LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LAQUILA - Settis visita L'Aquila Istituzioni assenti cos l'arte muore
MICHELA CORRIDORE
IL CENTRO - 15 marzo 2012

La citt abbandonata sembra quasi che si sia rinunciato a ricostruirla. In Italia c' la cultura dell'emergenza perpetua. Lo sguardo basso sui sampietrini delle vie distrutte dal terremoto si alza solo di tanto in tanto per scrutare, quasi di nascosto, le ferite della citt colpita nel cuore il 6 aprile 2009. Sono passati tre anni. E incredulo, perplesso, arrabbiato Salvatore Settis, mentre in un pomeriggio freddo, nonostante il sole che batte sulle facciate dei palazzi, passeggia per le strade aquilane. Questo il simbolo del fatto che in Italia le istituzioni non funzionano, dice davanti a Santa Maria Paganica, l'ennesima chiesa che scopre chiusa, inagibile, senza neanche una ruspa davanti. Con lui c' Luciano Marchetti, commissario alla ricostruzione dei beni culturali. L'archeologo e storico dell'arte italiano, autore di numerosi saggi sul patrimonio artistico in abbandono e del libro-denuncia "Paesaggio Costituzione Cemento", fino al 2010 direttore della scuola Normale superiore di Pisa e in lizza per diventare ministro della cultura del Governo Monti, ha iniziato il tour fra le macerie dall'ex convento di San Domenico. Alle 17 lo attendono alla sala convegni Strinella 88 per parlare proprio su "Paesaggio costituzione e cemento. L'Aquila citt simbolo della battaglia per l'ambiente e contro il degrado del patrimonio culturale". Nel cortile interno dell'ex convento Salvatore Settis ha accarezzato una colonnina di pietra e poi ha buttato lo sguardo tutt'intorno sui finestroni che scoprono le montagne e la citt. Avanti verso piazza San Pietro, Santa Maria Paganica, piazza Palazzo e il Duomo. Un percorso di quasi due ore durante il quale riflette non solo sullo stato dell'arte della ricostruzione all'Aquila, ma anche su tutto il sistema culturale italiano. Professor Settis, che impressione le fa vedere la citt del post-sisma? E la prima volta che vengo all'Aquila dopo il terremoto. Vedo che qui si muove poco o nulla. Quella notte ero a Verona, ma ho sentito molto forte il sisma. La citt abbandonata, sembra quasi che si sia rinunciato a ricostruirla. Si dato per scontato che gli aquilani avrebbero lasciato per sempre il centro storico per andare a vivere nei nuovi piccoli agglomerati che si sono creati dopo il terremoto, devastando il paesaggio. C' la cultura dell'emergenza perpetua, come in tutta Italia. E lo Stato che non funziona e ha rinunciato a fare il proprio dovere. Perch a suo avviso la ricostruzione del centro ancora non partita? La politica di blocco delle assunzioni a livello nazionale sta dando i suoi frutti (dice con ironia, ndr). E questi sono i risultati. La ragione per cui le strutture non gestiscono lo straordinario che non hanno personale neanche per l'ordinario. Non possibile assumere i giovani e gli anziani non sanno a chi tramandare le proprie conoscenze. Le soprintendenze sono allo stremo. A Pompei nel 2001 andato in pensione l'ultimo mosaicista, poi ci si chiede il perch i mosaici della citt romana vanno in malora. Il passaggio da una cultura della manutenzione alla cultura del nulla sta uccidendo il patrimonio italiano. Cosa possibile fare contro questo immobilismo? Per far ripartire la ricostruzione all'Aquila bisognerebbe dare degli incentivi ai privati per accelerare la rinascita del centro. Certo sono necessarie risorse pubbliche. L'incapacit di gestire l'emergenza l'altra faccia della medaglia del problema. La nuova L'Aquila: come e dov'era o con un altro volto? L'Aquila attualmente tra le realt pi delicate e interessanti. Bisogna fare il massimo per conservare il pi possibile, poi si decider se bisogna innovare qualcosa. Ma importante avere un piano ben chiaro prima di operare. La citt inscindibile dal rapporto con il paesaggio circostante. Questo equilibrio stato sconvolto dalle ultime generazioni: gli italiani in passato hanno insegnato al mondo come si realizza una citt, ora stanno insegnando come si distrugge. Cosa pensa delle costruzioni antisismiche nate dopo il terremoto? Le "new town" sono state una necessit, ma mentre alcune (come quella di Onna) sono temporanee a tutti gli *** effetti, altre hanno tutta l'aria di essere luoghi destinati a durare. La cosa che stupisce che con queste abitazioni si sono mortificati non solo il paesaggio circostante, ma anche la socialit: non esistono luoghi di ritrovo in questi nuovi agglomerati. Questo alienante e preoccupante. L'Aquila chiama Italia. L'Aquila una questione nazionale, non solo per i suoi significativi monumenti, ma perch il simbolo dell'Italia che non funziona. Da osservatore esterno posso dire che non avrei mai immaginato una situazione del genere. II tempo di una breve visita al Duomo, ancora sventrato: Fa impressione vederlo ancora cos. Michela Corridore



news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news