LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Callas, quei cimeli senza radici
Enrico Tantucci
La Nuova Venezia 15/9/2012

Il patrimonio di Bruno Tosi rischia di non finire in un museo
Bruno Tosi lo aveva dichiarato qualche mese fa: voleva donare a Venezia la sua collezione di cimeli e documenti legati al mito di Maria Callas e farne un Museo. E ora che il giornalista, critico e scopritore di talenti della musica scomparso, il suo patrimonio rischia di essere accantonato. Non avrebbe certificato la collezione.

Ho maturato una decisione: donare a Venezia la mia collezione e farne un Museo, nel 2012 o 2013. Ho fatto ufficialmente la proposta e attendo delle risposte e delle decisioni, dei coinvolgimenti. Cos diceva in un'intervista di alcuni mesi fa Bruno Tosi, parlando della sua collezione di cimeli e documenti legati al mito di Maria Callas, a cui aveva dedicato l'omonima Associazione da lui fondata, per mantenerne viva la memoria, con una serie di mostre itineranti che avevano toccato negli anni le principali capitali mondiali e ancora proseguivano. E ora che Bruno - giornalista, press agent di celebrati cantanti lirici come Renata Tebaldi o Mario Del Monaco, organizzatore teatrale e musicale che pur girando per il mondo non aveva mai lasciato la sua laguna - non c' pi, la domanda che a Venezia corre, mentre ancora forte il dolore per la sua improvvisa scomparsa (con i funerali che saranno celebrati luned alle 11 nella Basilica di San Giovanni e Paolo), la domanda che in molti si fanno, appunto cosa ne sar della collezione Callas di Tosi e se essa trover effettivamente uno spazio permanente in una citt a cui anche professionalmente la grande cantante lirica fu molto legata. La risposta avvolta nell'incertezza. La Fondazione del Teatro La Fenice - quello pi amato da Tosi, tanto da volere organizzare qui ogni anno il suo prestigioso premio "Una Vita per La Musica" - si gi mostrata vicina a Tosi. Una delle sue ultime volont stata infatti quella che fosse La Fenice a portare avanti il suo Premio che ha onorato negli anni sommi talenti musicali - da Rubinstein a Segovia, da Bernstein a Rostropovich, ma l'elenco infinito - e cos sar. E la serata di luned, quando il Premio alla Fenice sar assegnato per il 2012 al pianista Aldo Ciccolini, sar anche quello della commemorazione di Tosi, del passaggio di consegne del riconoscimento da lui inventato in mezzo a scetticismi e difficolt e divenuto poi un classico. Ma difficilmente la Fenice, come altre istituzioni veneziane si far carico della nascita di un Museo Callas a Venezia, perch quella collezione resta indissolubilmente legata a Tosi, alla sua generosit e insieme alla voglia entusiastica di rischiare sempre e tutto per le cose a cui teneva - senza badare a spese o a meri calcoli di opportunit - che hanno fatto s che la raccogliesse, negli anni, con modalit note a lui solo e ora difficilmente riconducibili a un inventario o a una classificazione classicamente muse-ale. I carteggi sono tra gli elementi pi certi, come le lettere inedite tra la Callas e il marito, l'industriale Giovanni Battista Meneghini, acquistati all'asta da Sotheby's da Tosi nel 2007 in cui gli esprime riconoscenza o amore. O quelle appassionate con Pier Paolo Pasolini, ai tempi di "Medea" in cui non si capacitava - come raccontava Tosi - che la loro relazione dovesse restare solo platonica. Ma arduo ricostruire - per un organismo "terzo" - la provenienza diretta delle centinaia di cimeli callasiani raccolti da Tosi negli anni e certificarli formalmente anche se gi la collezione stata stimata, sembra, per un valore complessivo di circa un milione di euro. Come gli abiti usati dalla Divina per gli ultimi due concerti: quello azzurro a San Francisco, quello rosso a Tokyo. O i meravigliosi abiti da sera creati per lei da stilisti cone Yves St. Laurent, Christian Dior, Biki, Lanvin, tra gli altri. E ancora gli oggetti di scena, dai ventagli di Traviata al pugnale o ai diademi di Tosca. Una raccolta composita, di ardua lettura e classificazione, di provenienza nota solo a chi l'aveva raccolta con amore e impeto negli anni come aveva fatto Bruno Tosi. Per questo, forse - di fronte alle rigide regole delle istituzioni culturali e museali e alla difficolt obiettiva di tradurre non in una mostra temporanea, ma in un museo permanente il mito della Callas - il sogno del suo museo in laguna rischia di rimanere tale. Ma non ancora detto.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news