LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bruno Ciliento, direttore dell'Ufficio Esportazion scrive:

Rispondendo all'invito a formulare proposte circa la bozza di codice dei beni culturali, invio alcune brevi note (sono direttore dell'Ufficio Esportazione Opere d'Arte della Soprintendenza di Torino, mi soffermer soprattutto su quanto meglio conosco), fermo restando che in generale mi pare un testo eccessivamente macchinoso e che vuole disciplinare qualsiasi cosa, con le prevedibili conseguenze
Art. 5 comma 3 - la possibilit di ulteriori deleghe alle regioni pericolosa e soprattutto confusa e vaga. Credo sia in qualche misura anche in contrasto con il dettato costituzionale, che precisa procedure particolari per concedere poteri in merito alle Regioni (per non dire della bozza di nuovo articolato, che lo esclude del tutto). Diverso sarebbe prevedere ipotesi di accordi finalizzati alla tutela, ad esempio tramite regolamenti specifici che dettino norme su determinati aspetti, specie in campo edilizio e urbanistico, in modo da istituire - laddove enti locali siano in grado di gestirli - una sorta di sportello unico che, consentendo di conoscere in anticipo quanto su certi problemi si pu o meno fare, eviterebbe doppioni e perdite di tempo e libererebbe energie per questioni pi importanti
Art.12 - problema anche troppo noto, ma certo tutto suonerebbe assai diverso se si tornasse alla affermazione che tutto ci che pubblico tutelato fino a prova contraria (e non la proposta, le cui finalit sono ben chiare).
Art 14, comma 6 - non chiaro chi debba procedere alla dichiarazione, che parrebbe spettare al "Ministero", che peraltro anche organo di appello. Sarebbe meglio stabilire espressamente che la dichiarazione spetta all'Ufficio locale e il ricorso al Ministero
Art. 22 - il termine di 120 giorni per le autorizzazioni edilizie, sia pure con alcuni correttivi, pu essere troppo breve in presenza di problemi complessi e di Uffici sguarniti di personale. Sarebbe saggio portarlo a 180 giorni, unendolo ai regolamenti semplificativi cui accennavo per l'articolo 5.
Art. 29 - va introdotta una norma, che del resto gi inserita nel ddl sull'insegnamento del restauro, per cui gli interventi su beni mobili e superfici decorate vanno eseguiti esclusivamente da restauratori abilitati ai sensi delle norme vigenti
Art 63 - norma oscura e in parte inappliccabile, pervicacemente riproposta dal 1975. Il riferimento all'allegato A assurdo perch si tratta dell'elenco dei beni (e relativi valori) indicati dalla CEE per l'esportazione, per cui ad es. un quadro che valga meno di una certa soglia non dovrebbe essere considerato importante e viceversa - cosa che nel controllo del mercato ridicolo. Inoltre pensare che le Soprintendenze debbano effettuare annualmente controlli sugli antiquari impensabile (in Piemonte una decina di funzionari dovrebbero controllare migliaia di botteghe!). Si lascino i primi due commi, con qualche correttivo, e si preveda la possibilit di controlli incrociati BBCC- Comuni- organi di polizia
Art. 68 comma 7 - il parere della Regione per le esportazioni superfluo e mai applicato dato che si tratta di beni di enti pubblici gi soggetti a complessa trafila autorizzativa. Si tratta di un "contentino" a seguito di una vecchia sentenza che stabiliva (ben diversamente) le prerogative regionali in materia. Sarebbe pi saggio e corretto decidere che per i beni regionali o di enti locali le autorizzazioni amministraticve in materia spettano alle Regioni, salvo i poteri statali per quel che riguarda la normativa CEE (riportata in altra parte del Codice)
Art. 71 - si continua ad ignorare che esistono beni vincolati, diversi dalle collezioni o dai beni immobili per destinazione, che i proprietari chiedono di poter portare temporaneamente all'estero con le necessarie garanzie. La mobilit all'interno della CEE ormai troppo elevata per ignorarla. Occorre pensare a una norma che permetta - con le massime cautele e sulla base di accordi in ambito CEE - alcune limitate possibilit in questo campo (per Torino e Genova, Nizza pi vicina di Roma!)
Al comma 8 si persiste nel mantenere l'assurda disposizione della fideiussione sui beni da esportare per mostre. che ha come unico risultato di ostacolare lo scambio con l'estero. E' assolutamente da abolire, mantenendola semmai per il caso cui facevo cenno subito prima
Art. 72 comma 3 - la proroga del regime di temporanea importazione fa s che vi siano beni in ...temporanea importazione dal 1929! va mantenuta solo in casi particolari e per non pi di uno o due volte
Art. 131 - la tutela paesaggistica non mi riguarda direttamente, ma certo rilevo che la definizione di bene paesaggistico oscura
Art. 148 - per fatti a me ben noti quando ero in Liguria, le commissioni comunali per il paesaggio sono state spesso composte da esperti come ragionieri e maestri elementari e parenti del sindaco. Le subdeleghe ai Comuni, in mancanza di garanzie tecniche e di coordinamento fra strumenti urbanistici e vincoli paesistici, sono state deleterie. Occorrono disposizioni che fissino paletti rigorosi e prevedano forti possibilit di interventi sostitutivi
Art. 158 - mi pare che una modifica del Codice della Strada di qualche anno fa prevedesse il divieto assoluto di cartellonistica stadale in aree paesaggisticamente rilevanti, la cosa andrebbe approfondita per evitare equivoci in sede applicativa Non si prevede l'integrazione e contestuale abrogazione degli articoli 733-734 del Codice Penale




news

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

20-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 OTTOBRE 2017

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

Archivio news