LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Uno spreco il ponte di Calatrava. Il pm chiede i danni all'archistar
Alessandro dellOrto
Libero 17/3/2012

Novanta giorni per difendersi
Spese lievitate da 4 a oltre 11 milioni e manutenzione carissima: la Corte dei Conti indaga il noto progettista spagnolo ed esige spiegazioni su 3 milioni di troppo

LA SCHEDA
L'INFRASTRUTTURA stata progettata per collegare la sponda del Canal Grande (lato Piazzale Roma), con quella lato Ferrovia. Fin da subito i veneziani si misero contro quest'opera ritenuta inutile
I COSTI
Nel '99 il Comune di Venezia affid il progetto all'architetto Santiago Calatrava. I lavori furono affidati all'impresa Cignoni che s'aggiudico la gara per l'importo esatto fornito dal Comune: 4 milioni. Dopo oltre un decennio di polemiche roventi e di ritardi, l'opera costata oltre 11 milioni
LA CORTE DEI CONTI
La Corte dei Conti del Veneto contesta a 6 temiti comunali, tre direttori operativi del Comune, il direttore dei lavori e i responsabili del procedimento, un danno erariale di dica 3,3 milioni di euro

Per essere bello, bello. Elegante, forma arcuata, larghezza di 6 metri, struttura in acciaio, pavimenti e parapetti in vetro, corrimano in ottone. Per essere comodo, comodo. Ottantuno metri e pochi passi sopra l'acqua per ritrovarti dai parcheggi per auto di Piazzale Roma alla Stazione di Santa Lucia, pi un'ovovia che permette di trasportare i portatori di handicap. Gi, bello e comodo. D'altronde, quando (nel 1999) a Venezia hanno voluto costruire il Quarto ponte sul Canal Grande, l'allora sindaco Massimo Cacciari si affidato (il progetto stato regalato al Comune in cambio di una consulenza alla direzione lavori remunerata con oltre 245mila euro) ad una star - anzi una archistar , mica a uno qualsiasi: il famoso architetto, scultore ed ingegnere spagnolo Santiago Calatrava, uno specialista del settore tanto caro alla sinistra (a Reggio Emilia ha progettato i ponti "strallati" sull'autostrada Al e la Stazione Ferroviaria per l'Alta Velocit che dovrebbe essere inaugurata il prossimo dicembre, ma che da sempre ha creato polemiche per i costi), uno che nel mondo ha realizzato anche il puente de la Mujer di Buenos Aires, il puente del Alamillo sul Guadalquivir e 1'Oberbaumbrcke di Berlino. Niente da dire.
E cos, dopo nove anni di lavoro - opl - la notte dell'11 settembre 2008 i veneziani hanno finalmente potuto inaugurare la tanto attesa opera, nel frattempo rinominata Ponte Calatrava e poi definitivamente Ponte della Costituzione. Il quale ponte per essere bello, bello. Per essere comodo, comodo. Per essere costoso, per, troppo costoso. Supercostoso e ora lo ha stabilito anche la Procura regionale della Corte dei conti, che dopo sette annidi inchiesta per presunto danno erariale, ha individuato sette presunti responsabili cui si accinge a presentare il conto. Un conto salato pi dell'acqua del Canal Grande: tre milioni 346mila 700 euro - sugli 11,2 del costo finale - che sarebbero il risultato delle spese causate dalla progettazione non accurata e dalla gara bandita in modo inadeguato e non corretto, come aveva gi avuto modo di definire la stessa Autorit per la vigilanza sui contratti pubblici. S, finalmente qualcuno ha avuto il coraggio di mettere in discussione (l'inchiesta penale stata archiviata) il lavoro delle archistar, grandi creatori di opere d'arte, s, ma troppo spesso anche grandi creatori di caos economici quando si tratta di fare conti e preventivi e l'esempio pi immediato quello della Citt dello sport di Roma, sempre progettata da Calatrava: doveva essere inaugurata nel 2009 per i Campionati mondiali di nuoto, ma non ancora pronta e il costo in cinque anni lievitato da 65 a 608 milioni... La Procura della Corte dei
Conti, dunque, ha spedito all'architetto quello che tecnicamente si chiama un "Invito a dedurre" (deve presentare entro 90 giorni deduzioni o documenti per la propria difesa) che non ancora stato notificato perch il progettista spagnolo attualmente si trova negli Usa. Oltre a lui, l'invito stato mandato a sei dirigenti pubblici che si sono alternati nel ruolo di responsabile unico del procedimento, direttore dei lavori e direttore operativo (Roberto Scibilia e Salvatore Vento, Roberto Casarin, Franco Bonzio, Luigi Licciardo, Hermes Redi), e nei loro confronti - cos ha scritto il procuratore Carmine Scarano - sono emersi validi elementi per una citazione in giudizio per danno erariale dinanzi alla Corte. Perch, sempre secondo Scarano, la realizzazione del ponte ha comportato un oggettivo e sconsiderato aumento dei costi rispetto agli oneri inizialmente preventivati - di fatto, totalmente disattesi - e comporter per il futuro un costante e spropositato esborso economico da parte dell'amministrazio-ne. Tradotto, spese esagerate di manutenzione in quanto l'opera affetta da una patologia cronica caratterizzata dalla necessit di un costante monitoraggio e dal continuo ricorso ad interventi non riconducibili, in alcun modo, ad interventi di ordinaria manutenzione. Come dire, un ponte bello e comodo, ma costruito male ed ora ufficialmente troppo costoso.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news