LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Effetti collaterali della notifica
Alice Capiaghi
Borsa & Finanza 15/9/2012

L'istituto che vuole salvaguardare il patrimonio artistico nazionale oggetto di molte critiche
Gli operatori chiedono una disciplina europea

Se, come visto nelle scorse settimane, la notifica un istituto che trova sostanziale accordo grazie alla sua ratio tesa a preservare il patrimonio artistico e culturale italiano impedendo l'esportazione delle opere ritenute pi importanti, nella pratica suscita numerose critiche. Oltre al gi esaminato problema temporale, ovvero se sia corretto o meno che la notifica possa colpire le opere con pi di 50 anni di et, le perplessit interessano tutto il procedimento che porta alla pronuncia di interesse da parte del Ministero, senza risparmiare quelli che possiamo definire effetti collaterali, e indesiderati, della notifica.
Cosa chiedono gli operatori del mercato per attutire un problema considerato anche dalla casa d'aste Sotheby's commercialmente dannoso e penalizzante sia per le case d'asta che per i mercanti? Innanzi tutto una uniformazione della disciplina a livello europeo tesa a sancire nuovi criteri e a individuare pi precise categorie soggette a notifica.
Il procedimento troppo discrezionale: molto dipende dal funzionario della Sovraintendenza e mancano dei criteri scritti da applicare - osserva Isabella Tribolati della galleria Isarte - in altri Paesi dell'Europa la legge pi chiara e specifica che, per opere sotto un certo prezzo, non necessario chiedere il permesso all'esportazione. Oggi da noi tutto ci che ha pi di 50 anni ritenuto potenzialmente interessante e si sfiora il paradossale per cui anche un paio di occhiali vintage vanno sottoposti a verifica. Basterebbe una soglia di valore o una lista di artisti per cui a priori si decide che non possano essere esportati. d'accordo Matteo Crespi, giovane gallerista specializzato in disegni antichi: In Francia, ad esempio, solo i disegni che valgono pi di 15mila euro sono potenzialmente notificabili. Con il sistema italiano non siamo affatto concorrenziali, facciamo fuggire i mercanti nazionali e non attiriamo quelli stranieri. Negativo rispetto a questa soluzione Daniele Pescarmona, che, da direttore dell'Ufficio Notifiche di Milano, vede la questione sotto un altro punto di vista Non si pu usare una soglia di valore commerciale; si rischierebbe di lasciarsi sfuggire oggetti di per s dallo scarso valore di mercato ma dall'immenso valore culturale. In fondo - prosegue Pescarmona - non sono poi tanti i lotti che notifichiamo: nel 2012, al 1 giugno, a cinque opere stata vietata l'esportazione. Nel 2011 sono state 14, nel 2010 solo 5, mentre nel 2009 furono 25. Una lista interna per, rispondono mercanti e galleristi che, tra le principali richieste, annoverano all'unanimit anche quella di un archivio generale dei beni notificati consultabile online. Cos com' - prosegue Isabella Tribolati - la notifica distrugge il lavoro dei mercanti ma anche il collezionismo privato. Oltre a favorire il mercato nero e l'esportazione illegale, cosa di cui convinto 1'88,6% del campione della ricerca sul tema svolta la scorsa primavera da Monte di Paschi di Siena, la notifica oggi disincentiva massicciamente i collezionisti privati a prestare le proprie opere per mostre pubbliche nel timore che vengano dichiarate d'interesse culturale e perci se ne vieti l'esportazione. Ma i problemi non finiscono qui. Tra lungaggini burocratiche e malfunzionamenti del sistema, a dover fare i conti con la notifica sono anche i trasportatori internazionali che, per conto di privati, mercanti o case d'asta, si fanno carico delle pratiche amministrative. Felice Pirro, titolare della societ di spedizioni Shipping Team, tra questi. E un meccanismo perverso - esordisce quando lo incontriamo nel cortile della Sovraintendenza di Brera a Milano mentre attende il suo turno per sottoporre ai funzionari la merce che ha su due furgoni e che deve obbligatoriamente passare di qui prima che sia fatta espatriare - c' poco personale e il numero di oggetti esaminati ogni settimana troppo basso. Tra opere d'arte, antiquariato e oggetti, sono circa 70 le richieste di esportazione analizzate dalla commissione della sovraintendenza ogni gioved mattina, quando i trasportatori affollano con la merce il cortiletto di Brera. Ognuno di noi pu presentare cinque domande, per un massimo di 15 oggetti, spiega Pirro. Sono troppo poche - gli fa eco Tribolati - sostanzialmente un blocco all'esportazione. Pirro non l'unico a parcheggiare i suoi furgoni ogni gioved nell'interno di Via Fiori Oscuri: Ci sono anche Apice, Arteria che qui per conto di Sotheby's, Art Service per Dorotheum, Open Care per Bonhams. Privati, galleristi e case d'asta danno il mandato ai trasportatori per portare a termine le pratiche di esportazione, con burocrazia e bolli che la fanno da padrone. Dall'inizio dell'estate il meccanismo cambiato - racconta Pirro - prima dovevi presentarti qui all'alba, per arrivare tra i primi e assicurarti che la merce venisse visionata. Ora invece ci si deve prenotare online nei giorni precedenti, ma l'idea sempre la stessa: solo chi arriva prima, in passato fisicamente qui, ora su internet, pu presentare la merce. E una gara al dito pi veloce. Tra i banchetti allestiti alla luce del primo mattino e le schiere di sedie antiche in attesa di essere esaminate, nel cortile di Brera c' un gran movimento: i trasportatori chiacchierano tra loro, gli operai si affannano a preparare la merce, qualche privato fai da te attende pazientemente. Nel trambusto generale Pirro tende un orecchio e, alla sua chiamata, scappa verso le prime opere che saranno analizzate. La commissione composta da tre donne funzionarie che si arrampicano, documentazione in mano, su e gi per il retro dei furgoni aperti. Con cautela gli operai scoprono tele, mostrano sculture, srotolano pergamene antiche. Si guarda a bellezza, firma, data e valore. A un cenno del trio commissariale si passa all'oggetto successivo. Ci vorranno circa 40 giorni per avere la risposta definitiva del Ministero, conclude Pirro. Solo allora sapremo se queste opere potranno liberamente volare verso Londra, New York, Parigi. O anche pi lontano, verso Russia e Cina.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news