LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LAQUILA - Settis visita L'Aquila Istituzioni assenti cos l'arte muore
MICHELA CORRIDORE
IL CENTRO - 15 marzo 2012

La citt abbandonata sembra quasi che si sia rinunciato a ricostruirla. In Italia c' la cultura dell'emergenza perpetua. Lo sguardo basso sui sampietrini delle vie distrutte dal terremoto si alza solo di tanto in tanto per scrutare, quasi di nascosto, le ferite della citt colpita nel cuore il 6 aprile 2009. Sono passati tre anni. E incredulo, perplesso, arrabbiato Salvatore Settis, mentre in un pomeriggio freddo, nonostante il sole che batte sulle facciate dei palazzi, passeggia per le strade aquilane. Questo il simbolo del fatto che in Italia le istituzioni non funzionano, dice davanti a Santa Maria Paganica, l'ennesima chiesa che scopre chiusa, inagibile, senza neanche una ruspa davanti. Con lui c' Luciano Marchetti, commissario alla ricostruzione dei beni culturali. L'archeologo e storico dell'arte italiano, autore di numerosi saggi sul patrimonio artistico in abbandono e del libro-denuncia "Paesaggio Costituzione Cemento", fino al 2010 direttore della scuola Normale superiore di Pisa e in lizza per diventare ministro della cultura del Governo Monti, ha iniziato il tour fra le macerie dall'ex convento di San Domenico. Alle 17 lo attendono alla sala convegni Strinella 88 per parlare proprio su "Paesaggio costituzione e cemento. L'Aquila citt simbolo della battaglia per l'ambiente e contro il degrado del patrimonio culturale". Nel cortile interno dell'ex convento Salvatore Settis ha accarezzato una colonnina di pietra e poi ha buttato lo sguardo tutt'intorno sui finestroni che scoprono le montagne e la citt. Avanti verso piazza San Pietro, Santa Maria Paganica, piazza Palazzo e il Duomo. Un percorso di quasi due ore durante il quale riflette non solo sullo stato dell'arte della ricostruzione all'Aquila, ma anche su tutto il sistema culturale italiano. Professor Settis, che impressione le fa vedere la citt del post-sisma? E la prima volta che vengo all'Aquila dopo il terremoto. Vedo che qui si muove poco o nulla. Quella notte ero a Verona, ma ho sentito molto forte il sisma. La citt abbandonata, sembra quasi che si sia rinunciato a ricostruirla. Si dato per scontato che gli aquilani avrebbero lasciato per sempre il centro storico per andare a vivere nei nuovi piccoli agglomerati che si sono creati dopo il terremoto, devastando il paesaggio. C' la cultura dell'emergenza perpetua, come in tutta Italia. E lo Stato che non funziona e ha rinunciato a fare il proprio dovere. Perch a suo avviso la ricostruzione del centro ancora non partita? La politica di blocco delle assunzioni a livello nazionale sta dando i suoi frutti (dice con ironia, ndr). E questi sono i risultati. La ragione per cui le strutture non gestiscono lo straordinario che non hanno personale neanche per l'ordinario. Non possibile assumere i giovani e gli anziani non sanno a chi tramandare le proprie conoscenze. Le soprintendenze sono allo stremo. A Pompei nel 2001 andato in pensione l'ultimo mosaicista, poi ci si chiede il perch i mosaici della citt romana vanno in malora. Il passaggio da una cultura della manutenzione alla cultura del nulla sta uccidendo il patrimonio italiano. Cosa possibile fare contro questo immobilismo? Per far ripartire la ricostruzione all'Aquila bisognerebbe dare degli incentivi ai privati per accelerare la rinascita del centro. Certo sono necessarie risorse pubbliche. L'incapacit di gestire l'emergenza l'altra faccia della medaglia del problema. La nuova L'Aquila: come e dov'era o con un altro volto? L'Aquila attualmente tra le realt pi delicate e interessanti. Bisogna fare il massimo per conservare il pi possibile, poi si decider se bisogna innovare qualcosa. Ma importante avere un piano ben chiaro prima di operare. La citt inscindibile dal rapporto con il paesaggio circostante. Questo equilibrio stato sconvolto dalle ultime generazioni: gli italiani in passato hanno insegnato al mondo come si realizza una citt, ora stanno insegnando come si distrugge. Cosa pensa delle costruzioni antisismiche nate dopo il terremoto? Le "new town" sono state una necessit, ma mentre alcune (come quella di Onna) sono temporanee a tutti gli *** effetti, altre hanno tutta l'aria di essere luoghi destinati a durare. La cosa che stupisce che con queste abitazioni si sono mortificati non solo il paesaggio circostante, ma anche la socialit: non esistono luoghi di ritrovo in questi nuovi agglomerati. Questo alienante e preoccupante. L'Aquila chiama Italia. L'Aquila una questione nazionale, non solo per i suoi significativi monumenti, ma perch il simbolo dell'Italia che non funziona. Da osservatore esterno posso dire che non avrei mai immaginato una situazione del genere. II tempo di una breve visita al Duomo, ancora sventrato: Fa impressione vederlo ancora cos. Michela Corridore



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news