LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - quante manovre per tradire il PUT
FRANCESCO DOMENICO MOCCIA
VENERD, 20 LUGLIO 2012 LA REPUBBLICA -- Napoli

La legge regionale sul paesaggio lascia la commissione e perviene al Consiglio con lintenzione che passi prima della vacanze estive. Le modifiche hanno riguardato un leggero riequilibrio tra poteri consiliari e di giunta nel procedimento di approvazione del futuro piano paesaggistico regionale, ma non hanno scalfito il famigerato articolo 15, il quale maschera dietro un paravento di semplificazione legislativa una deregolamentazione di aree sensibili per la fragilit ambientale e di grande potenzialit
paesaggistiche.
Il piano strategico ed operativo per la zona vesuviana, gi redatto dalla Provincia, avrebbe bisogno solo dellapprovazione regionale, ma viene abrogato, cancellando, in questo modo, tutti i provvedimenti di messa in sicurezza del territorio in esso previsti, rivolti non solo a mitigare il rischio delle eruzioni, ma anche quello delle frane ed allagamenti di cui quella zona soffre continuamente. La beffa per gli abitanti che della legge regionale 21/03 resta la proibizione della costruzione di nuove abitazioni ma vengono eliminate le misure compensative, incluse quelle che, attraverso il Pso, avrebbero guidato la ridestinazione delle aree edificabili a usi diversi da quelli residenziali, oltre che dare un percorso pi limpido alla conclusione delle pratiche di condono.
La motivazione di questa scelta ha sede in un pasticcio concettuale che confonde ambiente e paesaggio. Il Pso, che un piano di mitigazione dei rischi naturali, viene assimilato al piano paesaggistico e considerato un suo doppione. Il bisticcio compare anche nellunico articolo della legge in cui si esprimono i contenuti del futuro piano, tutti declinati in termini di compensazione ambientale ed ecoconto, come se fossimo nella regione della Ruhr o in nordamerica. Sono culture basate su una netta contrapposizione tra natura ed ambiente umano dove paesaggio significa stato di natura e recuperare paesaggi significa ricostruire gli ecosistemi o mascherare le costruzioni con barriere vegetali.
Noi abbiamo, invece, un paesaggio culturale, dove i valori storici si intrecciano profondamente con quelli della natura grazie alla millenaria opera della nostra civilt di convivere in maniera armoniosa con essa. A qualunque paesaggio di valore a cui pensate dovete sempre attribuire quel valore al modo intelligente ed elegante con cui i nostri avi e qualche nostro contemporaneo ha saputo modellare la presenza umana nel contesto geografico, vuoi che siano i terrazzamenti della penisola sorrentina-amalfitana o il paesaggio agrario della vite maritata della piana campana, le vedute del golfo di Napoli o Salerno dalle passeggiate dei lungomare. unazione modellatrice di cui conserviamo le tracce dalle centuriazione romane, alle masserie, cappelle votive, ai conventi e santuari del Settecento, alle opere idrauliche del XIX secolo.
Tuttavia di questo patrimonio non si fa cenno nella legge, ma si attenta al suo carattere non fungibile. Se lintervento sul paesaggio dovesse essere regolato dallecoconto, allora, di principio, potrei tagliare tutti gli alberi della Reggia di Portici, per costruirvi un bel quartiere residenziale, e ripiantarne un numero uguale a Cardito senza aver mutato nulla in termini ambientali, come lassorbimento di Co2 e la produzione di ossigeno, ma certamente avrei inferto un duro colpo al paesaggio delle costa vesuviana. Sulle rive del lago Miseno o sulle falde dei Camaldoli sarebbe pi che lecito realizzare un cospicuo villaggio turistico purch venga mascherato da un parco di assorbimento, come recita larticolo 7, c. 1b. Ecco i paradossi a cui porta la confusione tra ambiente e paesaggio, quando si importano acriticamente lezioni straniere.
Il secondo punto di conflitto riguarda la penisola sorrentina amalfitana dove viene derubricata la zona 7 del Put, che interessa i comuni di Cava dei Tirreni, Castellammare di Stabia, SantAntonio Abate e Santa Maria la Carit. Gli ultimi due Comuni hanno elaborato un piano comunale che non vuole attenersi alle regole di dimensionamento del Put. Sono pronti a costruire le case che non si possono realizzare a Napoli contribuendo al dilagare di quelle macchia dolio che consuma il territorio ed aumenta la pendolarit con emissioni di gas serra modificatori del clima. A Castellammare si finge di non accorgersi del valore paesaggistico di una costa le cui vedute spaziano dal Faito al Vesuvio con lo sfondo della collina di San Martino, perch degradata da fatiscenti edifici industriali, dimenticando lobbligo del Codice del paesaggio al recupero dei paesaggi. Di concerto con la Regione si muove il Comune con una serie di delibere che tendono a far uscire quellarea dalle regolamentazioni dellAsi insieme a quelle del Put, per applicare il piano casa privo di alcun disegno, volto alla valorizzazione del paesaggio, al recupero della spiaggia, alla creazione di spazi pubblici ed alla qualit urbana ed edilizia, tutti elementi essenziali per creare le condizioni di sviluppo economico e creazione di posti di lavoro. Daltra parte il legalismo del sindaco Bobbio si limita alle feste patronali, ma si guarda bene dal verificale la legittimit degli usi lungo corso De Gasperi.
La norma ha una illogicit palese: immediatamente, con lentrata in vigore della legge regionale si attua la de-regolarizzazione di zone che dovranno qualche mese od anno dopo essere sottoposte al piano paesaggistico regionale, se vera la rapidit che promette la Regione. Cos i Comuni dovrebbero fare due varianti urbanistiche di seguito nellarco di un anno. Come semplificazione amministrativa, veramente geniale. In compenso un utile interregno per chi ne voglia approfittare.
Spero che la direzione regionale dei Beni culturali voglia smentire di aver dato il suo parere favorevole sulle modifiche del Put, con la motivazione che la zona 7 non rientrava nella perimetrazione della Galasso, dimenticando di averla comunque inclusa in un piano paesistico in un regime di concorrenza. Da questo punto di vista ritengo fondato leccezione di incostituzionalit sollevata dalle associazioni ambientaliste, un argomento che dovrebbe costituire motivazione di opposizione in Consiglio e di una successiva impugnativa presso la Corte.



news

27-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news