LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I tesori. Dalle Egadi a Monte Jato la Sicilia svela i segreti
Paola Nicita
La Repubblica - Palermo 25/7/2012

Dopo le scoperte a Selinunte e a Gangi, i soprintendenti illustrano gli obiettivi di scavi e immersioni. Che potrebbero riservare sorprese

Lisola dei tesori continua a svelare le sue ricchezze nascoste, facendo saltare fuori anfore e suppellettili, antiche navi e sculture, templi e mura, che aggiungono incessantemente nuovi tasselli alla conoscenza del patrimonio artistico e culturale di una Sicilia che per mare e per terra custodisce il suo capitale sepolto. Dopo le recenti scoperte di Selinunte, con il suo tempio antichissimo che ha svelato addirittura la collocazione di colonne in legno, toccato a Gangi vecchio rivelare testimonianze det romana, mentre dai fondali di Marausa, nel Trapanese, riemersa unanfora del IV secolo avanti Cristo. Scoperte che fanno chiedere quando c ancora da scavare e da scoprire, e qual il potenziale ancora nascosto di questi ritrovamenti.
Si naviga a vista, in tutti i sensi: molto si deve anche alle collaborazioni internazionali che da molti anni, specie nel campo dellarcheologia, hanno rivelato alcuni tra i ritrovamenti pi importanti: si pensi agli studi e ai rilievi condotti insieme con le Universit tedesche, con la Scuola Normale di Pisa e con lUniversit di New York, tra le altre.
Sommersi, sono molti dei tesori custoditi in fondo al mare: di questi recuperi si occupa la Soprintendenza del mare, guidata da Sebastiano Tusa, che racconta: A mare le zone ancora molto ricche sono le Egadi, le Eolie, lo Stretto di Messina, la zona tra Camarina e Capo Passero e lAgrigentino. Se poi consideriamo lalto fondale possiamo dire proprio tutta la Sicilia e isole limitrofe, ma anche siti preistorici sommersi. Al momento stiamo lavorando al recupero dei resti della battaglia delle Egadi (10 marzo 241 a. C.) tra Levanzo e Marettimo. Gi abbiamo recuperato ben dieci rostri e numerosi elmi, unintera nave di diciotto metri, e a breve inizieremo le ricerche nella zona di Marzamemi, a sud di Siracusa. Qualche giorno fa i nostri archeologi subacquei hanno ripescato unanfora a Marausa, Trapani.
Dal 2005 la Soprintendenza del mare opera sul campo insieme a Capitaneria di Porto e Guardia Costiera con i colleghi della Rpm Nautical Foundation a bordo della nave oceanografica R/V Hercules, per mezzo del Rov, mezzo filoguidato subacqueo, che ha consentito lindividuazione e il recupero di molti di questi reperti.
Il prossimo progetto legato alla battaglia delle Egadi verr realizzato negli spazi del Museo della Tonnara di Favignana, che ospiter lallestimento della battaglia, con tecnologie allavanguardia, curato dallarchitetto Renato Alongi. Anche questo progetto mirer a un forte coinvolgimento del fruitore, che si trover nel bel mezzo della battaglia, grazie ai reperti affiancati a strumenti multimediali.
Insieme ai dieci rostri sono stati recuperati alcuni elmi del Montefortino, oltre duecento anfore di tipo greco-italiche e puniche e molti altri oggetti, come piccole suppellettili e vasellame che facevano parte del carico di uso a bordo, che si sono presentati adagiati e parzialmente sepolti su un fondale sabbioso a circa 80 metri di profondit. Dice ancora Tusa: ll confronto con la proiezione statistica elaborata in tutti questi anni e relativa alla nostra zona di copertura sonar conduce alla conclusione che molti altri reperti sono ancora giacenti in situ.
Si rafforza lipotesi che proprio quello lo spazio di mare, a nord-ovest di Levanzo, che ha avuto come epilogo lo scontro finale. quello il teatro della battaglia delle Egadi.
Se questo avviene per mare, cosa accade se si scava sotto terra? Il soprintendente di Palermo, Gaetano Gullo, spiega: Pur non essendoci un capitolo destinato in toto agli scavi archeologici, per i quali spesso si provvede mediante fondi comunitari, recentemente lattenzione stata indirizzata ai parchi archeologici, che hanno dato delle ottime risposte in termini di ritrovamento ma anche di fruizione, con un pubblico in aumento. E hanno permesso di proseguire scavi gi avviati, come ad esempio quello di Montagna dei Cavalli, sul Monte Jato. Qui Ferdinando Maurici ha condotto gli scavi che hanno fatto ritrovare una particolare
tipologia di edifico, una taberna, un pubblico esercizio, davvero raro. Altro scavo condotto in zona, che si spera possa riservare altri importanti rilievi, relativo allaccampamento di Federico II, rintracciato a partire dalle sue Lettere emanate dal campo Jato, la cui intestazione non lasciava dubbi, ma di cui adesso si sono trovate tracce concrete che potranno raccontare, se ulteriormente indagate, alcuni nuovi passaggi della storia e della vita dello Stupor Mundi.
A Prizzi, invece, gli scavi hanno fatto scoprire un teatro antico, conservato in modo discreto. Lo racconta lo studioso Stefano Vassallo,
che annuncia: Il teatro stato edificato intorno al IV secolo avanti Cristo, e ha il primato dellaltitudine, trovandosi a mille metri sul livello del mare. Con i suoi 52 metri di diametro della cavea si colloca tra i teatri di media grandezza, ed era collocato in un punto di cerniera tra lacropoli e labitato, probabile punto di riferimento sia per le rappresentazioni ma anche per le assemblee politiche. Un teatro che non ha subito interventi successivi, come sovente capitava, e che dunque ci permette una conoscenza diretta dellimpianto originario dei teatri di prima et ellenistica .
Dalla montagna alla citt, ecco che Palermo pronta a svelare tanto, e proprio in questi giorni gli scavi condotti nel cuore del centro storico, a piazza Bologni, stanno svelando attraverso un saggio stratigrafico una serie di tessuti murari che raccontano del luogo, dal periodo punico, ellenistico, bizantino, fino al Millecinquecento, quando mut destinazione, e da luogo dedicato alledilizia privata venne destinato a trasformarsi in piazza.
Nel frattempo si attende la riapertura del museo di Himera per poter ammirare uno dei tesori recuperati dopo numerose vicissitudini, la Phiale doro, e nuovi fondi per proseguire le ricerche in una delle zone scrigno tra i pi interessanti dellIsola, a detta degli studiosi, che hanno avuto sempre numerosi riscontri. A Selinunte, svelati templi, recuperati gioielli, manufatti e offerte votive rarissime con un flauto dosso che serviva per le cerimonie sacre, adesso gi si pensa ai nuovi scavi, come racconta la direttrice del Parco, Caterina Greco: Alla fine dellestate inizieremo gli scavi nel Quartiere industriale, cio il Ceramico: qui avevamo gi recuperato diverse fornaci monumentali, databili tra il V e il IV secolo avanti Cristo, nelle quali venivano realizzati i manufatti dargilla. E poi pubblicheremo un libro che testimonier i lavori di scavo condotto in questi decenni nellagor, una delle pi grandi del mondo greco.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news