LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La MAXXI pazzia di voler fare il ricco con l'arte povera
Luca Beatrice
Il Giornale 15/4/2012

Troppi soldi per mantenersi, pochi per sperimentare
Il mega-museo il simbolo di un sistema fallimentare: istituzioni costosissime, incapaci di stare sul mercato e dipendenti dallo Stato

Il caso MAXXI - il Museo nazionale delle arti del XXl secolo, a Roma, a rischio commissariamento - non rappresenta che l'apice del sistema fallimentare con cui viene gestito l'apparato museale in Italia, tra altissimi costi di gestione e offerte che incontrano scarso gradimento, se non indifferenza, da parte del pubblico. Sarebbe ingiusto parlare di sperperi o cattiva gestione, perch la questione purtroppo molto pi grave: il MAXXI nato vecchio, senza identit e superato da tempi in cui per sopravvivere bisogna immaginare spazi piccoli, fluidi, con costi di gestione contenuti, dove ti restino quattrini per sperimentare e investire sull'innovazione. Dopo dodici anni di cantiere e diversi governi si apre a Roma nel maggio 2010 un museo inadeguato, un moloch esibizionista per compiacere l'ennesima archistar di turno, Zaha Hadid, la cui parcella vale quanto il Pil di un paese dell'Africa. Come chi si compra la Ferrari e poi non ha i soldi per la benzina, al MAXXI non resta che vivacchiare, gestito da funzionari solerti e onesti ma privi di carisma e di capacit contrattuale, con scelte ripetitive (le solite rassegne sull'Arte Povera), sfibrate, proposte di nicchia, mostre di terza battuta che arrivano giusto prima di finire nei container, buon ultima quella sugli indiani arrivata a Roma tre anni dopo Londra. Preoccupa che il presidente Pio Baldi e i consiglieri d'amministrazione insistano nel parallelo con omologhe realt europee e americane, dove espongono Damien Hirst o Gerhard Richter, Helmut Newton o Andy Warhol, Jean-Michel Basquiat o Maurizio Cattelan. Certo, sono operazioni costosissime, ma anche le uniche in grado di attrarre sponsor e guadagnare dalla bigliettazione Per colpa della miopia di chi dirige le nostre istituzioni, da anni l'Italia esclusa dal giro dell'arte che conta, ed molto pi semplice lamentarsi dei tagli e attaccare il ministro di turno piuttosto di recitare il mea culpa e farneticare di bookshop e ristoranti, che da soli non possono salvare i musei. La verit che il MAXXI ci si va una volta nella vita per vedere l'edificio e non le mostre o la collezione, prevedibile e un po' clientelare, mentre alla Tate o al Pompidou ci si torna spesso, perch c' sempre qualcosa da vedere. Della possibile decisione di commissariamento il responsabile il ministro Ornaghi. Uno dei suoi vituperati predecessori, Sandro Bondi, si era speso per garantirne la sopravvivenza nonostante non ne condividesse la linea e avesse intuito con subito che prima o dopo il bubbone sarebbe esploso. Ai tempi del governo Berlusconi non passava giorno senza un attacco dell'opposizione, senza l'articolo indignato di Salvatore Settis su Repubblica contro i barbari che uccidono la cultura, mentre oggi c' persino imbarazzo a contraddire i tecnici che si mostrano pi incompetenti e meno lungimiranti dei politici. In ogni caso al MAXXI non stata finora messa a punto un'offerta adeguata alla improbabile grandeur dell'edificio. La scelta di un museo senza testa, senza una vera direzione di valore e comprovato profilo internazionale, ha francamente dell'assurdo. Non aver voluto n un grande manager (uno di quelli che alza il telefono e trova i soldi) n un curatore di prestigio (Carlos Basualdo passa pi tempo a Filadelfia che a Roma pur prendendo il doppio stipendio, ma forse non vuole mettere in ombra i funzionari...) suona come una decisione suicida ma consona al costume romano di far cultura negli uffici dei politici e nei salotti. Ci chiediamo se la presenza di Larry Gagosian a Roma, il pi importante gallerista al mondo, non avrebbe potuto maturare una qualche forma di collaborazione. Ma ai responsabili dei musei piace di pi gestire i propri affari senza ingerenza alcuna. Continuando cos chiuderanno,oltre al MAXXI, il Castello di Rivoli, il MADRE a Napoli, il Riso a Palermo.... Ora che non c' pi la destra cattiva, di chi la colpa?



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news