LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LO STRANO CASO DEL FERRALE OVVERO UN PIANO URBANISTICO CONVENZIONATO SENZA CONVENZIONE
2011-02-01
CITTADINI AREA FIORENTINA - COMITATI DEI CITTADINI – FIRENZE
Mail alla Redazione del 27-1-2011

Di recente (“la Repubblica” del 29 dicembre) ritornata all’attenzione della cronaca una vicenda che gi da tempo abbiamo denunciato: il megaimpianto di rottamazione del Ferrale (un edificio di 30.000 mq), nato su una area agricola del quartiere 4, non ha ancora la viabilit e le opere di accesso previste nel progetto approvato (strade, raddoppio sottopasso etc.) n le altre opere di mitigazione previste (un nuovo parco pubblico sul lato ovest e alberature di fascia).



1. Ecco cosa si prevedeva in uno dei disegni del progetto poi autorizzato

In pratica, non ha le cosiddette opere di urbanizzazione che costituiscono l’elemento principale di un Piano Urbanistico Convenzionato quale l’Impianto del Ferrale, opere regolarmente previste nella bozza di convenzione allegata al Piano ed approvata dal Consiglio Comunale.



2. Ecco come si presenta il “parco” di mitigazione oggi da via del Ferrale



Ma allora, perch le strade previste non ci sono?

Perch c’ ancora la viabilit locale non adeguata al traffico previsto?



3. Il sottopasso che collega il nuovo centro a via Minervini cio alla A1 e FI-PI-LI

4. Via di Castelnuovo che collega il centro del Ferrale con gli abitati storici dell’Oltregreve



Il centro stato autorizzato grazie a un’autorizzazione rilasciata dalla Provincia di Firenze (Presidente Matteo Renzi) con atto dirigenziale n.1901 del 4.6.2007 nella quale numerosi aspetti critici di tipo ambientale e urbanistico venivano rimandati alla definizione di un Progetto Unitario Convenzionato e si subordinava l’inizio dei lavori alla presentazione “di un progetto per l’esecuzione del PUC”.



Nel maggio 2008 la Soc. Ecofirenze depositava presso la Direzione urbanistica del Comune di Firenze il progetto unitario del Ferrale “contenente i progetti delle opere di urbanizzazione a servizio dell’area, uno relativo al verde pubblico e registrato al protocollo col numero 26166/2008, e un altro relativo alla viabilit e registrato al protocollo con il numero 26169/2008”.



Nel giugno 2008 la Societ Ecofirenze comunicava l’inizio lavori e “consegnava sia l’atto unilaterale d’obbligo, si la garanzia fideiussoria per un importo di euro 946.462,00”.relativi alle opere previste del PUC.



Nel novembre 2008, nonostante numerose opposizioni e richieste da parte dei Cittadini di Firenze e di Mantignano Ugnano, il Consiglio Comunale del 17 novembre (presenti 24 consiglieri e 22 assenti, con il voto contrario di Ornella De Zordo, e 23 favorevoli fra i quali anche quello di Alberto Formigli) ha approvato il PUC del Ferrale presentato dalla Societ Ecofirenze e l’allegato Schema di Convenzione, autorizzando inoltre “il Direttore della Direzione Urbanistica, o suo delegato, ad apportare allo schema di convenzione correlato al progetto unitario, ogni eventuale modifica di carattere non sostanziale che si renda necessaria per la miglior tutela degli interessi dell’Ente”.



Sono passati oltre due anni



La Giunta e la maggioranza che aveva approvato quegli atti stata travolta da alcuni scandali urbanistici ed edilizi sollevati dalla Procura di Firenze che, fra l’altro, ha prelevato in Comune tutta la documentazione relativa al progetto del centro unitario di rottamazione del Ferrale dal 12 giugno 2008 al 28 gennaio2010 (sarebbe magari opportuno che qualcuno spiegasse come mai stato portato in Consiglio l’approvazione di un PUC relativo a un progetto i cui documenti da quattro mesi erano stati prelevati dalla Procura della Repubblica).



Della Convenzione del PUC del Ferrale non si saputo pi nulla , n dei suoi contenuti redatti dallo Studio Quadra n della sua firma che rende realmente esecutiva la convenzione!



Se vero che un piano Urbanistico convenzionato non pu dirsi tale in assenza di convenzione regolarmente firmata dai contraenti (rappresentante del Comune ed operatore privato), e che pertanto, qualora la convenzione non sia firmata i lavori non possono avere inizio, come mai, nel nostro caso, i lavori relativi all’Impianto sono gi ultimati (non cos quelli relativi alle opere di urbanizzazione) senza che la convenzione sia stata perfezionata dalle firme?



In attesa di una risposta vorremmo far presenti altri gravi carenze da parte dell’Amministrazione comunale su un progetto di questa rilevanza.



Perch, al momento della presentazione del Piano, all’operatore non stato richiesta la dimostrazione della titolarit delle aree su cui intendeva realizzare l’intervento? tant’ che ha potuto tranquillamente dichiarare di sua propriet una parte dei terreni di pertinenza e propriet della confinante e storica Villa Lisi, terreni che nel progetto erano destinati a una doverosa zona di rispetto, come richiedeva la rilevanza architettonica della Villa.



Ci chiediamo infine come mai alla Direzione Urbanistica si sia passati da un pomposo Servizio “Grandi Progetti”, che si occupato di Piani Urbanistici quali il Ferrale e Castello (con tanto di Dirigente, funzionari responsabili, tecnici ed addetti vari), ad un Ufficio fin troppo modesto denominato “PUE di iniziativa privata e certificazioni urbanistiche” che per di pi dispone solo di qualche “tecnico” e ha vacante il posto di responsabile? Davvero la Amministrazione comunale pensa che questo settore debba essere cos negletto? Proprio la gestione dei rapporti con i privati, in quanto la pi delicata e strategica, richiederebbe invece una struttura articolata guidata da un responsabile competente e dotata di personale adeguato, sia numericamente che qualitativamente.

Tanto pi questo vero oggi, quando le risorse disponibili sono poche ed importantissimo ricorrere alla collaborazione dei privati, non gi per rilasciare permessi a costruire con il principale scopo di far cassa, quanto invece per instaurare, soprattutto nella realizzazione delle opere e infrastrutture pubbliche, un proficuo rapporto sinergico fra pubblico e privato in cui ognuno sia consapevole e responsabile del proprio ruolo.



Per ora questa incredibile vicenda conferma una realt che da anni sotto i nostri occhi:



nei piani convenzionati gli interessi dei privati sembrano sempre anteposti agli interessi collettivi, e spesso nelle more delle controversie procedurali gli stessi piani vengono per lo pi disattesi con danni rilevanti per la collettivit.



Crediamo che questa prassi vada interrotta e che un amministratore che si ispiri ai principi della democrazia e della tutela degli interessi collettivi debba inaugurare – possibilmente con fatti e non con proclami - una stagione nuova che stabilisca il principio che una convenzione coi privati deve essere valida (cio firmata) al momento di iniziare i lavori e che prima si faccia ci che di interesse pubblico e poi quello che di interesse privato.



5. Stato attuale del “parco” pubblico previsto dal PUC, visto da Via di Castelnuovo



Poich adesso troppo tardi per pretendere la correttezza degli atti, chiediamo almeno che le opere di urbanizzazione previste dal PUC siano realizzate prima che sia consentito l’inizio dell’attivit dell'’Impianto.



news

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

17-11-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 NOVEMBRE 2017

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

Archivio news