LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gestire il museo con piccoli passi
Giuliana Ericani *
Il Sole 24 ore - Domenica 4/3/2012

* Giuliana Ericani Direttrice dei Musei Civici di Bassano del Grappa

Le raccolte civiche vengono vissute come proprie dai cittadini, ma per renderle appetibili servono nuove esposizioni e nuove tecnologie

Bassano del Grappa nota in Italia per aver aggiunto, dopo la Prima guerra mondiale, al suo nome di origine romana quello del monte che la domina, sacro alla Patria, nome talvolta confuso con quel bianco distillato amato dagli Alpini che ricostruirono nel 1946 uno dei pochi ponti in legno in Europa, tirato da Palladio nel 1570 tra le due rive della Brenta e ricostruito pi volte com'era dov'era. Bassano nota nella museografia italiana per uno dei pi antichi musei civici, fondato, con uno spirito ancora illuminista, nel 1829 da un grande paleontologo italiano del Settecento, bassanese, Gian Battista Brocchi. Aperto nel 1840, primo museo civico del Veneto, con il fondo Brocchi e le opere provenienti dalle chiese della citt, di Jacopo Bassano principalmente, diviene, grazie a continue donazioni, la struttura complessa che ora, Museo Biblioteca Archivio, mantenendo l'unione tra i diversi istituti della cultura com'era nell'assetto istituzionale di secondo Ottocento. Subito dopo l'apertura, e grazie a essa, arrivano le enormi donazioni dei Remondini e di Giambattista Sartori Canova, la prima costituita da 23mila opere - 8.500 stampe di collezione, 7mila stampe Remondini, 2.700 libri, 83o carte decorate, 2.265 carte, 1.200 documenti -, la seconda,1.900 disegni, la corrispondenza e gli scritti, i monocromi, modelli in terracotta e in gesso, calchi, la met di quanto conservato nello studio romano di Antonio Canova, equamente diviso dal donatore con Possagno. Il museo cresce nel suo spirito identitario, caratteristica delle sue collezioni, legate alla storia della citt, ma anche del ruolo centrale che occupa nella stessa societ cittadina, dai primi dell'Ottocento a oggi. Questo legame assicurato oggi da una delle Associazioni degli Amici dei musei pi antiche e numerose d'Italia, che festegger i suoi 50 anni nel 2013 e dalla continuit dei doni, esposti ogni anno in Museo dalla festivit patronale del 23 gennaio. Bassano una realt amministrativa di piccole dimensioni, ha 43mila abitanti, con un bacino di utenza di circa 120mila persone. Una realt molto piccola per tre nuclei museali, la sede storica principale con la Pinacoteca, le sezioni archeologiche e il Gabinetto stampe e disegni, e il polo delle arti decorative con il Museo della Ceramica e il Museo Remondini in Palazzo Sturm. A questi due nuclei si va aggiungendo il nuovo Museo di Storia naturale, in costruzione, anticipato dal 2006 in una mostra permanente zoologica in un altro edificio storico oltre Brenta, Palazzo Bonaguro. In un momento di grave crisi finanziaria, nel quale il costo della cultura non stato oggetto da parte dei governi degli ultimi anni neanche della definizione dei relativi standards, la gestione di questo patrimonio costituisce un problema che stiamo affrontando sia nella revisione dei modi della gestione sia nella quotidianit di essa. L'analisi dei risultati delle differenti azioni messe in atto negli ultimi cinque anni ci ha convinto che la politica, continua, dei piccoli passi, tutti nel segno dell'innovazione, la politica vincente. Buona amministrazione, attenzione per il territorio, gestione professionale del patrimonio, con formazione continua del personale, variet e innovazione delle proposte allestitive e nelle manifestazioni, nelle sponsorizzazioni e nel partenariato, nel marketing, soprattutto delle immagini, e nella comunicazione, innovazione nei sistemi di visita con l'introduzione di nuove tecnologie e interazione tra video guide e sito stanno portando a una crescita lenta ma continua nel numero dei visitatori. Particolare attenzione stata posta nelle nuove proposte allestitive, dallo studio minimale delle luci alla revisione delle opere dai depositi per una nuova esposizione nelle sale, attuata a partire dal 2004 in Pinacoteca e nelle sezioni archeologiche, ai nuovi allestimenti, in particolare del Museo Remondini, nel 2007, e del Museo della Ceramica alla fine del 2011, con la sua titolazione al grande mecenate Giuseppe Roi, che nel 2010 vi ha destinato 585 ceramiche facendone a oggi la pi grande raccolta in Italia di ceramica veneta. Questi due ultimi allestimenti risultano particolarmente gratificanti nei risultati, anche per l'attestazione di Museo dell'anno Icom nel 2010 per il Museo Remondini. l Remondini sono stati, a met del Settecento la pi grande realt, imprenditoriale, oltre che artistica, di calcografia e tipografia esistente in Europa. La richiesta della Citt di titolare a loro un museo della stampa si posta come una sfida nel superare i problemi legati alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio cartaceo, sfide superate nell'allestimento, studiato congiuntamente tra il comitato tecnico e l'allestitore, con attenzioni alle luci, agli strumenti della didattica, alla piacevolezza della visita, aperta alla scoperta, al gioco e alla meraviglia - partendo dalle sagome di Luzzatti - , ma soprattutto grazie alla possibilit di ruotare i materiali, 350 fogli, due volte l'anno da parte di personale interno, professionalmente preparato. La meraviglia e una nuova scelta nell'apparato didascalico sono al centro del nuovo allestimento del Museo della Ceramica, che supera le difficolt di visita consueta ai musei di arti decorative, nelle quali i decori, solitamente di piccole dimensioni, risultano di difficile lettura e di poco appeal per il visitatore medio. Quanto fin qui detto entra nel campo della ricerca che il museologo porta avanti per offrire un nuovo museo possibilmente a un nuovo visitatore. Tuttavia quello che nei musei deve continuare la ricerca nei contenuti. Il lavoro dell'Istituto di ricerca per lo studio su Canova e il Neoclassicismo, comunale, e nel Comitato per l'Edizione nazionale delle opere di Antonio Canova, ministeriale, istituti che ci sono riconosciuti a livello internazionale, rappresenta parte della conoscenza dei nostri musei, da incentivare con fondi pubblici e privati.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news