LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Andrea Carandini: "La cultura? Un'emergenza nazionale"
Alain Elkann
La Stampa 15/4/2012

Vedo un certo fermento adesso sar necessario essere miti e intransigenti
Domenica con Alain Elkann

Il nuovo dell'Italia nel passato il titolo del nuovo libro-intervista di Andrea Carandini, scritto in collaborazione con Paolo Conti e pubblicato da Laterza. Perch la scelta di questo titolo? Ha una sua ragione d'essere: bench ci sia una forte cultura contemporanea, il grosso della cultura riguarda il passato. Purtroppo non si ancora visto un governo che abbia messo la cultura nell'ambito dello sviluppo sociale ed economico del nostro Paese. E sempre un settore a parte che si finanzia quando le cose vanno bene e che quando vanno male si taglia. Lei presidente del Consiglio superiore dei Beni culturali: qual il suo compito? Presiedo l'organo di consulenza del Ministero distribuendo pareri richiesti e non richiesti che mettiamo a disposizione del governo e dell'amministrazione pur non facendo parte di nessuno dei due. Sente comunque di avere una qualche influenza? Per la verit non quella che desidererei, se ci fosse. E il fatto che la cultura non faccia mai parte della strategia di un governo una ferita che mi porto nel petto. Il governo dei professori un governo di persone colte? Se si riuscisse a mettere da parte due o trecento milioni che uno stato come l'Italia dovrebbe avere, insieme a ci che gi destinato al ministero peri Beni Culturali toccheremo una cifra di circa cinquecento milioni che il ministero sarebbe in grado di spendere. Ornaghi ha ottenuto 76 milioni, di cui 23 per cominciare il progetto della grande Brera. E questo mi sembra molto positivo. E per quanto riguarda Pompei? Ha avuto 105 milioni e il Consiglio Superiore ha appena varato un progetto che ben avviato. Ma siamo molto preoccupati per la gestione ordinaria al di fuori delle soprintendenze che hanno finanziamenti particolari come per esempio il Colosseo o Pompei. Di fatto non stiamo ottemperando all'articolo 9 della Costituzione che, oltre a promuovere la ricerca e la cultura, promuove la tutela e il paesaggio del patrimonio storico e artistico della nazione. Lei racconta di essere stato iscritto al Partito comunista quando Giorgio Napolitano ne era il responsabile della Cultura. Avete mantenuto un buon rapporto? Ho sempre avuto un certo dialogo con il Presidente. E alla giornata del Fai, e a proposito dell'appello fatto dal quotidiano "Il Sole 24 Ore" sull'economia della cultura, Napolitano ha detto che non si pu ricorrere a facili espedienti, ma bisogna tagliare gli sprechi. Nel suo libro lei parla della grande crisi della borghesia e della classe dirigente del nostro Paese... Ho una certa nostalgia della borghesia da cui provengo, ma non si pu tornare indietro. Vorrei una nuova classe dirigente a livello europeo che faccia pure i propri interessi ma nel quadro dell'interesse generale della nazione. Per ora ha pensato molto ai propri interessi, ma non all'interesse collettivo. Mi fa piacere vedere al governo gente meritevole e competente, anche se le persone meritevoli sono sempre invidiate dai mediocri che nella penombra ne preparano la rovina. Oggi siamo di fronte a una sorta di analfabetismo dilagante: si dice che gli italiani che leggono siano soltanto sei milioni. Ma se nessuno si interessa veramente a fondo alla cultura del nostro Paese ci sar un motivo... Secondo me per ignoranza, oppure come conseguenza di una visione economicistica per cui sembra che la cultura non faccia parte dell'economia. Cosa succede in particolare in Italia? Muove interessi molto rilevanti. Cultura, scienza ed economia dovrebbero formare un sistema. Perch i ministri non vogliono fare i ministri dei Beni culturali? Perch ancora un ministero marginalizzato. Il problema della cultura un problema governativo perch include molte cose diverse. Non un fatto elitario, ma un presupposto per tutti. Oggi si usano computer e mezzi tecnologici che necessitano di una cultura. Non ci solleveremo se non mettiamo il problema dell'istruzione, della ricerca e della cultura al primo posto e al centro delle nostre preoccupazioni. E l'archeologia, che il suo mestiere, che momento sta attraversando? E a un buon punto, ma gli archeologi non sono tenuti in conto come i maestri di scuola. mai possibile che il Foro Romano non abbia una didascalia, salvo che cartelli nella Casa delle Vestali? Da noi non si sa nulla della storia romana e il crollo degli studi classici evidente. Addirittura non si studia pi la Bibbia. La gente osserva ma non penetra, vede ma non capisce, guarda ma non si ferma e non si sviluppa interiormente. Si studia anche meno? S, perch ogni fatica viene risparmiata e ogni sforzo visto coma una iattura. Gli studi sono decaduti, e cos gli asini sono entrati in Parlamento. Insomma, lei pessimista? No, sono ottimista. Vedo il fermento e la possibilit di una svolta. Occorre avere una mentalit critica ma costruttiva, bisogna essere intransigenti ma miti.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news