LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PISA - Terreni comunali, Legambiente: Una vicenda preoccupante ed allarmante


Si apre una settimana importante sul caso delle aree di propriet del Comune nella zona dell'edificando Porto di Marina per i quali la Boccadarno spa non ha mai firmato il contratto di acquisto. Infatti in questi giorni scade l'ingiunzione di pagamento inviata dall'Avvocatura Civica lo scorso 27 aprile alla societ. Inoltre si attende dal liquidatore della Gea una risposta alla richiesta di presentarsi alla seconda commissione di controllo. Resta aperta la questione degli atti secretati


Si apre una settimana importante per la vicenda dei terreni di propriet comunale che riguardano l'edificando Porto di Marina, per i quali, nonostante una convenzione sottoscritta nel 2007, Borello Spa (ora Boccadarno Porto di Marina spa), non ha mai firmato il contratto di acquisto e di conseguenza non ha pagato i 3 milioni e 700 mila euro dovuti al Comune di Pisa.

Infatti, in questa settimana si attende la risposta della societ alla richiesta di ingiunzione di pagamento per l'indennit di occupazione di queste aree per il periodo novembre 2011 - aprile 2012 (per un importo di circa 83 mila euro) inviata dall'Avvocatura Civica lo scorso 27 aprile. Ma anche quando questa venisse pagata, resterebbe irrisolto il nodo della firma del contratto, riguardo al quale l'amministrazione ha inviato diversi solleciti in tutti questi anni senza ricevere risposta da parte della Boccadarno.

Al riguardo si tratter di vedere anche se tutti questi atti, la cui visione ai consiglieri comunali stata al momento bloccata dal Direttore Generale Angela Nobile, verranno messi a disposizione o meno della prima commissione di controllo, e se la stessa Nobile nella giornata di venerd verr ascoltata dalla commissione.

Al contempo occorrer capire se il sollecito inviato dalla Presidenza del Consiglio comunale al liquidatore della Gea - societ interamente pubblica di cui l'89% circa di propriet del Comune di Pisa - il dottor Cecconi dello studio amministrativo e tributario Marchetti-Cecconi di Pisa, avr o meno degli effetti, visto che le ripetute richieste di presentarsi in seconda commissione di controllo, negli ultimi 4 mesi, sono andate a vuoto.

In attesa che tutti questi importanti nodi vengano sciolti, quanto meno per avere un quadro pi chiarto della situazione, a esprimere la propria preoccupazione per la sorte dell'area di Boccadarno il Circolo di Legambiente di Pisa che riguardo alla vicenda emersa negli ultimi giorni afferma in una nota: "Sembra una storia incredibile, ma tutto vero: possibile prevedere di costruire su terreni di propriet del Comune e di Gea, cio di propriet pubblica, senza pagarli, anzi senza neanche avere un contratto di acquisto. E non si tratta di qualche spicciolo: 3.700.000 euro per i primi e circa altrettanto per i secondi".

Da qui la domanda dell'associazione ambientalista che in citt si impone giorno dopo giorno con sempre maggiore inquietudine: "A quale comune cittadino sarebbe concesso di fare progetti su terreno altrui, per di pi pubblico senza averlo acquistato?".

"Ma le sorprese - insistono da Legambiente - non finiscono e la vicenda si complica con le notizie pi recenti: dalla convenzione del settembre 2007 firmata con il Comune di Pisa risulta che la Boccadarno non ha l'obbligo n di comprare n di costruire, potrebbe non farlo mai e vendere i terreni gi di sua propriet ad altri soggetti".

E in particolare non mancano rilievi anche sul soggetto attuatore e sul quadro in cui scoppiato questo caso: "E' una vicenda allarmante anche per il contesto in cui si colloca. Ricordiamo che la societ Sviluppo Navicelli, che con la Boccadarno condivide parte della dirigenza, ha pagato al Comune di Pisa 765.000 euro per i terreni della Mezzanina destinati a Ikea solo il giorno prima della approvazione della delibera in Consiglio Comunale, anni dopo la firma del contratto. Non pagare un vizio? La vicenda, inoltre, richiama i timori espressi dal Coordinamento per la Salvaguardia di Boccadarno (di cui Legambiente Pisa fa parte) circa la sostenibilit finanziaria dell'operazione, considerata la grave crisi economica che sta colpendo i settori immobiliare e della nautica e le difficolt del sistema bancario".

In particolare l'associazione ambientalista ricorda che "il villaggio turistico (150.000 metri cubi di edificato, ndr.) previsto nonostante che la sentenza del Consiglio di Stato n.3234 del 25.6.2008 abbia dichiarato illegittima la normativa urbanistica approvata, imponendo - purtroppo solo sulla carta della legittimit - l'annullamento della scheda 39 del Piano di Gestione delle Tenute di Tombolo e Coltano che prevede la costruzione del porto".

"Non vorremmo - denuncia ancora Legambiente - che disavventure giudiziarie e finanziarie si aggiungessero al danno di avere privatizzato e sottoposto a rischi ambientali un ecosistema complesso e delicato, un'area unica per il suo pregio naturalistico e paesaggistico, un 'bene comune' che meriterebbe un diverso recupero".

E la storica associazione pone la domanda pe rla quale oggi non c' risposta, visto il silenzio in cui per ora si trincerato Palazzo Gambacorti: "Come vuole l'Amministrazione Comunale tutelare il suo patrimonio, il bene comune e l'interesse pubblico, sottraendosi a quello di alcuni soggetti privati?".

http://www.pisanotizie.it/news/news_20120603_intervento_legambiente_scandalo_terreni_comunali_porto_marina_pisa.html


news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news