LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO - "Musei, superfondazione urgente ma non potete ignorare i tecnici"
MARINA PAGLIERI
GIOVED, 07 GIUGNO 2012 LA REPUBBLICA - Torino


Eccher: "Larte contemporanea serva al rilancio della citt"


Il direttore della Gam interviene nel dibattito sulla riorganizzazione del settore in tempi di crisi

I pilastri dobbiamo essere noi con Rivoli Unendo Artissima e Pav sarebbe una macchina senza eguali in Italia

Lunico ripensamento possibile unire le forze non solo per risparmiare ma per investire sulla cultura in prospettiva


(segue dalla prima di cronaca)
Eccher interviene - prima volta per un "tecnico" - nel dibattito sulla nuova governance dei musei mettendo dei paletti e chiedendo ai politici di essere ascoltato: Occorre accettare la nuova sfida. Prima ci deve essere per un progetto.
Danilo Eccher, la superfondazione si far?
Pi che i presupposti ci sono le urgenze. Non si possono pi sostenere le difficolt complessive senza un ripensamento della governance. E lunico ripensamento possibile mettere insieme le forze, non solo in una logica di risparmio, ma anche di investimento culturale per il futuro. Credo insomma che lunico modo per vincere la battaglia sia rimanere uniti. Partendo da unanalisi e da una riflessione.
Quale?
Torino stata definita in tempi recenti capitale dellarte contemporanea, in realt questo primato affonda le radici addirittura nel secondo dopoguerra, per proseguire negli anni 50 e 60, con personalit come Viale e Tapi, Pistoi, Christian Stein, Sperone e lArte Povera. Si costituito un tessuto complesso, fatto di musei, tra questi la Gam con le sue mostre internazionali, raccontate ora nella mostra "Strangers", ma anche di grandi collezionisti, fondazioni, per arrivare al Castello di Rivoli. E a un mercato stimolante, senza il quale non si spiegherebbe una fiera come Artissima. E questa la vera forza della citt. Una struttura unica potrebbe aiutare a ricostituire un tessuto oggi inevitabilmente in crisi, attivando una rete di relazioni. Perch non si pu pi pensare di competere da soli.
Da dove partirebbe?
Partirei dai giocatori in campo oggi, Rivoli e Gam, perch se cedono i pilastri dei musei, il tessuto non regge. Cercherei poi di unire a questi altri protagonisti del contemporaneo, a partire da Artissima. Questo significherebbe costituire il pi importante polo del moderno e contemporaneo in Italia, una macchina potente e uno strumento in grado di competere a livello internazionale con i grandi musei europei.
La partenza di Andrea Bellini da Rivoli potrebbe cambiare le cose?
Non direi, approfitto anzi per fargli i migliori auguri per una scelta che premia il suo coraggio e la sua professionalit. Ma la partenza di Bellini non cambia la sostanza, la situazione non dipende da chi c.
Perch secondo lei la superfondazione finora non decollata?
Io posso dire la mia sugli aspetti tecnico museali, ma evidente che a questi si devono aggiungere quelli economici, politici e gestionali. Ambiti delicati che non mi competono e immagino creino i maggiori problemi. Credo per che si debba partire da un obiettivo culturale, se questo non chiaro tutto il resto sono solo strumenti, complessi e difficili, ma strumenti. Non basta inventarsi mostre da realizzare in comune o una navetta per collegare un museo con laltro. Prima ci deve essere un progetto insomma, sul quale rivendico la possibilit di dare suggerimenti. Non si pu non prevedere infatti lintervento diretto di chi nelle strutture deve lavorare.
Che cosa suggerirebbe ai politici?
Quando ci si appresta a prendere una decisione importante, ci si trova come di fronte allavvicinarsi di unoperazione chirurgica: occorre fare un consulto medico e ascoltare i professionisti. Queste decisioni devono essere condivise.
Detto in parole povere?
Credo si debba puntare sullidentit culturale, vedo per questo una superfondazione nellambito del moderno e contemporaneo pi praticabile. Mettere insieme profili museali troppo diversi potrebbe rendere problematico ottimizzare le risorse e mettere in comune i servizi, dalla didattica alla comunicazione. Con il rischio di non raggiungere i risultati sperati, nemmeno in termini economici. In ogni caso anche una superfondazione complessiva non dovrebbe pregiudicare lipotesi di unarticolazione per ambiti pi specifici.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news