LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ITALIA- Lallevamento delle bufale
Tomaso Montanari
Corriere della Sera

Polemiche: I cento disegni del Caravaggio sono solo l'ultima di una serie di attribuzioni discusse. La storia dell'arte viene snaturata per ragioni di marketing.

Cinque luglio 2012, ore 17.35: l'Ansa batte, in esclusiva mondiale, una notizia clamorosa: Caravaggio, trovati cento disegni mai visti. Peccato che i disegni fossero ben noti e, soprattutto, peccato che non siano di Caravaggio. Ma questa solo l'ultima delle bufale storico-artistiche propalate negli ultimi mesi: il Sant'Agostino di Caravaggio, la vera Visione di Ezechiele di Raffaello, l'Autoritratto di Bernini, il Guercino esposto a Castel Sant'Angelo e la seconda Gioconda del Prado. E, naturalmente, il discusso Cristo di Michelangelo comprato da Sandro Bondi: per non parlare della ricerca delle ossa del solito Caravaggio o della povera Monna Lisa o della tragicomica caccia al fantasma della Battaglia di Anghiari. Cosa successo alla storia dell'arte? Perch la rigorosa disciplina di Roberto Longhi ed Erwin Panofsky si trasformata in un simile allevamento di bufale? Da una parte questa mutazione uno dei sottoprodotti del ruolo che la storia dell'arte gioca nel discorso pubblico, specialmente in Italia. Essa ormai, per il pubblico, sinonimo di grandi mostre, anzi di grandi eventi. E nella logica dell'intrattenimento spettacolare assai difficile mantenere vive le regole, anche le pi elementari, del sapere critico. Assai pi che nella storia o nella filosofia, nella storia dell'arte si cos verificata una frattura verticale tra l'autoreferenzialit di chi studia seriamente, ma non ha n l'interesse n la possibilit di trasmettere la sua ricerca al grande pubblico e l'improvvisazione di chi ha invece accesso ai media, ma solo per fare marketing degli eventi. Ma, d'altra parte, bisogna riconoscere che l'involuzione investe ormai i meccanismi intimi della disciplina. In altri termini, l'incredibile vicenda dei cento disegni di Caravaggio il sintomo (in s assai poco serio) di una malattia che si sbaglierebbe a non prendere sul serio. Si stenta ormai perfino a dirlo, ma la storia dell'arte una scienza storica e l'attribuzione (cio la capacit di riconoscere gli autori delle opere d'arte) non una dote innata, ma il frutto di un lungo e faticoso esercizio, una tecnica che si impara e che si insegna, un metodo del quale si pu dar conto razionalmente e i cui risultati si possono verificare e falsificare. Ma, perch tutto questo funzioni, occorre che la comunit scientifica si autogoverni e si autocontrolli: per esempio attraverso riviste autorevoli dotate di comitati di studiosi che vaglino preventivamente e trasparentemente le proposte e che in base a tutto ci siano poi valutate. Invece, nella storia dell'arte di oggi le riviste sono troppo spesso legate a circoli chiusi e parrocchiali. Peggio: le sedi completamente autoreferenziali e slegate da ogni controllo preventivo (come i cataloghi delle troppe, e spesso dannose, mostre, le strenne bancarie, i libri a vario titolo autofinanziati) sono importanti quanto, e pi, delle riviste o delle collane dotate di vaglio scientifico. La storia dell'arte sta cos rinunciando ad esercitare il giudizio critico su se stessa e rischia oggi di trasformarsi in uno studio della domenica assolto da ogni rigore. Una situazione che si man mano sfilacciata fino ad arrivare alla moda delle scoperte pubblicate sui quotidiani e ora addirittura ai cento disegni di Caravaggio lanciati in due ebook di Amazon, a cui altri hanno risposto (seppur in buona fede) non attraverso recensioni scientifiche, ma attraverso l'istituto, non particolarmente scientifico, del comunicato stampa. La comunit degli storici dell'arte ha dunque una ragione tutta speciale per accettare di buon grado i meccanismi di valutazione e autocontrollo della qualit scientifica, che (seppur con molte contraddizioni) l'Agenzia nazionale per la valutazione dell'universit e della ricerca sta cercando di introdurre anche in Italia e anche nei refrattari studi umanistici. E vero che un controllo troppo stretto pu, alla lunga, indurre al conformismo e rallentare il progresso della ricerca, ma in questo momento la storia dell'arte ha bisogno di iniezioni massicce di seriet e credibilit: se non vogliamo trasformarci in guardiani delle bufale dobbiamo provare a chiuderne l'allevamento. Opere che hanno fatto notizia II Fondo Peterzano Uno dei cento disegni del Fondo Peterzano che secondo Maurizio Bernardelli Curuz e Adriana Conconi Fedrigolli sarebbero prove giovanili di Caravaggio. L'annuncio della scoperta stato dato il 5 luglio attraverso un lancio d'agenzia Il crocifisso ligneo La scultura, attribuita da alcuni a Michelangelo, oggetto di dispute non solo accademiche. Acquistata dallo Stato, ora e al centro di un'inchiesta della Corte dei conti. L'opera esposta al Museo del Bargello, a Firenze La Gioconda del Prado A febbraio riemersa dai magazzini del Prado, a Madrid, una copia della Gioconda: in passato considerata opera di suoi discepoli spagnoli, viene ora giudicata dello stesso periodo e della stessa bottega del capolavoro.



news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news