgenza.
Il capogruppo di Rifondazione Comunista Francesco Forgione nel corso di una conferenza stampa tenutasi ad Agrigento sulla questione morale si espresso cos: Sul sistema degli alberghi in Sicilia emerge una spartizione fra gruppi di potere - come per la sanit del resto -e in entrambi i casi svolge un ruolo la societ del ministero Sviluppo Italia (sta dietro le pi grandi operazioni finanziarie con capitale pubblico degli ultimi anni in Sicilia), che partecipa anche all'investimento per l'hotel palermitano della famiglia del Presidente Cuffaro... Qui siamo oltre il conflitto d'interessi, siamo di fronte a un vero e proprio sistema di interessi che coinvolge direttamente i vertici siciliani di Udc e Forza Italia.
Secondo progetto. Spendere venticinque miliardi di lire per risparmiare un minuto. Ecco l'idea dell'Anas che ha scodellato un progetto - sponsorizzato dal senatore forzista Renato Schifani - per costruire una strada lunga 22 chilometri attraverso la riserva naturale della Ficuzza, fra Corleone e Marineo: 12 cavalcavia, 11 viadotti, 2 ponti, 2 gallerie pi una serie di svincoli. Il tutto in zone d'interesse comunitario, su aree e siti di grande valore storico e paesaggistico, oltre che importanti insediamenti archeologici che verrebbero devastati dai lavori. Costo dell'opera: 200 miliardi di lire. Per migliorare la viabilit sulla SS 118, diminuendo i tempi di percorrenza fra Corleone e Palermo di addirittura otto minuti... 8 minuti che per valgono200 miliardi di lire. Per un'opera che ha ricevuto un deciso colpo di acceleratore da parte del Governo e il via libera del Ministro Lunardi.
Un'opera che l'Anas ha diviso in cinque lotti, non visti di buon occhio dalla Sovrintendenza di Palermo che ha pi volte espresso parere negativo sull'intero progetto, ma dai e dai alla fine ha dato il via libera sul lotto numero tre, quello centrale. Come se per costruire un palazzo di 10 piani si cominciasse dal quinto... Ma proprio questo lotto ha ottenuto il decreto di autorizzazione ai lavori pubblicato sulla Gazzetta della Regione Siciliana il 29 ottobre scorso.
Minuti preziosi. Ma che senso ha - si chiede il presidente regionale del Wwf, Franco Russo - iniziare i lavori su un solo lotto, sensa che l'intero progetto sia stato approvato? l'ennesima incompiuta annunciata oppure si spera in un futuro 'ammorbidimento' di Sovrintendenza e Forestale? Attualmente per coprire i quasi 60 chilometri che separano il capoluogo siciliano da Corleone ci vogliono 58 minuti (il calcolo dei tempi stato effettuato da un professore universitario palermitano, incaricato di redigere una perizia giurata per conto di un comitato di agricoltori e operatori turistici di Ficuzza che non vogliono che questo progetto vada in porto) e con la nuova strada diventerebbero 50. Otto minuti in meno ma sempre una decina di minuti in pi rispetto a un'altra strada che collega Corleone con Palermo - come ben sanno i pendolari che la preferiscono e la percorrono ogni giorno - lunga circa 55 chilometri e attualmente percorribile in poco pi di 40 minuti. Dunque... Il Wwf, Legambiente, Italia Nostra, Lipu e Sicilia Antica, assieme al comitato agricoltori e operatori turistici di Ficuzza si sono riuniti sotto l'egida del forum Salviamo Ficuzza per dare battaglia. E le solite malelingue dicono che la nuova strada si fermerebbe giusto a poche decine di metri dal confine del collegio elettorale che ha portato tre anni addietro Schifani in Senato.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news