LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TERREMOTO - Il nostro territorio ferito
SERGIO RIZZO
Corriere della Sera, mercoled 30 maggio 2012

Non avevamo certo bisogno di una nuova devastante scossa di terremoto per capire quanto l'Italia fosse fragile e malandata. Gli avvertimenti che la natura ci manda sono sempre pi frequenti e dolorosi. Anche se quasi mai, purtroppo, ne facciamo tesoro. Ma questo diverso da tutti gli altri. Non soltanto la catastrofe delle bellissime chiese duecentesche crollate o delle rocche medievali sbriciolate, n dei centri storici feriti a morte. E il terremoto dei capannoni. Sono venuti gi ovunque, accartocciandosi su esili pilastri di cemento armato o aprendosi come giganteschi scatoloni. Tanto da spingere qualcuno a parlare di caduti sul lavoro, pi che di vittime del sisma. Nello sconsiderato sfruttamento del territorio, che ci valso il poco edificante primato europeo del consumo del suolo, con il 7,3% di superficie ormai non pi naturale a fronte di una media continentale del 4,3%, responsabilit non secondarie hanno proprio i manufatti industriali. Da quindici anni a questa parte si sono moltiplicati come i funghi, talvolta soltanto per ragioni speculative. Le aree industriali a ridosso delle citt e dei paesi coprono ormai superfici ben pi estese degli abitati. Nella provincia di Treviso ne esistono 1.077, in media 14 per ogni comune. A Crocetta del Montello sono addirittura 28, un'area industriale ogni 204 residenti. Secondo i dati contenuti in un rapporto di Legambiente, nel 2010 c'erano in Italia 655 mila capannoni, dei quali 400 mila al Nord. Circa 130 mila in Lombardia, 85 mila in Veneto e 78 mila in Emilia Romagna: terza regione italiana in questa classifica, ma prima, fra queste tre, per tasso di crescita del costruito negli ultimi dieci anni. L'Istat sostiene che nel nostro Paese le superfici artificiali si sono ampliate fra il 2001 e il 2011 dell'8,8%, raggiungendo un'estensione non molto inferiore a quella dell'intera Toscana. Quelle della Lombardia e del Veneto sono aumentate rispettivamente dell'8 e del 7,3 per cento, contro quasi il 10% dell'Emilia Romagna. Le sole province di Ferrara e Modena, dice una ricerca ancora inedita targata Ance-Cresme, contengono il 25% dello stock edilizio regionale. Compresi 9.830 manufatti industriali. La febbre dei capannoni, moltissimi dei quali oggi anche triste - mente vuoti, ha inferto un duro colpo soprattutto alla pianura padana, sottraendo all'agricoltura migliaia di ettari e stravolgendo il paesaggio. Evidentemente, ci che adesso fa venire i brividi, senza nemmeno troppe precauzioni costruttive. Soltanto dal 2004 la pianura padana classificata zona a rischio sismico medio basso, ma fino a quel momento era conside - rata una delle rare parti d'Italia assolutamente sicure, tanto da figurare nelle mappe del Cnen l'area ideale (densit abitativa a parte) per le centrali nucleari. Mirando - la, uno dei centri ieri pi colpiti, dista appena 27 chilometri dall'ex impianto atomico di Caorso. Adesso il terremoto emiliano ci fa scoprire ancora pi deboli, consegnandoci una situazione brutalmente diversa. Il territorio prezioso. Ne abbiamo poco e per giunta complicato: siamo costretti a usarlo con intelligenza e parsimonia. Va alzato di gran lunga il livello di guardia e non soltanto in quelle zone del Nord che ora sappiamo fortemente sismiche. Milioni di italiani sono esposti a rischi inimmaginabili per la violenza con la quale pezzi interi del nostro Paese sono stati aggrediti. Vengono in mente le periferie urbane dove si costruito nei corsi d'acqua o sulle frane, come a Genova e Messina. Viene in mente l'area ve - suviana, con 700 mila persone abbarbicate fin sopra le pendici di un vulcano attivo qualificato dagli esperti come uno fra i pi pericolosi d'Europa, in un delirio di piani regolatori insensati e abitazioni abusive. E arrivato il momento di dire basta a tutto questo. La difesa del suolo e del paesaggio deve diventare l'impegno pi importante per rilanciare l'Italia. Lo dobbiamo ai nostri figli.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news