LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Scala. La fantasia rigorosa ed economa
Stphane Lissner *
Il Sole 24 ore - Domenica 11/3/2012

* Stphane Lissner Sovrintendente e Direttore artistico del Teatro alla Scala

Nella imponente risposta che il Manifesto della cultura lanciato dal Sole 24 Ore ha sollecitato, ho letto parole che da tempo sognavo di leggere, in particolare nella lettera con la quale tre ministri del nostro Governo - Lorenzo Ornaghi, Corrado Passera, Francesco Profumo - hanno sottoscritto i motivi di questa chiamata a raccolta. Lo Stato disposto ad accogliere di nuovo la cultura fra i suoi primi pensieri. Cos siamo invitati a credere. Ma la promessa non nasconde il tema che scotta, in questo momento difficile dell'Italia in una Europa che finora ha costruito un'unione economica, peraltro imperfetta, non certo un'unione culturale, non un'Europa dei valori e delle idee comuni: quanto costa la cultura e quanto siamo disposti a spendere per far s che continui ad alimentare quell'area di pensiero che rende la vita migliore, o addirittura degna di essere vissuta? Una inarrestabile curva discendente fotografa l'impegno dello Stato e degli Enti pubblici nel sostegno al teatro d'opera e a ogni forma di espressione della cultura nazionale. La riforma che nel 1998 trasform i vecchi Enti Lirici in Fondazioni aveva uno scopo: costringere i teatri a "mettersi sul mercato" per cercare nel privato risorse nuove. Ma lo spirito della riforma era che quelle risorse servissero per produrre di pi e meglio, non per sostituirsi al sostegno pubblico. Oggi quel principio quasi completamente ribaltato. Nel 1998 i contributi dello Stato e degli Enti locali rappresentavano il 61% del bilancio della Scala, nel 2011 sono scesi al 46%, nel 2012 al 37,5 per cento. Lo Stato si attesta al solo 25 per cento. una percentuale compatibile con lo slogan comodo e a buon mercato del "gravare sulle spalle dei contribuenti"? Anche considerando che, a fronte di circa 30 milioni di contributi statali, nel 2011 la Scala ha "restituito" 36 milioni di tasse?
I privati. Da loro ci attendiamo che non siano n mecenati n mercanti, ma cittadini consapevoli, al servizio di un'impresa che produce merce strana eppure necessaria alla vita di tutti, ogni giorno. I moltissimi soci fondatori, sponsor e sostenitori privati, che danno alla Scala ben 30 milioni di euro a stagione, li ho sempre visti agire secondo questo spirito: come civil servant di un teatro pubblico in cui si riconoscono perch credono nel suo progetto artistico, concreto e chiaro, e nell'istituzione. Il loro contributo, insieme ai 32 milioni di abbonamenti e di biglietteria, porta l'autonomia della Scala, nel 2012, alla percentuale del 62,5% di risorse proprie sull'intero bilancio. Un passo ancora e ci avviciniamo pericolosamente alla privatizzazione. Tutti siamo chiamati a fare la nostra parte di sacrifici, a controllare le spese, a rendere conto del nostro operato, e la Scala non si sottrae al dovere di far lavorare la fantasia per accordare le tonalit lontane della qualit artistica e del rigore economico, entrambi assolutamente necessari. Ma se davvero in corso un ripensamento nei confronti di quel cemento sociale che si chiama cultura, dobbiamo augurarci un cambiamento altrettanto culturale. Che cerco di spiegare con un esempio. Il collezionista di alto profilo, ieri come oggi, non chi compra quadri qualsiasi, a occhi chiusi, pensando solo al plusvalore del giorno dopo. I collezionisti che hanno fatto la storia e la cultura dell'arte sono quelli che hanno acquistato con passione e competenza, spendendo a volte poco a volte molto, rischiando di sbagliare, ma sempre con fiducia e convinzione. Il Manifesto della cultura alimenta una speranza: che lo Stato prenda a modello lo slancio creativo dei secondi, non il calcolo triste dei primi.



news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news