LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Collezioni on line. Pinterest e si tutti curatori
Alessandro Mininno
Il sole 24 ore - Domenica 29/4/2012

Il social network, nato un anno fa, uno strumento formidabile anche per le istituzioni culturali: esemplari i casi del Metropolitan e della New York Public Library

Musei, biblioteche e archivi posseggono una mole imponente di materiale iconografico, di cui detengono i diritti di riproduzione. In genere ne sono gelosi: ogni anno vengono iniziate innumerevoli azioni legali a tutela del copyright delle istituzioni culturali italiane. La tutela delle immagini, per, costituisce un limite alla loro diffusione e valorizzazione. Seguendo una linea opposta, alcune istituzioni hanno scelto di pubblicare integralmente i propri archivi sul web, rinunciando alla possibilit di revenue a favore di una pi ampia circolazione delle opere. Gi nel 2008 lo Smithsonian Institution, per esempio, aveva pubblicato su Flickr una selezione di seimila fotografie, consentendo un ampio numero di utilizzi attraverso la licenza Creative Commons: gli utenti possono addirittura scaricare le foto in alta risoluzione e modificarle (senza finalit di lucro). Rendere le proprie collezioni reperibili e accessibili significa attirare visitatori (online o offline) verso il museo: un'attivit perfettamente in linea con gli obiettivi di valorizzazione del patrimonio che ogni istituzione culturale dovrebbe perseguire. Continuando su questa linea, lo Smithsonian ha iniziato a far qualcosa di pi: da qualche settimana condivide le proprie immagini anche tramite Pinterest, un social network nato circa un anno fa, che consente ai propri utenti (persone, aziende o istituzioni) di collezionare e organizzare immagini, raccogliendole in bacheche o board. Le immagini possono essere liberamente condivise o commentate. Gli utenti usano le Pinboard per collezionare le foto delle scarpe che vorrebbero, degli abiti da sposa, delle composizioni tipografiche che li attirano. Le aziende lo usano per raccogliere feedback da parte dei clienti o, semplicemente, per rendere disponibili le foto del proprio prodotto. Rispetto alla pubblicazione sul proprio sito, c' un vantaggio evidente: possibile creare collezioni istantanee, trasversali e che contengono materiale altrui. Collezionare una serie di oggetti e dare loro un titolo costituisce, di per s, un'attivit degna di nota e assolutamente familiare nel mondo dell'arte: si chiama curatela. Forse siamo pi abituati ad associare questa attivit al nome di Hans-Ulrich Obrist che al distributore di cibo bio Whole Foods. Eppure il concetto esattamente lo stesso: Whole Foods raccoglie immagini di verdure "notevoli", le mette insieme con Pinterest, d un titolo pop alla collezione e raggiunge un pubblico di 12mila appassionati. Nonostante la base di utenti sia ancora relativamente limitata (10 milioni di utenti, prevalentemente donne in et tra i 25 e i 44 anni), Pinterest costituisce un'occasione da non sottovalutare anche per le istituzioni culturali. L'utilizzo pi semplice quello che ne fa, per esempio, il Museo d'arte di Indianapolis (pinterest.com/imamuseum/con-temporary-art): pubblica una parte delle proprie collezioni, ordinate per argomento o per periodo storico, descritte e didascalizzate con dovizia di particolari. Il Chicago History Museum (pinterest.com/chicagomuseum/museum-store) ha scelto invece un approccio pi commerciale: usa la piattaforma per promuovere gli oggetti in vendita presso il bookshop museale: gli utenti cui piace la statuetta in plastica di Abramo Lincoln saranno felici di ripubblicarla nella propria collezione o di salvarla come promemoria per un acquisto futuro. Il Metropolitan Museum, attraverso un progetto speciale per gli adolescenti (pinte-rest.com/mmateens/renaissance-fashion-then-now), prova a fare qualcosa di pi: cerca di stimolare la riflessione del pubblico pi giovane sulle opere del Rinascimento, incentivando gli utenti a commentare e capire i quadri. E ancora, la New York Public Library (pinterest.com/ArtPictureNYPL) usa lo strumento in due modi ancora differenti, anche se entrambi implicano un approccio curatoriale. Da una parte attira l'interesse con dei contenuti "pop", che siano fotogrammi di film in cui appaiono dei libri o copertine accattivanti. Dall'altra, per incentivare la lettura, suggerendo dei libri. Purtroppo per ora i musei italiani non si sono distinti nell'utilizzo di questo social network. Da segnalare il caso di Palazzo Madama, ma con risultati modesti. Gli utenti della rete sono certo pi avanti delle istituzioni: una semplice ricerca con la parola chiave "museum" o book" restituisce centinaia di risultati, ordinati, descritti e di alta qualit. Alcuni creano il proprio museo ideale, raccogliendo le opere preferite, complete di commenti, riferimenti e citazioni. la vera forza di Pinterest: chiunque pu essere curatore.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news