LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trieste. Assenteisti in Soprintendenza. Si muove anche la Corte dei conti
Corrado Barbacini
Il Piccolo - Trieste 25/9/2012

Il procuratore Maurizio Zappatori ha aperto un fascicolo su 40 dipendenti di Palazzo Economo per verificare se vi siano gli estremi per l'accusa di danno erariale e d'immagine verso lo Stato

Statali assenteisti: entra in ballo anche la Corte dei conti. Il procuratore Maurizio Zappatori ha aperto un fascicolo relativo alle responsabilit contabili dei quaranta dipendenti della Soprintendenza finiti sotto indagine da parte dei militari della Tributaria per le uscite ritenute eccessivamente prolungate da palazzo Economo e dalla sede di viale Miramare. L'inchiesta del procuratore Zappatori parallela a quella avviata dal pm Massimo De Bortoli. Gi nei giorni scorsi lo stesso De Bortoli ha trasmesso alla Procura contabile i primi atti dell'inchiesta che ha scoperchiato quella che stata definita una situazione di malcostume diffuso. A inchiodare i 40 indagati stato il risultato di cento giorni di pedinamenti e filmati girati dalla Guardia di Finanza che per ciascun dipendente di Palazzo Economo ha registrato uscite e reingresssi (spesso con le borse della spesa, a volte al termine di semplici passeggiate) in orario di lavoro. Il pm contabile esaminer tra le altre la posizione di Elvi Bossi, gi segretaria del soprintendente, che in una settantina di giorni, domeniche e festivi compresi, ha "bigiato" per 118 ore. Ma anche quelle degli architetti dirigenti Alvaro Colonna e Marino Sain e della storica dell'arte Maria Chiara Cadore. E poi di Alessandro Bruni, assistente amministrativo; e di Francesco Tuppo. pure assistente amministrativo; e della restauratrice Luisa Zubelli. In linea teorica le accuse ipotizzate da Zappatori a carico dei 40 dipendenti della Soprintendenza sono di danno erariale e di immagine, in riferimento evidentemente al costo patito dallo Stato a causa delle assenze facili. In pratica le ore "libere" sono state regolarmente retribuite ai dipendenti che potrebbero, una volta condannati dai giudici penali, trovarsi appunto nella scomoda posizione di dover restituire il denaro al quale non avevano il diritto. Cifre consistenti che tengono conto anche del rateo della tredicesima, del Tfr e delle ferie maturate. Praticamente si tratta del calcolo matematico del costo lordo per ora, al quale poi vanno aggiunti gli interessi. L'altra contestazione della Corte dei conti potrebbe essere quella di danno d'immagine nei confronti della pubblica amministrazione, inteso come grave perdita di prestigio a seguito del detrimento per l'appunto dell'immagine e della personalit dello Stato o di un altro ente pubblico, come la Soprintendenza, in conseguenza a un'azione delittuosa di un suo amministratore o di dipendente. E questo danno, se accertato, viene valutato sulla base di particolari parametri che tengono conto sia dell'incarico dell'indagato all'interno dell'Amministrazione che della reazione dell'opinione pubblica di fronte alla notizia. Dal punto di vista penale la condanna che - sempre in linea teorica - rischiano gli impiegati e i funzionari della Soprintendenza finiti sotto inchiesta non cosa da poco. In base a una prima stima - inevitabilmente imprecisa visto che tutta la vicenda appena agli inizi - non affatto esagerato parlare del rischio di una condanna a tre o quattro anni, considerati i benefici di legge. Ma evidente che ogni singola posizione, una volta in giudizio, andr vagliata anche in considerazione dell'entit della truffa e del ruolo dell'imputato. Il reato di truffa aggravata contestato dal pm De Bortoli prevede una pena che va da un minimo di un anno a un massimo di cinque anni di reclusione. A questa si aggiunge la pena prevista dall'articolo 479 del Codice penale in relazione all'articolo 476 relativo alla falsit materiale dei pubblici funzionari nell'esercizio delle funzioni. In pratica la contestazione quella di aver fatto in modo che gli orari di inizio e fine della prestazione lavorativa risultassero falsati in loro favore.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news