LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TERREMOTO PADOVA - Dalle volte del Santo si staccano gli affreschi
Aldo Comello
Il Mattino di Padova, mercoled 30 maggio 2012

Alle 9 la grande onda sismica si irradia in tutto il Nord Italia. E anche a Padova scoppia il panico: crollano tre metri quadrati di affreschi dalle volte del Santo e un pellegrino viene ferito alla testa mentre prega a Santa Giustina. Trema il Duomo, trema anche la Specola che regge alla violenza del terremoto. Tremano gli istituti universitari con gli studenti che scappano in strada: non si far lezione. C' troppa paura. Alle 9 anche padre Enzo Poiana, rettore della Basilica del Santo sente la terra tremare. Era giovanissimo quando, friulano, ha vissuto il terremoto del 1976 e questo gli ha provocato una certa fragilit emotiva. Alle 9 e pochi minuti una telefonata lo avverte: c' stato un crollo in chiesa. In Basilica, poco dopo la curva dell'ambulacro attorno all'altar maggiore, lasciata sulla sinistra l'arca del Santo, sono crollati tre metri quadrati di intonaco dipinto. Il cielo stellato si dissolto. La pioggia di pietrisco piombata da 15 metri, pezzi grossi come ciottoli, strati spessi una decina di centimetri: se qualcuno fosse stato centrato da questo sfascio ci avrebbe rimesso la vita. Sant'Antonio ha steso una mano protettiva, ha detto uno dei tre guardiani che presidiano la porta principale, io ero entrato in chiesa proprio in quel momento, ho sentito un rombo e come un vento e poi ho visto il crollo, quintali di intonaco che si sbriciolavano sul pavimento davanti a me. Via, mi sono allontanato. Il soffitto affrescato, un cielo trapunto di stelle d'oro, operadi Achille Casanova che dal 1903 aveva realizzato questa decorazione pittorica sull'abside, nel catino della cupola e sulle pareti laterali, un lavoro immenso, centinaia di metri quadrati. Il punto preciso da cui si staccato l'intonaco una vela nel deambulatorio absidale in corrispondenza della cappella austro-ungarica. Quella zona di soffitto era contrassegnata da un affioramento salino frutto dell'umidit. C'erano stati lavori di ripulitura e come ci fa notare padre Poiana, era stato rafforzato il tetto e rinnovata la copertura per evitare la tracimazione di acque meteoriche e, tuttavia, una patina di umidit si era conservata negli interstizi, provocando una spanciatura dell'affresco sempre pi saliente ma difficilmente riscontrabile dal basso. C' da chiedersi come siano stati eseguiti i restauri in occasione del Giubileo, appena 12 anni fa. Il rettore, che ha appena congedato due ufficiali di polizia che chiedevano informazioni, indica una crepa sul soffitto della cappella di San Giuseppe: anche qui c' una porzione di affresco che aggetta, ma la cappella chiusa e l'altezza non rilevante. Pellegrini, inossidabili alla paura, continuano a girare per la chiesa, la tredicina imminente, ma non c' ancora folla. L'area del crollo stata transennata e non possibile raggiungere la cappella delle Reliquie, una delle mete pi frequentate dai fedeli. Sar possibile mettere tutto in sicurezza prima della festa del Santo? Si fa gi l'ipotesi di realizzare un percorso protetto per permettere la visita alle reliquie e ai tesori . Era presente in basilica per il restauro di un sepolcro nel chiostro della Magnolia, riferisce Gianni Berno, presidente capo della Veneranda Arca del Santo, la dirigente della Soprintendenza, Monica Pregno-lato che ci ha dato preziosi consigli sugli interventi di salvaguardia. I frammenti del crollo, proprio su indicazione della dottoressa Pregnolato, sono stati raccolti e adagiati entro vasche su strati di tessuto non tessuto e ricoverati al sicuro. Berno descrive anche la partecipazione istituzionale alla notizia del cedimento: il sindaco Zanonato, l'assessore Marco Carrai, dirigenti dei carabinieri e della polizia di Stato, polizia municipale: stato un via vai di autorit che hanno espresso attenzione e preoccupazione per la basilica. I Vigili del Fuoco hanno effettuato una prima ispezione: sono stati controllati i due campanili, data l'altezza pi sensibili agli scuotimenti, le cupole (sono 8, quella centrale raggiunge i 67 metri compreso l'angelo segnavento), i sottotetti e la facciata, restaurata di recente e messa in sicurezza (nei secoli aveva sviluppato la pericolosa tendenza ad incombere sul sagrato). Data l'imminenza delle festivit antoniane (dai primi di giugno al 13) che porteranno in citt un elevatissimo numero di pellegrini, sar attivata con la massima urgenza una task-force con l'incarico di monitorare situazioni di rischio e di decidere quali interventi effettuare. Gi il terremoto del 20 maggio, riferisce Padre Poiana, aveva lasciato qualche segno: nella Cappella delle Reliquie erano caduti e si erano sbriciolati alcuni stucchi, niente di pericoloso, pi che altro sbuffi di polvere ma era un allarme.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news