LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bruno Ciliento, direttore dell'Ufficio Esportazion scrive:

Rispondendo all'invito a formulare proposte circa la bozza di codice dei beni culturali, invio alcune brevi note (sono direttore dell'Ufficio Esportazione Opere d'Arte della Soprintendenza di Torino, mi soffermer soprattutto su quanto meglio conosco), fermo restando che in generale mi pare un testo eccessivamente macchinoso e che vuole disciplinare qualsiasi cosa, con le prevedibili conseguenze
Art. 5 comma 3 - la possibilit di ulteriori deleghe alle regioni pericolosa e soprattutto confusa e vaga. Credo sia in qualche misura anche in contrasto con il dettato costituzionale, che precisa procedure particolari per concedere poteri in merito alle Regioni (per non dire della bozza di nuovo articolato, che lo esclude del tutto). Diverso sarebbe prevedere ipotesi di accordi finalizzati alla tutela, ad esempio tramite regolamenti specifici che dettino norme su determinati aspetti, specie in campo edilizio e urbanistico, in modo da istituire - laddove enti locali siano in grado di gestirli - una sorta di sportello unico che, consentendo di conoscere in anticipo quanto su certi problemi si pu o meno fare, eviterebbe doppioni e perdite di tempo e libererebbe energie per questioni pi importanti
Art.12 - problema anche troppo noto, ma certo tutto suonerebbe assai diverso se si tornasse alla affermazione che tutto ci che pubblico tutelato fino a prova contraria (e non la proposta, le cui finalit sono ben chiare).
Art 14, comma 6 - non chiaro chi debba procedere alla dichiarazione, che parrebbe spettare al "Ministero", che peraltro anche organo di appello. Sarebbe meglio stabilire espressamente che la dichiarazione spetta all'Ufficio locale e il ricorso al Ministero
Art. 22 - il termine di 120 giorni per le autorizzazioni edilizie, sia pure con alcuni correttivi, pu essere troppo breve in presenza di problemi complessi e di Uffici sguarniti di personale. Sarebbe saggio portarlo a 180 giorni, unendolo ai regolamenti semplificativi cui accennavo per l'articolo 5.
Art. 29 - va introdotta una norma, che del resto gi inserita nel ddl sull'insegnamento del restauro, per cui gli interventi su beni mobili e superfici decorate vanno eseguiti esclusivamente da restauratori abilitati ai sensi delle norme vigenti
Art 63 - norma oscura e in parte inappliccabile, pervicacemente riproposta dal 1975. Il riferimento all'allegato A assurdo perch si tratta dell'elenco dei beni (e relativi valori) indicati dalla CEE per l'esportazione, per cui ad es. un quadro che valga meno di una certa soglia non dovrebbe essere considerato importante e viceversa - cosa che nel controllo del mercato ridicolo. Inoltre pensare che le Soprintendenze debbano effettuare annualmente controlli sugli antiquari impensabile (in Piemonte una decina di funzionari dovrebbero controllare migliaia di botteghe!). Si lascino i primi due commi, con qualche correttivo, e si preveda la possibilit di controlli incrociati BBCC- Comuni- organi di polizia
Art. 68 comma 7 - il parere della Regione per le esportazioni superfluo e mai applicato dato che si tratta di beni di enti pubblici gi soggetti a complessa trafila autorizzativa. Si tratta di un "contentino" a seguito di una vecchia sentenza che stabiliva (ben diversamente) le prerogative regionali in materia. Sarebbe pi saggio e corretto decidere che per i beni regionali o di enti locali le autorizzazioni amministraticve in materia spettano alle Regioni, salvo i poteri statali per quel che riguarda la normativa CEE (riportata in altra parte del Codice)
Art. 71 - si continua ad ignorare che esistono beni vincolati, diversi dalle collezioni o dai beni immobili per destinazione, che i proprietari chiedono di poter portare temporaneamente all'estero con le necessarie garanzie. La mobilit all'interno della CEE ormai troppo elevata per ignorarla. Occorre pensare a una norma che permetta - con le massime cautele e sulla base di accordi in ambito CEE - alcune limitate possibilit in questo campo (per Torino e Genova, Nizza pi vicina di Roma!)
Al comma 8 si persiste nel mantenere l'assurda disposizione della fideiussione sui beni da esportare per mostre. che ha come unico risultato di ostacolare lo scambio con l'estero. E' assolutamente da abolire, mantenendola semmai per il caso cui facevo cenno subito prima
Art. 72 comma 3 - la proroga del regime di temporanea importazione fa s che vi siano beni in ...temporanea importazione dal 1929! va mantenuta solo in casi particolari e per non pi di uno o due volte
Art. 131 - la tutela paesaggistica non mi riguarda direttamente, ma certo rilevo che la definizione di bene paesaggistico oscura
Art. 148 - per fatti a me ben noti quando ero in Liguria, le commissioni comunali per il paesaggio sono state spesso composte da esperti come ragionieri e maestri elementari e parenti del sindaco. Le subdeleghe ai Comuni, in mancanza di garanzie tecniche e di coordinamento fra strumenti urbanistici e vincoli paesistici, sono state deleterie. Occorrono disposizioni che fissino paletti rigorosi e prevedano forti possibilit di interventi sostitutivi
Art. 158 - mi pare che una modifica del Codice della Strada di qualche anno fa prevedesse il divieto assoluto di cartellonistica stadale in aree paesaggisticamente rilevanti, la cosa andrebbe approfondita per evitare equivoci in sede applicativa Non si prevede l'integrazione e contestuale abrogazione degli articoli 733-734 del Codice Penale




news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news