LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

EMILIA ROMAGNA - Unit di crisi anche per i restauri
Antonello Cherchi
Sole24ore



L'Aquila aspetta ancora gli aiuti esteri per il dopo-terremoto.
Di fronte agli ingenti - e per ora non quantificati-danni al patrimonio storico-artistico dell'Emilia, converr far da soli. Ad aspettare gli sponsor stranieri si rischia, infatti, di rimanere profondamente delusi. successo con il terremoto abruzzese del 2009. Grazie anche alla vetrina mondiale offerta allora dal G8, i grandi della Terra si prodigarono in promesse. Americani, cinesi, canadesi, spagnoli: tutti volevano restaurare un bene. Tutti dileguati. La lista dei 45 monumenti da adottare, preparata dall'ex ministro ai Beni culturali, Sandro Bondi, rimasta quasi del tutto orfana di sponsor d'Oltralpe. Hanno mantenuto la promessa i russi, i kazaki, i francesi e i tedeschi. Oltre alle associazioni e ai privati di casa nostra. Ci sono, poi, i soldi messi in campo dallo Stato. Certo, ne servirebbero molti di pi, perch i danni al patrimonio sono stati stimati in 3,5 miliardi. Nulla toglie che anche questa volta si possa ritentare con il "bando" internazionale, ma c' il serio rischio che la crisi faccia abortire anche le sole buone intenzioni.

La gestione dell'emergenza sar coordinata direttamente dal ministero. Pericolo crolli e prima stima dei disastri non immediata perch le scosse impediscono i sopralluoghi
Dal 2006 i tecnici delle soprintendenze utilizzano schede di rilevazione ad hoc TEMPI LUNGHI: Oltre al nodo delle risorse necessario fare i conti con la durata degli interventi: in Umbria dopo 15 anni lavori ancora in corso.
Ci vorr ancora un po' per capire l'entit dei danni che il terremoto ha provocato sul patrimonio storico-artistico dell'Emilia e delle regioni limitrofe, in particolare la Lombardia e il Veneto. Le continue scosse impediscono, infatti, ai tecnici delle soprintendenze di effettuare i sopralluoghi per verificare lo stato di chiese, palazzi, monumenti. Quel che certo che l'entit del disastro notevole e, come si gi verificato in passato, ha colpito in modo significativo il patrimonio ecclesiastico. Sono, infatti, venuti gi chiese e campanili. Per avere una prima stima bisogner per attendere che il personale del ministero dei Beni culturali possa, con l'assistenza dei vigili del fuoco e della protezione civile, raggiungere i siti colpiti e verificare i vari danni, prima quelli strutturali esterni e poi quelli agli arredi e ai reperti interni. Osservazioni che saranno trasferite sulle schede che da sei anni a questa parte i tecnici utilizzano per mettere a fuoco l'entit dei danni nel caso di eventi calamitosi, come un terremoto o un'alluvione. Le schede - nate all'indomani del sisma in Umbria e Marche del 1997e in un primo tempo limitate alla mappatura delle chiese e dei beni mobili danneggiati e poi, nel 2006, estese alla ricognizione di palazzi e monumenti - permettono di avere una fotografia del dissesto del patrimonio provocato dal sisma, di approntare una prima stima dell'importo dei danni e di valutare da che parte cominciare. Perch ci saranno certamente strutture danneggiate ma agibili, oppure agibili solo in parte o completamente inagibili. Alla messa in sicurezza di queste ultime va concessa una corsia d'emergenza. Il problema, a quel punto, diventer di risorse. Sempre difficili da reperire, ma soprattutto in un momento di crisi come questo. Di soldi, infatti, ne occorreranno tanti. Pur con i dovuti distinguo, per rimettere in sesto i beni di interesse storico-artistico devastati dal terremoto del 1980 in Irpinia servirono circa 210 miliardi delle vecchie lire, ovvero 1o8 milioni degli attuali euro. Ben pi salato il conto dei danni provocati dal terremoto del '97 in Umbria e Marche (solo in Umbria i monumenti colpiti furono 2.500 per un importo di quasi un miliardo di euro) e del 2009 in Abruzzo, dove una prima stima ha quantificato in 3,5 miliardi le risorse necessarie per ridare vita al patrimonio culturale. Tra il chiedere e l'avere il solco , per, enorme. In Umbria, per esempio, finora sono arrivati 600 milioni di euro. A distanza di quindici anni, dunque, i lavori non sono ancora stati completati. Come rileva il responsabile della direzione regionale dei beni culturali, Francesco Scoppola, anche nel caso di lavori effettuati solo parzialmente, si cercato di concludere lotti funzionali autonomi, in modo da poter utilizzare nella maggior misura possibile il patrimonio monumentale danneggiato. C' poi il fatto che i fondi stanziati finora sono riservati al restauro di beni immobili. I beni mobili, immediatamente ricoverati in luoghi sicuri, sono destinati - aggiunge Scoppola - ad attese ancora maggiori. Nel caso dell'Emilia, per, c' da registrare una novit di carattere organizzativo, che potrebbe (ma tutto da verificare) avere ricadute anche sulla tempistica degli interventi e nel reperimento delle risorse. Se fino all'altro ieri, infatti, la gestione dell'emergenza era, anche per quanto riguardava il patrimonio culturale, in mano ai commissari, ora stata creata una cabina di regia a livello ministeriale. In questo modo stata data attuazione alla nuova linea governativa, che privilegia (anche per evitare costi spesso inutili) le strutture "ordinarie" delle amministrazioni. Cos, a gestire il dopo-terremoto stato chiamato il segretario generale dei Beni culturali, Antonia Pasqua Recchia, che ha creato un'unit di coordinamento nazionale, affidata al prefetto Fabio Caparezza Guttuso, presidente della commissione per la sicurezza del patrimonio culturale nazionale del ministero. Sar la nuova unit di coordinamento a tenere un filo aperto con le direzioni regionali per cercare di capire al pi presto quanta parte del Belpaese ha bisogno di cure.
Il caso Abruzzo. La ricerca di finanziamenti Mecenate si rifiuta di parlare straniero.
Per riportare a nuovo splendore il patrimonio culturale colpito dal terremoto emiliano meglio fare tutto in casa, con le risorse (poche) di cui disponiamo. A fare affidamento sugli aiuti stranieri, infatti, si rischia di rimanere profondamente delusi. Come accaduto in Abruzzo, dove - complice anche la vetrina del G8, che l'allora premier Berlusconi spost in tutta fretta dalla Maddalena a L'Aquila - si registrarono tante adesioni straniere per i lavori di restauro, rimaste poi lettera morta. Si erano fatti avanti i cinesi per finanziare i lavori sull'ex convento agostiniano (ora palazzo della prefettura), gli australiani avevano deciso di "adottare" l'oratorio di Sant'Antonio da Padova, il presidente Usa Barack Obama aveva dimostrato interesse per la chiesa di Santa Maria Paganica, l'allora premier spagnolo Zapatero aveva preso a cuore le sorti della fortezza spagnola. Tutto poi rimasto allo stato delle buone intenzioni. E oggi, con la crisi internazionale che morde, sar difficile ottenere anche quelle. Non tutti, per, si sono dileguati. A tentare di ridare splendore ai 45 monumenti, soprattutto aquilani, che l'allora ministro dei Beni culturali, Sandro Bondi, "offr" agli sponsor stranieri, sono rimasti i francesi, con 3,2 milioni (la met dell'importo) per il restauro del complesso monumentale e della chiesa di Santa Maria del Suffragio, i1 Governo kazako (1,7 milioni per il complesso monumentale e la chiesa di San Biagio d'Amiternum e San Giuseppe dei minimi), e il Governo russo, prodigo di ben 4,7 milioni (aumentabili, se necessario, a 6,6) per gli interventi su Palazzo Ardinghelli, pi altri 2,4 milioni per il complesso monumentale e la chiesa di San Gregorio Magno. Ci sono, infine, i tedeschi, che hanno scelto di intervenire sul centro storico di Onna - lavoro non compreso nella lista dei "45" - con 3,5 milioni. Il resto degli interventi programmati (e alcuni gi realizzati) sul patrimonio abruzzese sono stati possibili grazie a interventi di associazioni, a raccolte di fondi, ai privati. Ci sono, poi, le risorse pubbliche: con un'ordinanza di fine 2010 sono stati stanziati 15 milioni per lavori su 41 beni. A questi devono aggiungersi le risorse, pi difficili da quantificare, che non sono riconducibili direttamente a interventi sul patrimonio, perch relative a progetti di carattere generale. Seppure con difficolt, i lavo- ri sui beni colpiti dal sisma di tre anni fa vanno comunque avanti e ora, fattosi da parte il commissario, sono gestiti direttamente dal responsabile della direzione regionale, Fabrizio Magani, secondo il quale ci si aspetta che la nuova organizzazione "ordinaria" nella tutela del patrimonio culturale aquilano porti vantaggi concreti nel far avanzare e costruire nuovi progetti. in quest'ottica che abbiamo istituito un ufficio per la semplificazione e l'accelerazione delle procedure.
Il bilancio dei sismi pi recenti: IRPINIA 1980 Un terremoto devastante, che colpi Campania e Basilicata e caus quasi 3mila morti, con centinaia di migliaia di sfollati.
I danni al patrimonio storico-artistico furono ingenti. Per rimetterlo in sesto furono stanziati nel tempo oltre 210 miliardi di lire, ovvero oltre 108 milioni degli attuali euro UMBRIA-MARCHE 1997 Il sisma colpi le due regioni, causando molti danni al patrimonio. Fu seriamente colpita anche la basilica d i San Francesco ad Assisi. In tutto, nella sola Umbria,i monumenti danneggiati furono 2.500, per un importo di quasi un miliardo di euro. La somma stanziata e spesa peri restauri stata di circa 600 milioni. MOLISE 2002 Molti danni alle chiese. A differenza, per, di quanto accaduto in passato, i lavori di restauro sui beni di competenza ecclesiastica furono coordinati dalla Regione. il ministero dei Beni Culturali, dunque, non ebbe voce in capitolo, anche perch il sito archeologico di Larino, di propriet statale, non aveva subito danni ABRUZZO 2009 I monumenti colpiti dal sisma sono stati 1.837, di cui 1.052 chiese (381 inagibili), 730 palazzi (536 inagibili)e 55 altri beni. Una prima stima indica un importo di 3,5 miliardi di euro di danni. Delle strutture inagibili, al momento ne sono state messe in sicurezza 680, di cui 200 chiese e 480 palazzi.



news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news