LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IL LUNGO PERCORSO DEL FUTURO PARCO ARCHEOLOGICO DI CROTONE
2011-03-31
Italia Nostra sez. Crotone
Mail alla Redazione del 31-3-2011

Vorremmo chiedere al ministro Biasini, sensibile com ai problemi della tutela dei Beni
Culturali, di intervenire perch a Crotone, antica citt della Magna Grecia, venga realizzato il
parco archeologico, che permetterebbe di mettere in luce un patrimonio di notevole interesse,
senza consentire che dei cavilli burocratici e delle scadenze imminenti (il decreto di esproprio dellarea scadr il 28 ottobre 1980) tolgano alla collettivit un parco di tale importanza. Cos scriveva la presidente della sezione di Italia Nostra-Crotone (dal Corriere della Sera, 14 giugno 1980). Tempestiva la risposta del ministro dei Beni Culturali ed Ambientali Oddo Biasini, che era subentrato da pochi mesi allon.le Dario Antoniozzi, che aveva seguto gi con grande attenzione le vicende dellarea e la successiva creazione del parco archeologico urbano Vorrei rassicurare gli amici di Italia Nostra e tutti gli estimatori italiani e stranieri del significativo patrimonio archeologico di Crotone che non esistono ostacoli insormontabili alla nascita del parco. Certamente di cavilli burocratici ce ne sono stati, come sempre avviene in tutte le cause di esproprio Non rimane che attendere che si pronunci lAvvocatura dello Stato che sta esaminando la documentazione gi da tempo presentata... (dal Corriere della Sera, 18 Giugno 1980).
L area in questione, situata nei pressi della zona industriale, era stata precedentemente destinata ad ampliamento degli stabilimenti chimici. In seguito ai ritrovamenti di reperti archeologici, durante la realizzazione dellacquedotto di servizio alle fabbriche, ed al fermo-lavori imposto dalla Soprintendenza, il Consorzio di Sviluppo Industriale aveva chiesto lintervento della Fondazione Ing. C. M. Lerici, che aveva eseguito una campagna di prospezioni archeologiche. La relazione scientifica interpretativa a cura del prof. Lorenzo Quilici, direttore archeologo del C.N.R., attest il notevole interesse archeologico di tutta la superficie indagata, che fu sottoposta a vincolo dal ministro dei Beni Culturali ed Ambientali Dario Antoniozzi, su proposta della Soprintendenza Archeologica della Calabria.
Tutte le iniziative di sensibilizzazione di autorit e di cittadini erano state concordate con il Gruppo Archeologico Krotoniate, costituito nel 1973 da Vincenzo Fabiani. Lo stesso Fabiani aveva ricevuto pesanti minacce a causa del suo forte e coraggioso impegno per la tutela e conservazione del patrimonio archeologico crotonese.
Autorevole sostegno era venuto anche dallallora presidente nazionale di Italia Nostra, lo scrittore Giorgio Bassani, che aveva indirizzato ai ministri dei Beni Culturali, Antoniozzi e poi Biasini, un forte appello a favore del Parco archeologico urbano. Tante difficolt che sembravano insormontabili furono poi superate.
Un lungo e difficile iter era stato percorso prima di arrivare al vincolo ed alla creazione, almeno sulla carta, del parco archeologico. Nel 1994, finalmente, larea archeologica in questione, per una superficie di circa 83 ettari (di molto inferiore, quindi, alla vasta area di vincolo diretto) fu espropriata con decreto del Prefetto di Catanzaro.
Dopo lunghi anni di silenzio, da alcuni mesi si riparla del parco.
Lamministrazione comunale di Crotone e la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria (organo del MiBAC) hanno annunciato che saranno appaltati a breve i lavori di bonifica e poi di messa in luce di un primo settore (circa mq 3.000) dellarea archeologica del quartiere settentrionale dellantica Kroton.
Questa notizia, se confermata dai fatti, non pu che riempire di soddisfazione Italia Nostra, Gruppo Archeologico Krotoniate e coloro che nelle Istituzioni hanno creduto in un progetto culturale innnovativo di tutela e conservazione del patrimonio archeologico, tra lostilit di quanti optavano per lampliamento di unattivit industriale fortemente impattante sullambiente e lindifferenza della maggioranza, certamente presa da problemi economici.
La successiva crisi delle industrie, con la conseguente dolorosa chiusura degli stabilimenti crotonesi che avevano dato lavoro a migliaia di persone, ha confermato la lungimiranza di coloro che si erano prodigati per tutelare larea archeologica in attesa che, in tempi migliori, venisse alla luce il grande quartiere settentrionale di Kroton.
Auguriamoci che si possa recuperare sul tempo perduto e che il parco archeologico diventi finalmente reale.

Crotone, 31 marzo 2011
Teresa Liguori
Consigliere nazionale
Presidente sezione di Crotone





news

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

17-11-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 NOVEMBRE 2017

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

Archivio news