LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mirandola 4 maggio - com'era, dov'era
2014-04-16

MIRANDOLA 4 MAGGIO COM'ERA, DOV'ERA
Un invito nell'Emilia Romagna Terremotata. A due anni dal terremoto che ha scosso l'Emilia, Italia Nostra Consiglio Regionale Emilia Romagna, un network di associazioni in prima linea nella salvaguardia del patrimonio e Tomaso Montanari riaprono il dibattito.

Mirandola 4 Maggio. Com'era, dov'era nasce in seguito agli spunti emersi nel corso di L'Aquila 5 Maggio, ideata da Tomaso Montanari, che ha portato una rete di 20 associazioni e istituzioni impegnate nella promozione e nella salvaguardia del patrimonio culturale a collaborare, pi di 1.000 storici dell'arte, i giornalisti delle maggiori testate nazionali ed internazionali e l'ex Ministro per i Beni e le Attivit Culturali Massimo Bray a visitare e confrontarsi con il tema del terremoto e della ricostruzione non solo fisica, ma anche civile e morale de L'Aquila e del Paese, mettendo nuovamente al centro il ruolo della storia dell'arte. Con queste premesse Italia Nostra Consiglio Regionale Emilia Romagna, invita il 4 maggio 2014 il mondo della cultura e tutti gli interessati, insieme a La Nostra Mirandola, ANISA, Associazione Bianchi Bandinelli, Comitato della Bellezza, Eddyburg, Italia Nostra LAquila, patrimonio sos e grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola a Mirandola, per conoscere la realt del sisma in Emilia Romagna, in un percorso che sceglie il paese come piazza, ma si estende a tutti i comuni coinvolti in questa tragica emergenza. Interverranno, nel corso della giornata, che comincer alle ore 11 con una passeggiata silenziosa nei luoghi del terremoto e proseguir dalle ore 15 con una serie di testimonianze, Marina Foschi, Carla Di Francesco, Pierluigi Cervellati, Vezio De Lucia, Giovanni Losavio, Elio Garzillo, Paolo Foraboschi, Andrea Emiliani, Salvatore Settis, Tomaso Montanari. E stato invitato il Ministro Dario Franceschini. Sar, inoltre presente Massimo Bray. L'obiettivo sensibilizzare l'opinione pubblica ai temi della ricostruzione e della tutela del patrimonio culturale come punto nevralgico dell'identit del territorio. Salvare il patrimonio significa infatti anche preservare noi stessi e la nostra memoria.

L'appello di Tomaso Montanari
Cari amici,

a quasi un anno dal nostro indimenticabile 5 maggio all'Aquila, tempo di tornare a conoscere con i nostri occhi un'altra parte di quello che Raffaello chiamava il cadavere di questa nobil patria.

Ed per questo che vi invito a riunirci tutti nel cuore dell'Emilia terremotata: a Mirandola, domenica 4 maggio 2014. Come all'Aquila, anche a Mirandola prima vedremo con i nostri occhi, poi ci riuniremo per parlare ed ascoltare.

L'idea parte da moltissimi cittadini emiliani e da Italia Nostra, che hanno l'urgente bisogno di sentire la solidariet, ma soprattutto la vicinanza intellettuale e morale della comunit scientifica della storia dell'arte e dell'urbanistica.

Naturalmente, la situazione dell'Emilia non paragonabile a quella dell'Aquila: se non altro non lo per l'estensione e la gravit delle distruzioni. E non lo perch in Emilia non si commesso il criminale errore di costruire le cosiddette new town, che sarebbe meglio chiamare not town.

Ci non vuol dire che non ci siano pericoli. Il pi grave quello che incombe sui centri storici e sulla loro integrit. Negli ultimi mesi si fatta strada, in Emilia, l'idea di ricostruire gli edifici storici dov'erano, ma non com'erano. In convegni, saloni del restauro e altri appuntamenti pubblici sono stati presentati numerosi progetti di 'ricostruzione' che se approvati stravolgerebbero il tessuto monumentale urbano dell'Emilia, sconfessando una civilt secolare. Architetti, teorici del restauro, amministratori pubblici hanno in questi mesi alimentato una retorica del terremoto come occasione di 'lavoro' e di 'rinnovamento': una retorica che se tradotta in azione rischia seriamente di non far conoscere agli italiani di domani l'Emilia Romagna che abbiamo conosciuto noi.

Noi pensiamo che la campagna di demolizioni messa in atto all'indomani del sisma sia stata un errore grave. E chiediamo di riflettere attentamente prima di compiere altri errori irreversibili.

Per questo il 4 maggio invitiamo i poteri pubblici emiliani a confrontarsi con gli studiosi e i cittadini. Siamo grati agli organi della tutela per l'infaticabile lavoro che sta mettendo in sicurezza il patrimonio storico e artistico emiliano: un lavoro che ha conosciuto punte di eccellenza, come il Centro di raccolta di Sassuolo. Ma siamo anche perplessi di fronte a quelle che sono sembrate delle singolari aperture alla teoria del dov'era ma non com'era.

Su questo occorre essere molto chiari. Siamo oggi di fronte ad una pesante campagna di delegittimazione del ruolo delle soprintendenze: una campagna che vede attivissimi il presidente del Consiglio e quello che fu un grande giornale progressista. Ebbene, noi vogliamo dire con forza che stiamo dalla parte delle soprintendenze: e cio dalla parte della Costituzione italiana. Dalla parte della tutela: cio del futuro. Dalla parte dei diritti della persona: non dalla parte del cemento.
Proprio per questo abbiamo invitato a parlare la direttrice regionale e il ministro per i Beni Culturali.

Proprio per questo chiediamo alle soprintendenze emiliane e alla Direzione regionale di dire una parola chiara e definitiva contro il dov'era ma non com'era.

Immaginate cosa sarebbe successo se, all'indomani della Seconda Guerra Mondiale, fosse passata la linea della modernizzazione dei monumenti gravemente danneggiati: oggi non avremmo per non fare che due esempi prossimi alla terra di cui parliamo n l'Archiginnasio di Bologna, n il Tempio Malatestiano di Rimini. E al loro posto 'contempleremmo' due architetture degli anni cinquanta del Novecento.

Ebbene, di fronte a tutto questo gli storici dell'arte italiani non possono restare in un silenzio che rischia di trasformarsi velocemente in complicit.

per questo che vi invito tutti, il prossimo 4 maggio a Mirandola: per Mirandola, per un'Emilia, com'era e dov'era.

Grazie, e a presto

Tomaso Montanari


PROGRAMMA

Ore 11: visita in corteo ai cantieri dei monumenti
Ore 13 punto ristoro
Ore 15 ritrovo e interventi

Interventi previsti (oltre ai saluti istituzionali e al saluto dell'Aquila)

Marina Foschi, Carla Di Francesco, Pierluigi Cervellati, Vezio De Lucia, Giovanni Losavio, Elio Garzillo, Paolo Foraboschi, Andrea Emiliani, Salvatore Settis, Tomaso Montanari.

E stato invitato il Ministro Dario Franceschini. Sar presente Massimo Bray.

La seconda parte del programma si svolger in Piazza Costituente


Mirandola 4 Maggio Com'era, dov'era promosso da

Italia Nostra Consiglio Regionale Emilia Romagna
La Nostra Mirandola
ANISA, Bianchi Bandinelli, Comitato della Bellezza, Eddyburg, Italia Nostra Emilia Romagna, Italia Nostra LAquila, Patrimonio Sos

Con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola

info:

cell. 3396165636
modena@italianostra.org
mirandola4maggio@gmail.com

http://mirandola4maggio.wordpress.com

press:
+39 3928928522
mirandola4maggio@gmail.com



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news