LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GENAZZANO (RM) - Cinque ville con vista ninfeo. Cementificati Li iardini intorno al monumento di Bramante.
Piero Scatizzi
Il Giornale dell'Arte (marzo)

A Genazzano si sta attuando una vandalica opera di cementificazione ai danni del suo pi insigne monumento di epoca rinascimentale: il cosiddetto Ninfeo attribuito dall'universalit della comunit scientifica a Donato Bramante o alla sua scuola. Una lottizzazione speculativa prevede la costruzione di cinque ville a ridosso e sovrastanti la valletta del Ninfeo, a meno di 2(X) passi dal monumento. Il cantiere gi avviato e procede molto rapidamente. Un muro in cemento che divide il cantiere dalla valletta gi stato portato a termine e, assieme alle fondamenta delle ville e ai ponteggi. costituisce un nuovo, incredibile e barbarico sfondo urbano, sostituendo il bosco di Colle Pezzuto che da 500 anni fino a poco tempo fa costituiva lo sfondo naturalistico, coreografico e paesaggistico del Ninfeo. Il Ninfeo di Genazzano, come altri edifici rinascimentali, costituiva un luogo appartato di svago e di soggiorno estivo e rispondeva a un topos tipico della cultura rinascimentale, il Ilio-go di delizie appartato sul bordo di un corso d'acqua odi un laghetto e circondato dal verde in fondo a una valletta ombrosa. Quindi quel fondale naturale di alberi e boscaglia faceva parte integrale della splendida invenzione architettonica, prospettica spettica e paesaggistica del Bramante, quel fondale che oggi stato arbitrariamente distrutto e sostituito da un lungo orrendo muro di cemento e da banali ville moderne in costruzione. Il Ninfeo non era un edificio isolato, ma era circondato da un giardino che si estendeva dalla fonte di Soglia tino alla valletta e al suo laghetto artificiale e fino alle pendici boscose del Colle Pezzuto. Del giardino restano le testimonianze nelle planimetrie settecentesche, nel toponimo invalso dal Cinquecento a oggi (Li iardini), in una testimonianza letteraria del 1524. nelle memorie storiche tramandate dal medico Giuseppe Giuli (primo Settecento) e dallo storico locale Girolamo Senni (1838). La rilevanza storico-artistica del Ninfeo stata messa in risalto dalla comunit scientifica in riferimento al complesso scenografico e prospettico che l'edificio creava con il laghetto, la valletta e le pendici boscose soprastanti, elementi che, secondo la consueta sapienza ideativa bramantesca, producevano un suggestivo effetto di spazio teatrale naturalistico. In tal senso gli studiosi contemporanei avvicinano l'invenzione spaziale naturalistica del Ninfeo di Genazzano alle pi alte prove coeve di tal genere: il Belvedere di Bramante in Vaticano e la Villa Madama di Raffaello a Monte Mario. Questa invenzione spaziale-naturalistica, cos rara e pregevole e cos importante perla ricostruzione della civilt artistica del Rinascimento, oggi stata barbaramente cornpromessa,ci auguriamo in modo non irreversibile. Il Ninfeo di Genazzano col suo giardino costituisce patrimonio della comunit di Genazzanoe ancor pi patri mania dell'Umanit, come dimostrano l'importanza e la quantit degli studi che gli vengono dedicati dai membri della comunit scientifica internazionale. Difatti questo complesso, unico al mondo nel suo genere, da anni oggetto degli studi che affrontano il tema della sperimentazione bramante-sca e il tema dell'imitazione o ricostruzione dell'Antico in epoca rinascimentale. Chiediamo al Ministro per i beni culturali e a tutti gli amministratori pubblici competenti la messa in atto di tutte le misure necessarie per arrestare lo scempio paesaggistico e urbanistico in corso e per riportare il giardino del Ninfeo all'equilibrio naturalistico che la storia, l'interesse della comunit culturale e il tradizionale affetto del popolo di Genazzano per questo luogo esigono, pretendono e rivendicano. U Piero Scatlii Presidente della Associazione Culturale '.Clavis Aurea-, Genazzano.



news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news