LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Il cacciatore del Leonardo perduto
MICHELE SMARGIASSI
La Repubblica 16-03-12







Il capolavoro perduto di Leonardo l sotto: lui lo sente, lo crede, lo sa. cos vicino che potrebbe allungare la mano dal ponteggio nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, e toccarlo, se non ci fossero di mezzo due centimetri di affresco del Vasari, poi 15 di mattoni, poi due o tre di vuoto.

L'ingegner Maurizio Seracini non mai stato cos vicino al mistero che insegue da trentasette anni, cacciatore ad altissima tecnologia all'inseguimento di una preda vecchia cinque secoli che gioca a rimpiattino con le sue armi da Superman, radar, termografie, laser, ma che ora, forse, s' lasciata prendere per un'unghia, con l'ultimo attrezzo dell'arsenale: un endoscopio da chirurgo capace di frugare nelle profondit di un muro intoccabile.

Briciole. Quel che ha in mano Seracini, bio-ingegnere specializzato in storia dell'arte, 2.600 indagini scientifiche su pitture e architetture, docente all'Universit americana di San Diego, un minuscolo gruzzolo di polvere e schegge: ma sono materiali da pittore, non da muratore, e appartengono, lui ne convinto, alla Battaglia di Anghiari. E allora guardare l'altra Battaglia, l'affresco con cui il Vasari nel 1557 avrebbe ricoperto il fallimento pi sublime e doloroso del genio di Vinci, per Seracini un supplizio di Tantalo: Qui sotto pu esserci il capolavoro del Rinascimento... Quale paese al mondo si lascerebbe scappare l'opportunit?. Perforare un'opera compiuta per cercarne una che potrebbe non esserci? Spendere milioni di euro per un mistero magari deludente? Le polemiche infuriano, fuori dal portone. Ma in questa sala carica di storia ora ci sono solo un cercatore, il suo Graal, e una sfida. La pulce nell'orecchio gliela mise per primo Carlo Pedretti, "leonardista" illustre, suo docente negli Stati Uniti, incontrato nel 1975 a Firenze mentre cercava tracce della Battaglia, l'affresco "nona fresco", il manifesto politico che la rinata Repubblica commission a Leonardo nel 1503, e che lui volle realizzare a modo suo, senza la fretta dell'affrescatore, con una tecnica inusitata: dipingere a olio sul muro, come fosse una tavola; il capolavoro per gli si disfece sotto gli occhi.

Tutto quanto? Al massimo restano tracce malandate, inutile cercare, protestano gli scettici. Ma una parte delle figure rimase leggibile a lungo, ne furono fatte copie, ne parlano i testi, ribatte Seracini: per esempio quel Doni che nel 1549 invitava a visitare un pezzo di battaglia di Lionardo da Vinci, che vi parr una cosa miracolosa. Altro che "tracce malandate", l sotto c' Leonardo.

Ma dove? Per aiutare il suo maestro, Seracini cominciaa sondare le pareti con ultrasuoni e termografie, scopre finestre tamponate, scale demolite, ingressi chiusi, e capisce che la parete su cui Leonardo lavor non era quella nord, dove si pensava, ma l'opposta: la sala aveva cambiato struttura nel tempo. Poi scopre che sulla parete giusta, dietro al Vasari, c' un'intercapedine lasciata forse dal pittore che, quando ricopri cavalli di Leonardo, lui che li aveva tanto ammirati, forse li risparmi cos. Bisogna allora andarea vedere l dietro. Seracini citato nel Codice da Vinci di Dan Brown, ma la mia non fantasy, scienza. Pensa di usare l'ultravista della diagnostica per immagini. Adattando all'arte strumenti nati per la medicina. Nel 2000, Seracini prepara uno scanner ad attivazione neutronica in grado di frugare nei corpi opachie scoprirvi la presenza di idrogeno e, grazie ai raggi gamma, di varie sostanze.

L'idea di cercare sostanze simili ai materiali pittorici notoriamente utilizzati da Leonardo, l'olio di lino, le lacche, le resine. Ma dopo esperimenti con l'Enea, all'improvviso arriva uno stop dalle autorit culturali: niente radiazioni a Palazzo Vecchio. Sembra la fine di tutto, ma Seracini ha un'altra idea. Andarea vedere con gli occhi. Cio quella protesi degli occhi che i medici adoperano per frugare i corpi umani: l'endoscopio. Bisogna per trapassare fisicamente il dipinto del Vasari.

Esplode l'indignazione degli storici dell'arte, ma si pu fare senza ridurlo a un colapasta, l'affresco offre varchi innocui, stuccature tarde, micro-crepe. L'ingegnere chiede 14 accessi. Sotto la pressione delle polemiche sul "Vasari trapanato", l'Opificio delle Pietre Dure, tutore dell'arte fiorentina, gliene concede solo sei, per giunta periferici rispetto all'area dove penso sia il cuore della Battaglia. Sconforto, ma l'unica occasione.

Il trapano fa sei forellini, da 6 millimetri a 2 centimetri. Seracini di persona inserisce la sonda, una telecamera tubolare con luce, di 4 millimetri di diametro.

Non lo nego, speravo nel miracolo: vedere un occhio, un dito, un ciuffo di peli di criniera. Delusione. Dai fori 1, 2 appare intonaco neutro. I fori 3, 5 e 6 non beccano neppure l'intercapedine, ma restano ingabbiati dentro i mattoni d'appoggio tra le due pareti. Solo dal foro 4 la sonda raggiunge una cavit,e vede l'agognata parete misteriosa.

Ahim, niente occhi n criniere.

Grumi di materia grezza. Ma colorata. Scaglie brune: cocciopesto? Una superficie rossa cosparsa di puntini neri, regolari: tracce di uno "spolvero", il riporto del disegno dal cartone al muro? E ancora, una superficie beige aderente come stesa con un pennello. Con un microcucchiaio preleva con fatica frammenti di meno di un millimetro, abbastanza per passare al laboratorio. E le analisi sui campioni, che metter a disposizione di qualsiasi verifica, confermano che non roba da muratori, ma da pittori: il rosso un pigmento di calcite e ferro, le scaglie sono base di una lacca che sembra molto simile a quella usata nell' Adorazione dei Magi degli Uffizi; il nero terra d'ombra pi biossido di manganese, componenti delle tinte scure dei pittori dell'epoca, ma con la proporzione tra ferro e manganese tipica di Leonardo, la stessa trovata dal Louvre nel San Giovanni Battista e nella Gioconda.

Ma questi referti da analisi del sangue, sono Leonardo? Tra un grumo di polvere e la Battaglia di Anghiari, professore, c' un mare. Seracini non forza la mano: So di non avere ancora colpito il big target, il bersaglio grosso. Ma sono indizi fortissimi. Che ci fanno in un muro lacche e pigmenti? Proprio l dove li cercavo? Su quella parete nascosta qualcuno dipinse, e non pu essere stato nessun altro, n prima n dopo Leonardo, non c' alcun documento che parli neppure di decorazioni, eppure le spese pi minuziose per quella sala sono tutte documentate.

Fermarsi qui sarebbe assurdo. Siamo a un passo dalla soluzione. Trapanare ancora il Vasari?O smontarne qualche tassello? un affresco bisognoso di restauri, e gli affreschi possono essere rimossi. Guarda lo schermo colorato che lo separa dal sogno di una vita come Schliemann dovette guardare la collina di Troia: Mi hanno concesso spiragli per 6-7 centimetri, per sondare un'area di 200 metri quadri, tre volte l' Ultima cena. Mi basterebbe una finestra un po' pi grande,e al posto giusto. Sperando di vederci spuntare quell'occhio, quel crine? In un bordo del suo affrescoschermo, proprio sulla verticale dell'area dove potrebbe esserci il Leonardo, Vasari dipinse una bandierina verde con la scritta bianca "cerca trova". Da trentasette anni, o da cinque secoli, per Seracini quella una sfida.



news

26-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news