LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BARI - Fotovoltaico, sigilli a 19 impianti
SONIA GIOIA
MERCOLED, 18 APRILE 2012 LA REPUBBLICA - Bari




Brindisi, indagati i Degennaro: "Come 160 campi di calcio"





BRINDISI - Nuovi guai giudiziari per i fratelli Degennaro, finiti stavolta nel mirino della procura di Brindisi per presunti illeciti nel campo delle energie rinnovabili. Nel registro degli indagati, tredici in tutto, figurano i nomi dei tre fratelli Daniele, Vitoe Gerardo Degennaro, quest'ultimo consigliere regionale del Pd, gi coinvolti nello scandalo-appalti al Comune di Bari. Le ipotesi accusatorie formulate dalla procura di Brindisi a carico degli imprenditori baresi sono di lottizzazione abusiva e costruzione di impianti fotovoltaici in aree sottoposte a vincoli paesaggistici, aggirando la Valutazione di impatto ambientale. Il valore dei 19 impianti, tutti finiti sotto sequestro, si aggira intorno agli 80 milioni di euro, campi al silicio estesi su una superficie complessiva di 120 ettari nelle campagne di Brindisi e provincia, a San Pietro Vernotico: pari a 160 campi di calcio.

Notificato ieri mattina l'avviso di conclusione delle indagini a firma del procuratore aggiunto Nicolangelo Ghizzardi, titolare delle inchieste giunte a quota nove, sugli impianti fotovoltaici col trucco realizzati in territorio brindisino, contestualmente al decreto di sequestro delle opere abusive a firma del giudice per le indagini preliminari Paola Liaci. In questo, come negli altri casi, l'ipotesi degli investigatori che i costruttori abbiano frazionato artificialmente gli impianti, suddivisi sulla carta in centrali da un megawatt l'uno (per i quali basta una semplice Dichiarazione di inizio attivit ai Comuni interessati), per aggirare la complessa procedura dell'Autorizzazione unica regionale, prevista dalla legge sulle rinnovabili per gli impianti di potenza superiore.

Con l'aggravante, in questo caso, che le opere sono sarebbero state realizzate in barba ai vincoli paesaggistici posti dalla Soprintendenza, secondo cui nei terreni in questione avrebbero dovuto sorgere solo ulivi secolari e vigneti.

I campi al silicio realizzati abusivamente, sequestrati dalla guardia di finanza al comando del colonnello Vincenzo Mangia e del maggiore Alessandro Giacovelli si trovano a Brindisi, in contrada Buffi-Acquaro (60 ettari, dieci impianti contigui), sempre a Brindisi in contrada Angelini (40 ettari, cinque impianti), a San Pietro Vernotico, in contrada Le Forche (20 ettari, quattro impianti), e risultano essere di propriet di cinque societ riconducibili al gruppo Energia, nell'amministrazione delle quali ruotano i nomi dei personaggi indagati, in affari con il gruppo Degennaro. Si tratta di Antonio Colangelo, di Bari, 45 anni; Giuseppe Monteleone, di Bari, 52 anni; Giacomo Oro, 46 anni, di Bari; Ylenia Pavone, 41 anni, di Bari; Michele Corona, 52 anni, di Taranto; indagati per gli stessi reati anche i proprietari dei terreni Augusto Pisoni, 75 anni, di Bergamo; Giovanni Tortorelli, di Matera, 52 anni; Carmelo Saracino, 72 anni, di San Pietro Vernotico (Brindisi); Donato Colazzo, 54 anni, di San Pietro Vernotico e Cosimo Miceli, 83 anni, di San Pietro Vernotico. Scrive il gip nel decreto di sequestro degli impianti bollati come abusivi: "Innegabile la presenza di un unico centro di interessi incentrato su Giacomo Oro e Daniele Degennaro che hanno rivestito, succedendo l'uno all'altro, il ruolo di rappresentanti legali del gruppo Energia".

Stesso scambio di ruoli, secondo gli accertamenti documentali messi a punto dagli investigatori, che si sarebbe verificato nel tempo ai vertici di tutte le imprese del gruppo. Si tratta dell'ennesima inchiesta a carico degli imprenditori baresi, costruttori con le mani in pasta sulle opere edilizie pi importanti del capoluogo barese, affari scoperchiati dai pm Renato Nitti e Francesca Pirrelli, sui quali le indagini non sono ancora concluse. Il penultimo scandalo quello esploso il 13 marzo scorso, relativo alla realizzazione dei parcheggi interrati del centro direzionale barese e dei palazzi di via Papacena destinati alle forze dell'ordine. L'inchiesta ha condotto agli arresti domiciliari di sei persone, fra cui due dei fratelli Gerardo Degennaro oltre che funzionari regionali e comunali, ai quali secondo l'accusa gli imprenditori avevano pagato i prezzo utile ad aggiudicarsi gli appalti.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news