LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MANTOVA - Ornaghi prende atto: a Palazzo Ducale servono cinque milioni.
Maria Antonietta Filippini
Gazzetta di Mantova,13/09/2012

Il ministro ora parla di miliardi di euro per i danni del sisma. Dovr andare da Monti. Finora ne ha stanziati solo otto. I sovrintendenti Paolozzi Strozzi eAlberti hanno posto l'attenzione sulla Camera degli Sposi. Bisogna iniziare subito i lavori.

Miliardi di euro: a tanto ammontano i danni al patrimonio culturale nelle regioni colpite dal terremoto di maggio. Lo ha detto ieri il ministro Lorenzo Ornaghi alla giornata informativa che si svolta a Roma e alla quale hanno partecipato anche i sovrintendenti Paolozzi Strozzi e Alberti (beni artistici e beni architettonici del Mantovano). E' la prima volta che il governo prende di petto il costo dei restauri. Finora infatti il ministero per i Beni culturali ha impegnato "solo" 3 milioni di euro per il recupero del patrimonio storico artistico colpito dagli eventi sismici di maggio pi i 5 milioni, gi stanziati, che saranno disponibili entro l'anno. Lo ha precisato la segretaria generale del ministero dei Beni Culturali, Antonia Pasqua Recchia. Ma 5, o anche 8 milioni per tutti (Emilia, Mantova, Rovigo) sono sufficienti solo per i rilievi e i sopralluoghi tecnici e pochi interventi di emergenza. Ieri invece lo stesso Ornaghi ha ammesso che serve ben di pi, non una decina, ma migliaia di milioni di euro. Cosa far il governo? C' il massimo impegno da parte del ministero - ha aggiunto Ornaghi -. L'importante avere personale motivato, con voglia di fare e che considerer con la massima seriet tutti i problemi. Vi il massimo impegno per riportare le regioni colpite a quello che erano. Il ministro ha quindi sottolineato che la concentrazione delle risorse economiche nelle mani dei commissari, cio dei presidenti delle Regioni, significa accorciare i tempi e quindi ridurre le lungaggini burocratiche. Ornaghi ha infine reso noto che ammontano a 2.500 gli immobili culturali danneggiati in Emilia, mentre sono 405 nel Mantovano e 131 nel Veneto. Il caso della Camera degli Sposi e di Palazzo Ducale stata messa in evidenza. Serve poter intervenire subito per evitare guai maggiori e serve, soprattutto, la manutenzione programmata e continua. Gestire una situazione straordinaria attraverso l'ordinariet pu sembrare uno slogan ma corrisponde alla mia visione delle cose - ha aggiunto Ornaghi-. Credo che il compito di uno Stato sia infatti gestire la straordinariet attraverso l'ordinariet perch solo cos lo Stato viene percepito come entit politica in grado di tutelare tutti. Ornaghi ha sottolineato inoltre quanto sia importante che il Mibac (il ministero dei Beni culturali)sia dotato di una struttura di pronto intervento in grado di collaborare con gli altri soggetti istituzionali nell'attivit di ricostruzione. A questo punto, per, il problema si sposta anche sul tavolo del governo, perch quei miliart i di euro devono essere trovati. Anche se gi si sa che bisogner far conto anche sull'aiuto dei privati. Certo l'iniziativa della Gazzetta di Mantova, con le firme del premio Nobel Seamus Heaney e di tanti altri scrittori al Festivaletteratura, la lettera a Ornaghi di Italia Nostra (Mantova e regionale insieme) e la raccolta di firme del Fai agli eventi del festival hanno dato il sostegno di cui i sovrintendenti Paolozzi Strozzi e Alberti avevano bisogno per sostenere la causa mantovana al summit romano. Intanto, a Palazzo Ducale non si pu stare fermi. La sovraintendente Paolozzi Strozzi ha gi ordinato il preventivo alla restauratrice Maria Chiara Ceriotti per la verifica di tutta la Camera degli Sposi, visto che il sopralluogo eseguito il primo giugno, dopo le scosse del 20 e 29 maggio, ha evidenziato la comparsa di molte nuove e ampie decoesioni attorno alla vecchia crepa simile a un capello. Soltanto sei mesi prima, in novembre, un controllo gi programmato su tutta la superficie della Camera aveva segnalato una situazione buona, con soltanto piccolissimi punti in cui si doveva rinforzare l'intonaco. Una cosa minima, a differenza di ora. Quindi la sovrintendente vuole la mappatura completa, per la quale ci vorr circa una settimana. Poi si potranno valutare i tempi e i costi dell'intervento, che pu durare alcuni mesi. Ma il problema, come evidenziato dalla dottoressa Paolozzi Strozzi e dall'architetto Andrea Alberti che se anche la Camera degli Sposi fosse salvata - l'importante mettersi al lavoro subito - non si potrebbe certo entrare dalla finestra. Il castello di san Giorgio, dopo il terremoto, ha avuto importanti lesioni strutturali, soprattutto alla torre verso piazza Castello lato museo archeologico. E anche la Sala di Manto della Corte Nuova ha bisogno di interventi decisi dagli ingegneri strutturisti. Dai sopralluoghi durati tutta l'estate da parte del professor Facio e della sua equipe dello Iuav di Venezia, si viene confermando la prima ipotesi: per rimettere in forma tutto Palazzo Ducale dopo il terremoto serviranno circa 5 milioni di euro. E per fortuna sono arrivati fondi dalla direzione regionale dei Beni culturali, dall'A22 del Brennero e dalla Fondazione Bam con cui si stanno restaurando le Sala dello Zodiaco e dei Papi e sar controllata la Camera degli Sposi. Mentre il ministero dei Beni Culturali radunava direttori generali e sovrintendenti, insieme a vigili del fuoco e carabinieri per la tutela dell'arte sul dopo terremoto, a Roma si svolgeva ieri anche un altro appuntamento a cui era invitato monsignor Giancarlo Manzoli, delegato del vescovo di Mantova per i beni culturali. Si trattava del consiglio direttivo dell'Associazione archivistica ecclesiastica, per impostare la preparazione del convegno internazionale che si terr nel 2013 a Roma (situazione degli archivi delle Chiese in Europa) e di quello del 2014 a Firenze (La Chiesa e la Carit). Monsignor Manzoli non ha perso l'occasione di fare quello che i sovrintendenti stavano facendo con il ministro Ornaghi: porre l'attenzione sui monumenti mantovani danneggiati dal terremoto. Anche perch, per molto tempo, si continuato a parlare di terremoto emiliano, dimenticando Mantova, quasi che le onde sismiche rispettino i confini burocratico amministrativi. Manzoli dunque ha portato con s una ricca documentazione, di fotografie e articoli, in particolare della Gazzetta di Mantova. Tutti sono rimasti stupiti, non si aspettavano un tale disastro: nel Mantovano abbiamo 127 chiese inagibili. Ora partir la messa in sicurezza della chiesa di Bondeno di Gonzaga. Ma per le chiese c' un grande problema: i Comuni hanno messo in sicurezza a loro spese, confidando in un risarcimento dello Stato. Ma se ci non avverr chiederanno i soldi a noi, alla Chiesa. Che per non li ha. Stiamo cercando di raccogliere le forze per i restauri, ma ci vogliono 80-100 milioni. E' impossibile. Per questo anche la Chiesa avr bisogno dell'aiuto dei privati per risanare le chiese danneggiate. Difficile contare sullo Stato che ha gi da pensare ai suoi palazzi, come il Ducale. Per fortuna, a Mantova, la cupola del campanile di Santa Barbara, stato messo in sicurezza dai Vigili del Fuoco (anche perch rischiava di crollare su Palazzo Ducale), ma bisogner pensare al restauro per non lasciarla ingabbiata all'infinito. Manzoli ha mostrato la documentazione su Santa Barbara, riscuotendo grande interesse. Anche l'Avvenire ha fatto un ampio servizio, spiegando che stato un intervento di messa in sicurezza molto innovativo.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news