LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia. Cancellato il cenacolo dal cortile di via Cavallotti
Manuel Venturi
Brescia Oggi 3/3/2012

Fa discutere la scelta degli eredi Maifredi di coprire con una mano di vernice beige i dipinti murali che erano stati realizzati negli anni Cinquanta
Il cortile interno era affrescato ed stato rintonacato
L'Aref indignata denuncia uno scempio culturale
I proprietari assicurano: tutto in regola e autorizzato E c' gi chi sogna il recupero delle opere che sono state ricoperte con uno strato di vernice

Quando una mano di bianco cancella la memoria artistica di una citt. A sollevare il caso l'Aref, associazione artistica e culturale intitolata alla memoria di Emilio Rizzi e Giobatta Ferrari, che grida allo scempio culturale per la 'intonaca- tura e tinteggiatura del cortile interno all'ex Casa Bignetti, storico palazzo che si affaccia al civico 5 di via Cavallotti, in citt. Secondo l'Aref, i lavori in corso da tempo hanno fatto sparire alcuni dipinti di artisti bresciani ascrivibili all'esperienza di Corrente, rivista di cultura che si occupava anche dei pittori del dopo-Picasso, a cavallo del Nuovo realismo. Uno strato di pittura beige copre quello che era stato definito il Cenacolo di via Cavallotti, nato grazie ad artisti come Ermete Lancini, Gianbattista Cattaneo, Matteo Pedrali, Vittorio Botticini e ai fratelli Gianni e Augusto Ghelfi, pittori d'avanguardia che forse neppure a Brescia sono mai stati riconosciuti per quanto avrebbero meritato.
L'OPERA- ricorda l'Aref- era nata grazie alla passione per l'arte e la pittura del vecchio proprietario del palazzo, l'ingegner Gianbattista Bignetti, burbero benefico che fu mecenate di molti artisti bresciani negli anni Cinquanta. Bignetti commission molte opere, che in parte resistono all'interno del palazzo: all'ingresso ancora si pu vedere un grande affresco di Matteo Pedrali (che sarebbe stato salvato dall'imbiancatura per la protesta di alcuni inquilini), e sulle pareti del breve corridoio che porta alla scena del delitto si notano ancora due dipinti ispirati al cielo e al mare. Resistono anche un dipinto murale di carattere religioso e altre opere e mosaici all'interno di alcuni appartamenti e sulle scalinate. Appena si entra nel cortiletto, la sorpresa: le pareti, che secondo alcuni testimoni oculari erano affrescate fino a pochi giorni fa, ora sono completamente bianche. Non c' pi traccia del ciclo dedicato da Lancini al mondo del lavoro, con figure come la bambinaia, il cacciatore e la fiorista, circondate da angeli protettori. Figure vicari che - scriveva l'autore nel suo diario nel 1952 - erano da vedersi tutte d'un colpo.
L'OPERA si armonizzava alla perfezione con la pavimentazione del cortiletto e con le statue e le piante che si trovano al suo interno. Da qui l'indignazione dell'Aref, che accusa i nuovi proprietari dello stabile - eredi dell'ottuagenaria Maria Maifredi, deceduta un anno fa e che secondo chi abitava in via Cavallotti amava il palazzo e i suoi dipinti - di sentirsi in dovere di disporre del proprio bene al di lidi ogni regola o limite. Secondo alcuni residenti di via Cavallotti, i nuovi proprietari avrebbero coperto i dipinti semplicemente perch a loro non piacevano, e perch il restauro sarebbe stato troppo costoso. Interpellati, gli eredi della signora Maifredi hanno fatto sapere di non voler commentare la presa di posizione dell'Aref, ma hanno tenuto a sottolineare di essere a posto con tutte le autorizzazioni necessarie, nulla osta dell a Soprintendenza ai beni artistici e architettonici compreso. Scettica l'Aref: Risulta difficile capire come sia stato possibile approvare la copertura del testamento dei maggiori artisti bresciani degli anni Cinquanta.
DI SICURO nello stabile i ponteggi dimostrano l'esistenza di lavori in corso, anche se gli operai affermano che quando i lavori per la ristrutturazione di un appartamento al primo piano sono iniziati, le mura del cortile erano gi state imbiancate. Versione che stride con chi ricorda i colori sgargianti e le figure semiastratte di Lancini presenti fino a due settimane fa. Un altro piccolo giallo rappresentato dalla mancanza dei cartelli lavori in corso. Lavori che, secondo chi conosce bene il palazzo, gi erano stati effettuati pochi anni fa, tanto che difficile immaginare la necessit di ulteriori restauri. In ogni caso, alla rivoluzione estetica sono sopravvissuti solo pochi affreschi, che seppur significativi. rendono mutilato il Cenacolo. Molto ridotte, secondo l'Aref, le speranze di poter riportare alla luce i dipinti: dipende da come sono stati effettuati i lavori. Per gli esperti, se i dipinti di Lancini fossero stati coperti con una pellicola protettiva subito dopo la loro realizzazione, potrebbero ancora salvarsi. E lo stesso potrebbe accadere se la pittura fosse penetrata anche solo parzialmente nel dipinto.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news