LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Teatro di Rimini. Una storia italiana di errori e di dissipazioni
2013-08-02
Associazione Rimini citt darte Renata Tebaldi e altre associazioni

Una storia italiana di errori e di dissipazioni
A settantanni dalle bombe del 1943 non si vuole ricostruire
comera e dovera lo storico Teatro A. Galli di Rimini
Per anni si sono buttati miliardi, ora si ignorano progetti e vincoli

A settantanni dai danni bellici del 1943, il Comune di Rimini pare intenzionato a ricostruire il neoclassico Teatro Galli inaugurato da Verdi nel 1857, mettendo fine ad una vicenda vergognosa per il patrimonio culturale del nostro Paese.
Accantonato, a furor di popolo, il costosissimo e devastante progetto modernista del 1985 di Adolfo Natalini, modificato in un ventennio otto-nove volte, e costato alle casse comunali fra parcelle e liquidazioni 6 miliardi e 250 milioni di vecchie lire; stata scelta la strada del ripristino filologico, sulla base dei disegni originali dellarchitetto Luigi Poletti, indicata dal mondo culturale nazionale e dalle pi importanti associazioni di tutela (Italia Nostra, F.A.I., Comitato per la Bellezza Antonio Cederna).
Su incarico dellallora sottosegretario per i Beni culturali, Vittorio Sgarbi, la Sovrintendenza Regionale per lEmilia Romagna (arch. Elio Garzillo) ha redatto (con la consulenza del arch. Pier Luigi Cervellati) un rigoroso piano di recupero filologico del Teatro del Poletti, che ha ottenuto il benestare del Comitato di settore congiunto del Ministero e lha consegnato ufficialmente al sindaco Alberto Ravaioli nel febbraio del 2005. Ma la strada legale non piace allamministrazione riminese, nel 2009, su incarico del sindaco Ravaioli, un gruppo di progettazione del Comune di Rimini, opera modifiche sostanziali al piano di ripristino filologico, stravolgendo la sala neoclassica, con pilastri in cemento armato, inserendo una torre scenica e proponendo ambienti di servizio sotto il palcoscenico a otto metri di profondit. La Direzione regionale per i Beni culturali e il Ministero impongono il ritorno al ripristino filologico per la sala neoclassica, vietano la torre scenica e prescrivono ulteriori sondaggi archeologici sotto la platea e il palcoscenico. Nella zona ci sono, fra strade romane in basolato, una domus romana con mosaici e reperti medievali e ottocenteschi.
A ridosso del teatro c il fossato di Castelsismondo opera del Brunelleschi.
Nel maggio 2011, a scavi archeologici in corso, il Comune pubblica il bando per la ricostruzione del teatro. Nel sottosuolo sono ancora previsti, sotto il palcoscenico, i due piani sotterranei, che debordano dal perimetro del teatro e sconfinano per tre metri nellarea del Castello. La enorme scatola di cemento armato sotterranea distruggerebbe tutti i reperti finora messi in luce nel cuore dellantica Ariminum, danneggerebbe la scarpata in laterizio dellattiguo fossato di Castelsismondo e metterebbe a repentaglio un magnifico platano plurisecolare.
Nel 2013, a scavi archeologici ancora in corso, e dopo importanti, ulteriori ritrovamenti, si assegna lappalto.
Sullarea interessata vertono tre vincoli di tutela: il primo (D.M. 4.3.1915) che salvaguarda Castelsismondo, esplicitato da una mappa dellarea confinante col retro del teatro. Non possibile costruire nulla entro quel limite che comprende il recinto esterno promuralis, il fossato, il ponte, la prima cinta e i bastioni piccoli, sepolti nel terreno; il secondo (D.M. 29.10.1991) ribadisce quello del 1915 a protezione dellarea archeologica della Rocca e del teatro; il terzo (D.M. 29.4.1992) rafforza i vincoli di legge sul neoclassico Teatro Galli che presenta interesse particolarmente importante ai sensi dellart. 1 della legge 1 giugno 1939 n. 1089 ed , pertanto da intendersi sottoposto, ai sensi dellart. 4, a tutte le disposizioni di tutela contenute nella legge stessa.
Mentre si scaldano le ruspe, il Comune, che dovrebbe per primo tutelare la memoria e i monumenti della comunit nel rispetto delle leggi della Repubblica, d viceversa il cattivo esempio calpestando i vincoli ministeriali nel reiterato tentativo di distruggere una zona antichissima della citt.
E, fatto ancora pi grave, le Soprintendenze per i Beni Architettonici e Archeologici fanno finta di nulla autorizzando (15 luglio scorso) la rimozione definitiva dei resti strutturali del teatro del Poletti e lasportazione della pavimentazione [della domus romana] al fine di una conservazione presso il Museo Civico Archeologico il tutto in accordo con un incredibile decreto (n. 66 del 31 maggio 2011) del Direttore Regionale per i Beni culturali, arch. Carla Di Francesco con cui viene delegata alla Soprintendenza per i Beni Archeologici dellEmilia Romagna lemissione dellautorizzazione alla demolizione e alla rimozione definitiva di strutture emerse nel corso di scavi archeologici indipendentemente [sic.] dalla loro datazione.
Non una parola sulla violazione dellarea del Castello.
C da chiedersi se i soprintendenti di Ravenna e di Bologna si siano resi conto che il progetto del Comune invade il fossato, che in futuro, la citt potrebbe decidere di riportare alla luce.
Auspichiamo che lopinione pubblica fermi lo scempio. A Fano un altro bellissimo teatro del Poletti, semidistrutto dalla guerra, stato filologicamente ricostruito sui disegni originali ed felicemente in attivit da un ventennio.

Associazione Rimini citt darte Renata Tebaldi
Comitato per la Bellezza, Vittorio Emiliani, presidente, Vezio De Lucia, Luigi Manconi
Associazione R. Bianchi Bandinelli, Marisa Dalai, presidente
Italia Nostra, Maria Pia Guermandi, Giovanni Losavio consiglieri nazionali
Rimini, 2 agosto 2013.



news

17-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news