LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cecchi, Carandini, Resca: agenzie

BENI CULTURALI: CECCHI, SERVE STUDIO CAPILLARE

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - ''Evitare che il governo del territorio e quello dell'economia se ne vadano per strade diverse'', ma anche ''mettere insieme intelligenze e competenze'' seguendo una strada che ''non e' il gigantismo museale, ma l'attenzione al singolo episodio culturale'' con ''un forte coinvolgimento del soggetto privato nelle forme di gestione e un ruolo di presidio affidato allo Stato cosi' com'e' oggi, seppur con qualche correttivo''.
Queste le urgenze indicate dal sottosegretario ai Beni culturali, Roberto Cecchi, oggi nel corso del convegno ''Darevalore-Averevalore. Sinergie fra Stato, Regioni e Comuni, fra pubblico e privato'' organizzato da Italiadecide.

''L'entita' delle risorse pubbliche, salvo rare eccezioni, risulta tradizionalmente marginale. E mentre la curva della spesa pubblica sale, parallelamente quella per i Beni culturali scende inesorabilmente'', spiega Cecchi elencando i molti numeri che oggi pesano sul sistema dei Beni culturali italiani. ''Quasi il 50% del territorio nazionale e' tutelato come bellezza naturale - dice -: abbiamo 424 tra musei storico-artistici e archeologici, 12 milioni di metri quadrati di parchi archeologici, 46 biblioteche nazionali con 24 milioni tra volumi stampati, manoscritti, cinquecentine e periodici. Non c'e' modo di sostenere che tutto questo possa essere affrontato contando sull'iniziativa privata, che per ora non si e' dimostrata particolarmente attiva''.

Ma nello studio solo recente del fenomeno beni culturali in termini quantitativi e produttivi, e' emerso che ''quasi il 50% dei 37 milioni di visitatori annuali dei siti statali entra solamente in 8 dei 424 musei pubblici. Si supera l'80% con soli 65 musei, aggiungendo quelli che accolgono tra 250.000 e un milione di visitatori l'anno''. Da tutto cio' emerge ''un conto economico impietoso per il sistema museale dal quale alcuni traggono conclusioni improvvisate, semplicemente perche' non possiamo annoverare nelle statistiche dei visitatori un solo museo tra i primi 20 al mondo''.

Gli Uffizi, invece, per rapporto tra superficie espositiva e numero di visitatori, ''e' tra i primi musei al mondo'' oltre che tra i piu' apprezzati dal pubblico. Il problema, poi, in molti casi, e' che il nostro patrimonio, pur di inestimabile valore e attrattiva, non e' visibile, prosegue Cecchi citando l'esempio della rinascimentale ''Cappella Rucellai, che entra nelle statistiche con zero visitatori non perche' non abbia valori culturali da proporre, ma semplicemente perche' non siamo capaci di valorizzarla''.


BENI CULTURALI: CARANDINI, SIAMO ASSENTI NEL MONDO

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tra le piu' urgenti mancanze del sistema dei Beni culturali italiani c'e' quello di una ''infrastruttura immateriale'' che ci promuova e che ci faccia conoscere nel mondo, ad esempio verso il grandissimo mercato dell'Asia. A dirlo e' Andrea Carandini, presidente del Consiglio superiore dei Beni culturali, oggi intervenendo al convegno 'Dare valore - Avere valore' organizzato da Italiadecide.

''Siamo totalmente assenti su internet - spiega Carandini - non sappiamo raccontarci al mondo, ne' passare dal Grand Tour al Global Tour'', quando basterebbero ''poche risorse e valorizzeremmo in modo enorme il nostro patrimonio e il nostro Paese''.

Carandini ha poi sottolineato la necessita' di ''un luogo dove l'esperienza sociale e civile possa incontrarsi con le istituzioni. Abbiamo bisogno di chiarificazione - sostiene Carandini circa il rapporto tra pubblico e privato nella gestione dei Beni culturali -. Io sono disponibile ad organizzare un Consiglio superiore, anche a gennaio-febbraio su questo perche' il momento e' maturo''.


RESCA, STUPITO DA PAROLE CARANDINI

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - ''Stupito e amareggiato'' dalle parole di Andrea Carandini. Lo dice il dg Valorizzazione del ministero dei Beni culturali, Mario Resca, che commenta le dichiarazioni rilasciate dal presidente del Consiglio superiore del Mibac, oggi, al convegno ''Darevalore-Averevalore'' organizzato da Italiadecide.

Secondo Carandini, tra le piu' urgenti mancanze del sistema dei beni culturali in Italia c'e' quello ''di una infrastruttura immateriale'' che ci promuova e ci faccia conoscere nel mondo, ad esempio nel mercato dell'Asia.

''Siamo totalmente assenti su internet - ha denunciato l'archeologo - non sappiamo raccontarci al mondo''.

Resca non ci sta': ''spiace non poter essere li' a replicare - dice - le accuse di Carandini mi sembrano assurde''. Il manager chiamato nel 2009 dall'allora ministro Sandro Bondi ricorda che in questi anni, proprio grazie al lavoro della sua direzione, sono stati stretti ''accordi con mezzo mondo'' ed in particolare proprio con l'Asia, per esempio con la Cina dove un museo italiano apre le porte in piazza Tienanmen.

''Abbiamo innovato nei linguaggi e nei metodi di comunicazione - aggiunge Resca - abbiamo portato il ministero su Facebook e su Twitter, promosso campagne di comunicazione, aumentato visitatori e incassi dei musei, digitalizzato un milione di volumi delle nostre biblioteche grazie all'accordo con Google, portato Pompei su Google Street e gli Uffizi si Google Art. Forse - conclude - e' vero che la valorizzazione ha sempre dato fastidio e per questo si vogliono ignorare i nostri risultati''.



news

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news