LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - Il Valore della Terra e la Terra dei Valori!
26/07/2012



Pi di 400 persone hanno partecipato allincontro che Sardegna Democratica ha dedicato al Valore della Terra il 24 luglio per difendere ancora una volta il Piano Paesaggistico Regionale della giunta Soru dalla volont di Cappellacci e della sua maggioranza di scardinarlo per aprire le porte alla definitiva cementificazione della Sardegna. E stata unoccasione importante di condivisione e di impegno civile. La prima delle tante che organizzeremo in tutta la Sardegna: una chiamata pubblica alla difesa del futuro della nostra terra. Ringraziamo tutti i presenti che hanno condiviso con noi la battaglia per la tutela del paesaggio della Sardegna. Mettiamo a disposizione dellopinione pubblica i video della manifestazione e chiediamo a quanti singoli e associazioni vogliano organizzare con noi incontri di contattarci attraverso la posta di Sardegna Democratica. Dobbiamo impedire come ha detto Renato Soru che gli speculatori facciano bottino della Sardegna.

Vi diamo conto di alcuni passaggi significativi degli interventi per semplificare la visione dei video suddivisi in tre blocchi. Interventi; Tavola Rotonda con Paolo Urbani, Salvatore Settis, Renato Soru; Intervento di Renato Soru. Nellintroduzione Maria Antonietta Mongiu, che ha curato liniziativa, ha ricordato limportanza, di "un incontro che segna un profondo cambiamento di consapevolezza nel ruolo del paesaggio come senso della nostra appartenenza e identit, del valore dei luoghi. La Sardegna la sua terra come leggiamo nella Carta De Logu. Il PPR la Carta de Logu della nostra contemporaneit". Sono state proiettate le immagini di Alessandra Chemollo e di Gianni Alvito che hanno fatto da sfondo alla serata e che hanno mostrato le contraddizioni tra i paesaggi ancora intonsi e quelli che invece sono stati sfigurati dal cemento e dagli errori urbanistici.

Costantino Cossu della Nuova Sardegna ha moderato gli interventi di esperti, politici, professionisti, accademici tra cui Angelo Aru, decano degli agronomi, che ha ricordato quanto sia stata importante la funzione del paesaggio nello sviluppo della Sardegna e della sua agricoltura sottolineando "Il futuro della Sardegna legato alla tutela di questa risorsa: il territorio". Paolo Scarpellini, ex direttore regionale del MIBAC ha posto un quesito dirimente, "Quale assetto vogliamo per la Sardegna? Nelle linee guida del PPR presentato dal Presidente Capellacci leggiamo la necessit di una revisione biennale. Ma uno strumento del genere non pu avere una revisione biennale".

Larchitetto Sandro Roggio: "Qualcuno dovr spiegare al ministro Ornaghi cos' il governo del territorio" ed il prof. Ignazio Camarda "Dobbiamo avere uno sguardo complessivo per capire che razza di mostro stiamo facendo costruire attorno alla nostra isola. Dobbiamo investire sul paesaggio agrario e sul paesaggio naturale". Pietro Luciano, ex preside della Facolt di Agraria di Sassari: "L'agricoltura oggi ha bisogno di braccia che tornino a produrre e che sappiano coniugare agricoltura e turismo" ed Antonello Sanna, preside di Architettura di Cagliari, Nel 2006 con il PPR si promosso un modello di sviluppo sostenibile fondato sulla qualit dei luoghi

Non sono mancati gli esempi concreti come quello ricordato da Costantino Cossu: "La cinta di olivi di Sassari sembra essere stata trasformata in una cinta di favelas brasiliane". Limprenditore ed ex consigliere regionale, Bachisio Falconi ha chiesto Che senso ha costruire appartamenti se anche a Olbia, la citt sarda che cresce pi velocemente, nella via principale le abitazioni sono per la met invendute?. Lex presidente del consiglio regionale responsabile del Comitato per la bellezza della Sardegna, Emanuele Sanna ha invece citato lesempio del parco eolico di Ulassai dei Moratti, costruito sotto i tacchi dellOgliastra. Alla Saras garantir 1500 milioni di euro, ai due comuni interessati render 1 milione allanno. Queste operazioni non avvengono allepoca della petrolchimica di Rovelli, ma sotto i nostri occhi. E una nuova forma di colonialismo.

Secondo Salvatore Lai, ex assessore allUrbanistica e segretario regionale dellIDV: in discussione un elemento fondativo della nostra identit. Non ci sono elementi di compromesso tra chi per il mantenimento del PPR e chi vuole metterlo in discussione. La Sardegna deve capire se vuole diventare uguale ai tanti luoghi costruiti di questo pianeta o se vuole mantenere le sue specialit. Non si possono fare alleanze con chi fa passare le Linee guida proposte da Cappellacci.
Gianmario Demuro, costituzionalista presidente di Sardegna Democratica: "Il piano paesaggistico lultimo baluardo rimasto della specialit della Sardegna. Con il PPR la Regione interpreta il valore costituzionale della tutela del paesaggio. Difendere il Piano Paesaggistico difendere la percezione che un popolo ha di se stesso". Gesuino Muledda, ex assessore allagricoltura e presidente dei RossoMori: sono figlio di un paese di 1006 abitanti. Nel mio paese il territorio comunale era gestito dalla comunit dei pastori. Noi dobbiamo sapere che il valore aggiunto sta nellambiente, perch consumando minor territorio si fa una migliore agricoltura. Sono contrario a una visione del territorio come fonte di reddito come quella di Cappellacci.

Enzo Costa, segretario della CIGL in Sardegna: La legge sul Golf e il Piano Casa 2 hanno gi attaccato pesantemente il PPR. Voglio parlare di lavoro. Ledilizia ha perso 17 mila posti di lavoro. Ma non centra niente il PPR. Centra il fatto che sono state bloccate le opere pubbliche. Non c bisogno di aumentare i metri cubi. C bisogno di rilanciare il lavoro per i giovani.

Silvio Lai, il Segretario Regionale del Pd: Sono stati costruiti 11 mila appartamenti allanno. Nella cintura di Cagliari ci sono 50.000 appartamenti sfitti. Le economie basate sulledilizia sono fallite a causa della speculazione. Il Pd come insieme ha gi scelto da che parte stare e lo dice con chiarezza. Se qualcuno contrario sono sue opinioni personali. Chi non vota contro il PPR di Cappellacci non pu costruire un'alleanza con il PD".

LOn. Gianvalerio Sanna, ex assessore allUrbanistica e consigliere del Pd: Questo il quinto assalto che subiamo per tentare di scardinare il PPR. In Consiglio Comunale siamo 27 contro 53. Non ce la facciamo a resistere se non vediamo ripristinate le prerogative di tutela dello Stato. Contro lottusit e la cecit non c regola che tenga e di questo dobbiamo avere paura.

La serata si conclusa con una tavola rotonda a cui hanno partecipato Paolo Urbani, tra i massimi esperti di diritto urbanistico in Italia, Salvatore Settis accademico dei Lincei ed ex direttore della Scuola Normale di Pisa e Renato Soru.

Paolo Urbani sostiene: Siamo in piena guerra di posizione. Quel PPR aveva bisogno di accompagnamento ma la giunta cambiata e il tutto diventato evanescente. Cosa possiamo dire oggi? Abbiamo salvato per 10 anni le coste sarde ma un risultato temporaneo. La questione non sarda ma nazionale. Il nostro piano paesaggistico rimane lunico approvato. Come mai nessuno si sogna di costruire nei Parchi? Eppure ce ne sono tanti? Perch li c un autorit legittimata! Unautorit riconosciuta. Qui invece c la frammentazione tra le deleghe agli Enti Locali. Gli esempi da seguire sono il National Trust in Inghilterra e la Conservatoria dei lidi in Francia. Oggi nasce una Trust inglese e ha il 20% delle coste. I terreni sono dichiarati inedificabili. Ricordiamoci che lurbanistica serve a delineare lo sviluppo delle comunit locali

Salvatore Settis ha ringraziato per linvito di Sardegna Democratica e per aver partecipato ad un dibattito cos civile e importante. Durante il suo intervento Settis ha fatto notare che dobbiamo parlare dei temi del paesaggio rispondendo allattacco al PPR parlando di Sardegna e pensando allItalia. Bisogna che gli italiani siano convinti che quella del PPR una questione nazionale. Ho visto con grande gioia decollare il PPR della Sardegna, di gran lungo il migliore. Vedere per una volta che era una regione come la Sardegna a dare il modello al resto dellItalia stato bello. La Sardegna locomotiva dItalia. Nelle nuove intenzioni di Cappellacci vedo una licenza di uccidere il paesaggio sardo. Ma il PPR ha un grande vantaggio: conforme alla Costituzione. Esso basato sul massimo rispetto della storia della Sardegna, della costituzione e del futuro. Durante il suo intervento il Prof. Settis ha letto la lettera di Giulia Maria Crespi, Presidente onoraria del FAI, che abbiamo pubblicato nel nostro sito. Successivamente ha messo in luce le ipocrisie e gli evidenti controsensi delle nuove linee guida del PPR di Cappellacci e ha poi ricordato che cosa dobbiamo intendere per bene comune. Che cosa vuol dire bene comune? Vuol dire occuparsi delle comunit e pensare ai diritti delle generazioni future. In Italia negli ultimi 10 anni sono stati costruiti dai 2 ai 4 milioni di appartamenti rimasti invenduti. Convengono per il profitto dei singoli ma non servono per il bene comune. Ci sono non meno 30 mila associazioni per la tutela del paesaggio in tutto il paese, sono ancora poco coordinate tra loro e non c ancora un partito che ha fatto sue quelle istanze. Dobbiamo creare degli anticorpi. Il Prof. Settis conclude citando in sardo Melchiorre Murenu: Tancas serradas a muru fattas a s'afferra afferra; chi su chelu fid in terra l'haiant serradu puru... Cosa sta facendo Cappellacci se non cercando di creare nuove tancas serradas?

Ha chiuso Renato Soru: Le linee guida prendono le belle parole del PPR per trasformarle in cattive azioni. Uno degli esponenti del PDL ha detto una cosa aberrante stamani Dobbiamo superare lidea statica del paesaggio, il paesaggio ha una sua naturale predisposizione al mutamento. La natura ci stata consegnata per difenderla. Lidea del PPR di Cappellacci fuori dalla storia. Chiunque viene in Sardegna oggi si rende conto che non mancano case. Manca rispetto, pulizia, infrastrutture, trasporti... Ma non case! Quelle ci sono sono vuote! Abbiamo bisogno di nuovo cemento per lavorare? Credo di no... Abbiamo bisogno di nuovi metri cubi? No. Dobbiamo occuparci di agricoltura, di lavoro e pensare che c un altro modello di sviluppo per vivere in Sardegna.




http://www.sardegnademocratica.it/ambiente/il-valore-della-terra-e-la-terra-dei-valori-1.27982


news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news