LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Deturpazione del Palazzo delle Poste di Siracusa
2013-01-06
Studio Legale Giuliano
Mail alla Redazione del 6 gennaio 2013

Alla Soprintendenza ai BB AA CC di Siracusa

Al Sindaco di Siracusa

Al Consiglio Regionale dei Beni Culturali

All'Assessorato ai Beni Culturali Regione Sicilia

Alla Procura dela Repubblica di Siracusa

Alla Procura Generale presso la Corte di Apopello di Catania

Alla Procura Generale presso la Corte dei Conti


All'UNESCO


Organi di Stampa



Oggetto: Deturpazione del Palazzo delle Poste di Siracusa


Sono mesi che assistiamo alla crescente evidente irreversibile deturpazione dell'edificio monumentale a Siracusa Palazzo delle Poste .
"Progettato dall' Architetto catanese Francesco Fichera nel 1922 l'uniuca Posta in Sicilia con due torri d'angolo, con funzioni di ricezione del telegrafo.Secondo quanto scriveva la rivista "Opere Pubbliche" nel 1932 l'edificio per la "sua mole , la sua pregiata architettura e la rispondenza dello scopo cui destinato da annoverarsi tra le pi importanti opere edilizie dell'ultimo decennio". Appaltato alla Ditta Grasso ed inaugurato nel 1929 ricco di particolari decorativi sempre animati, secondo Piacentini "da un aristocratico spririto derivato dal classico, talvolta direttamente da frammenti conservati nel museo locale".
"Il Palazzo delle Poste vuole essere rappresentativo del servizio pubblico rinnovato dell'era nuova ; la monumentalit della sua facciata ne fa un edificio pari al Municipio o alla Prefettura ...la Posta rappresenta un investimento notevole , tenuto conto della qualit architettonica e decorativa degli spazi interni ed esterni. Gli Uffici non sono da meno , il salone per il pubblico, la sala delle riunioni e l'ufficio del direttore hanno ricevuto una realizzazione esemplare e di alto livello artistico"
Cosi' L. Dufour "Nel segno del Littorio" Caltanissetta 2005.

Le immagini fotografiche ci narrano una gravissima deturpazione degli esterni, una vilissima superfetazione in coppi toscani, una pensilina mai esistita che altera irreversibilmente i fronti dell'edificio e le parti alte di esso. Le due torri anzich subire un restauro attento delle preesistenti composizioni, minacciano una colata di rame, che ricorda pi Pechino che l'architettura littoria italiano.
Addirttura una serie di piante sciatte per camuffare gli impianti tocnologici sulle terrazze.
La denuncia negli anni stata continua, Paolo Giansiracusa ne ha fatto oggetto di ripetuti interventi, oggi soltanto la Civetta di Minerva ha sollevato lo scandalo, Giuseppe Patti dei Verdi ha denunciato lo sventramento anche delle fondamenta, non conosciamo quale scempio sia stato compiuto degli interni.

Ritengo che l'Amministrazione Comunale debba chiarire le cause di tale intervento dalla inconfondibile mano speculativa di un palazzinaro; altro che Mariott ! Se sono questi i frutti dell privatizzazione degli immobili storici e monumentali, se questa la cultura degli investimenti di compagnie multinazionali, chiaro che tutta la retorica che i moderati nei confronti dell'ambiente, del paesaggio e dei patrimoni monumentali, nben dovrebbero ripensare certe prese di posizioni acritiche a favore di qualsiasi intervento di "valorizzazione" che viene da tali operatori economici.
La presente tuttavia inviata ad istituzione non possono declinare i loro obblighi di controllo, Soprinetndenza prima di tutto, vi stato un nulla osta per tale intervento? Quali le cause che hanno consentito la deturpazione? Cosa ha suggerito una motivazione favorevole allo scempio? L'Assessorato on il Suo Consiglio dei Beni Cultutali ritiene di intervenire per risanare il disastro? La procura pu indagare concessione edilizia, parere della Sopfrintendenza, valutare il merito dei pareri rilasciati che hanno consentito lo sfiguramento dell'edificio. E l'Unesco, i suoi organi di controllo, non ritiengono che tale deturpazione costituisca u vulnus grave alla dichiarazione del 2005 che ha reso la citt patrimonio dell'umanit? A dresda per molto meno un analogo intervento costata la cancellazione dalla lista. E la Corte dei Conti considerato il carattere monumentale dell'edificio non ritiene di aprire un dossier sull'impoverimento collettivo che derivato alla citt, all'erario ed alla sua immagine, da tale perdit a monumentale.
La Soprintendenza ha valutato cosa stato deturpato all'internom la grande scala monumentale, gli spazi interni "il salone per il pubblico, la sala delle riunioni e l'ufficio del direttore hanno ricevuto una realizzazione esemplare e di alto livello artistico ", sono ancora tali?
E' tollerabile che le coperture dell'edificio, come mostrano il progetto di Fichera, le foto di prima dell'ultima guerra, degli anni '50, sino agli anni '70, abbiano subito tale deturpazione?
Chiediamo una indagine di chiarimento.
Chiediamo che le istituzioni chiariscono i motivi per cui la citt si trova questa architettura storpiata da un malinteso intervento di manutenzione straordinaria e vera e propria ricostruzione.

Il Comitato Parchi allestir una mostra sull'edificio, che riportando le testimonianze edilizie che lo hanno concepito, foto di archivio, documenti che testimoniano la sua monumentalit, atti di vincolo , concessione edilizia, gli atti degli autori della deturpazione, la voce delle istituzioni, denuncier quello che la citt e la cultura architettonica del Paese rischiano di perdere irrimediabilmente se non si interviene immediatamente a ridurre nel pristino stato il monumento, sempre che ci sia ancora possibile.
Il Comitato Parchi, con la consulenza di studiosi della materia (Architetti, Storici dell'Arte , Studiosi che si sono resi disponibili) offrir alla citt la mostra di denuncia , il Palazzo delle Poste di Siracusa e la sua destinazione barbara assurger a simbolo del fallimento di una certa retorica di governi disattenti e di amministrazioni locali inconcludenti sui rischi concreti di affidare a privati i beni monumentali e culturali.

Segue breve rassegna fotografica sul monumento prima e durante l'intervento in corso.

Avv. Corrado V. Giuliano




news

17-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news