LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PRIME PIOGGE EL'ITALIA TORNA A FRANARE E A CONTARE ANCORA VITTIME
2013-11-22
ITALIA NOSTRA
Mail alla Redazione del 22-11-2013

ITALIA NOSTRA | 19 novembre 2013 I Comunicato stampa



APPELLO AL GOVERNO: LA MESSA IN SICUREZZA DEL TERRITORIO E' LA PRINCIPALE GRANDE OPERA NECESSARIA AL PAESE


Solo pochi giorni fa Italia Nostra insieme ad altre associazioni ambientaliste aveva lanciato l'allarme contro il nuovo PPR della Sardegna che apre la strada a nuove e dissennate concessioni edilizie in tutta la regione. Enormi colate di cemento che, se non bloccate, metteranno ancora pi a rischio un territorio gi fragilissimo e ad altissimo rischio idrogeologico. Come se non bastasse il Governo, nella proposta di legge di Stabilit destina la modestissima somma di 30 milioni di euro per l'intero territorio nazionale. "Italia Nostra - dichiara il Presidente Marco Parini - ribadisce l'invito formulato al Governo circa l'assoluta necessit di destinare grandi investimenti alla messa in sicurezza del territorio nazionale anzich accrescere il rischio idrogeologico con nuove cementificazioni".



In particolare, il disastro ambientale che sta colpendo la Sardegna, oltre ad evidenziare forti carenze Strutturali che, se affrontate per tempo, potevano probabilmente evitare le numerose vittime di questa tragedia, richiama la Regione Sardegna a considerare la difesa del suolo la vera emergenza regionale e ad attivare interventi sostanziali sotto il profilo idrogeologico per mettere in sicurezza l'intero territorio Sardo. Le ultime decisioni sul Piano Paesaggistico Regionale rappresentano invece l'ennesimo tentativo di occupare coste e aree agricole con nuove edificazioni che contribuiranno ad accrescere il rischio idrogeologico, oltre che proseguire nella distruzione del paesaggio.



In questi giorni, l'Assessore regionale all'urbanistica, impegnato a promuovere il nuovo PPR ci ha raccontato invece di grandi opportunit e di sviluppo senza compromettere il patrimonio naturale della Sardegna, di un'inesistente condivisione del processo di revisione del PPR da parte delle associazioni ambientaliste, spacciando per reale partecipazione la presenza di nostri rappresentanti ad alcuni incontri organizzati dalla Direzione della Pianificazione Urbanistica nei quali venivano fornite informazioni parziali e inesatte.



Il 10 ottobre 2013, nel corso di una di queste pseudo riunioni, alla precisa richiesta da parte di Italia Nostra di poter prendere visione delle nuove Norme tecniche di attuazione stato risposto che non esistevano ancora, salvo approvarle solo 15 giorni dopo! Pensavamo fosse chiaro che un processo partecipativo imponga un percorso di discussione che metta in comunicazione attori e istituzioni al fine di ottenere la rappresentazione delle posizioni, degli interessi e dei bisogni di tutte le parti coinvolte, per giungere ad una soluzione mediata e il pi possibile condivisa. Esattamente il contrario di quanto avvenuto fino ad oggi su questa vicenda.



Nel rispetto del vigente quadro normativo e della Convenzione di Aarhus abbiamo chiesto a pi riprese, fin dal 2010, di essere coinvolti in un serio percorso partecipativo, senza aver mai ricevuto risposta, salvo qualche atto - come l'approvazione delle linee guida da parte del Consiglio - conseguente alle nostre numerose segnalazioni sull'illegittimit del procedimento. Pensavamo che con la firma del disciplinare tecnico dello scorso marzo l'assessorato avesse scelto di rapportarsi correttamente con il MiBACT e con le associazioni portatrici di interessi diffusi, applicando finalmente l'art. 144 del Codice dei Beni culturali e del Paesaggio, ma tutto si interrotto bruscamente il 25 ottobre u.s. Un'ulteriore conferma della grande confusione che ha caratterizzato l'intera procedura di revisione del PPR la troviamo nella risposta dell'Assessore, il quale scambia la Valutazione di Impatto Ambientale (che si applica alle opere civili e industriali e dopo l'elaborazione del progetto) con la Valutazione Ambientale Strategica (che interessa i Piani e i programmi e avviene contestualmente all'elaborazione del piano/programma).



Vogliamo ricordare ancora che la nostra richiesta del verbale dell'incontro del 10 ottobre stata presentata nel corso stesso della riunione, ricevendo garanzie in tal senso dal Direttore Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale. Registriamo che a 5 settimane dall'incontro non abbiamo ricevuto alcun verbale nonostante il sollecito della settimana scorsa, inoltrato dopo oltre un mese. A tutto ci ha ormai abituati questa politica, tanto che non ci scandalizza pi niente, neppure l'essere tacciati di dire falsit da un assessore all'urbanistica inquisito per "falso in atti pubblici". Un falso, guarda caso, finalizzato all'esclusione del legittimo rappresentante delle associazioni ambientaliste dalla commissione paesaggistica.



Italia Nostra, ufficio stampa | Maria Grazia Vernuccio cell. 335.1282864 | mariagrazia.vernuccio@gmail.com



news

17-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news