LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trieste. Via libera a Greensisam: prime gru in Porto Vecchio
Piero Rauber
Il Piccolo - Trieste 14/4/2012

Il gruppo Maneschi ha ottenuto il s dalla Soprintendenza al restauro di 5 hangar per la sede di Italia Marittima. Investimento da 140 milioni. Si parte in luglio

Trentasettemila metri quadrati - in confronto ai 65 ettari della mega-concessione data due anni fa dall'Authority di Boniciolli a Portocitt Srl, dietro la promessa di rilancio dell'intero water-front di Porto Vecchio - non valgono per estensione pi del cantuccio di un grande appartamento. Meno del 6%, a conti fatti. Pur tuttavia, anche in virt della sua collocazione - giusto all'imbocco pi vicino al centro citt, alle spalle della Capitaneria - quel cantuccio, storicamente in concessione a Greensisam, destinato a diventarne l'avamposto buono, di quel grande appartamento. Un avamposto proiettato verso quel Magazzino 26, l'unico gi bell'e recuperato, che oggi fa il figurane della cattedrale nel deserto. "Buono" nel senso che - in virt del via libera definitivo, fresco fresco, rilasciato dalle Belle arti in cambio dell'ultima variazione al progetto, che prevede in primis semplici coperture piane anzich reticoli a vetri - i suoi 37mila metri quadrati saranno calcati dal primo cantiere quest'estate e con ogni probabilit risulteranno tutti rifatti, pronti e funzionanti entro il 2017. Quindi ben prima dei 65 ettari che proseguono fino a Barcola e per il cui mastodontico piano di riuso si profila un orizzonte temporale fra il 2020 e il 2025. Nulla pi "osta" infatti - con l'autorizzazione della Soprintendenza ai Beni architettonici e paesaggistici, a chiusura di una storia infinita che va avanti dal 2001- ai cantieri di Greensisam per la realizzazione del quartier generale triestino di Italia Marittima ed Evergreen per l'Europa centro-orientale, nel nome di Pierluigi Maneschi. Fanno appunto 37mila metri quadrati alla radice di Porto Vecchio tra i moli III e IV (i soli, di fatto, fuori dalla mega-concessione a Portocitt), dove gli annunci originari evocano un paio di centinaia di nuovi posti di lavoro, con cinque hangar a fame da cuore pulsante: l' lA e il 3, i due affacciati sul mare, pi i restrostanti 2A, 2 e 4. Una partita da 140 milioni di euro, tutto compreso. Parecchi dei quali, in base all'orientamento espresso in queste ultime ore dallo stesso Maneschi attraverso la voce dell'architetto Fabio Assanti, attuale coordinatore del team di progettisti Greensisam, dovrebbero generare pi che sensibili ricadute occupazionali, fiscali, e pi in generale economiche, sul territorio e i suoi paraggi. Notizia non trascurabile, in momenti, anzi, momentacci come questi: Il presidente - parola di Assanti - credo sia persona che ha ampiamente dimostrato la sua attenzione per Trieste. Non ha in animo di dare appalti a imprese di Honh Kong, tanto per citare un posto lontanissimo, ma di avvalersi di quelle operanti in quest'area. Se possano essere della partita i colossi delle costruzioni oggi lanciate proprio nella sfida di Portocitt - come ad esempio il vicentino Mal-tauro o ancora, come dicono certe voci, il friulano Rizzani de Eccher - non dato sapere. N, tanto meno, risultano ora essere aggiudicati appalti. I lavori dovrebbero durare tra i 4 e i 5 anni, a iniziare da quest'estate, e per ora siamo orientati a suddividerli in 5 lotti, parzialmente sovrapponibili, precisa Assanti. Greensisam un privato, che non ha ricevuto denari pubblici, quindi potrebbe sbrigarsi con affidamenti diretti, ma l'idea- ancora il coordinatore del team di progettisti - quella di prendere in considerazione delle procedure concorsuali. Gare insomma, bench presumibilmente ristrette, a invito forse. E che qualcosa stia gi bollendo in pentola lo lascia intuire, nella serata di ieri, il progettista storico, l'architetto toscano Gennaro Albamonte: Il nostro intento quello di iniziare coi lavori, il prima possibile. L'autorizzazione delle Belle arti, dietro il rispetto di tutte le prescrizioni - in particolare quelle di armonizzare le coperture dei cinque hangar alle altre, rinunciando a slanci vetrati oltre che alle "torrette" gi accantonate - risale a fine febbraio. il testamento dell'architetto Luca Rinaldi, l'ex soprintendente ai Beni architettonici e paesaggistici, che col primo marzo ha preso possesso della Soprintendenza di Torino. Qui il suo successore non stato ancora designato. Dovrebbe esserlo a breve, lo ribadisce il direttore regionale dei Beni culturali Giangiacomo Martines, il soprintendente dei soprintendenti, precisando per che l'autorizzazione a Greensisam stata proprio prerogativa, legittima, di Rinaldi, che se ne occupato in prima persona. Cosa confermata in queste ore dagli stessi uffici triestini della Soprintendenza.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news