LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Appello al Ministro Franceschini sulla riforma del MIBACT
2014-07-10
Comit International dHistoire de lArt - Italia

Gentile Signor Ministro
Gentile Presidente del Consiglio Superiore per i Beni Culturali



Il CIHA italiano, sezione del CIHA internazionale (Comit International dHistoire de lArt), raduna al suo interno storici dellarte provenienti da diversi ambiti ed attivi nellUniversit, nel Ministero BACT, nei musei degli enti territoriali e in altri contesti professionali. Il Comitato promuove attivit di ricerca in connessione con la cultura artistica internazionale e segue, quindi, con grande interesse e vicinanza i percorsi che coinvolgono la disciplina della storia dellarte nellambito della societ italiana e delle sue istituzioni.
La preannunciata riforma del MIBACT, venendo incontro a esigenze di snellimento e di maggior efficienza fortemente sentite anche al suo interno - in primo luogo dagli stessi tecnici che ne fanno parte ai vari livelli - dovrebbe, a nostro avviso, salvaguardare il ruolo che la disciplina ha avuto nella cultura e nella tradizione italiana, ruolo che le internazionalmente riconosciuto.
Nata in Italia, la storia dellarte ha avuto poi nel nostro paese non solo un fertile sviluppo accademico ma anche, con pari importanza e con modalit uniche nel contesto internazionale della tutela del patrimonio culturale, una riconosciuta capacit tecnica e operativa nella gestione del patrimonio artistico, in ci favorita dai dettami lungimiranti della Costituzione.
Per questo il CIHA auspica che nella futura rinnovata articolazione del MIBACT il ruolo della disciplina debba essere rafforzato, come imprescindibile garanzia di una corretta tutela del patrimonio italiano, fondata su conoscenze e studi che non possono in alcun modo essere surrogati. La collaborazione tra i diversi ambiti disciplinari che si occupano a pari grado dei beni culturali nei vari settori sempre stata una caratteristica del nostro sistema della tutela, che ha radici ben anteriori allistituzione del Ministero.
Allo stesso modo la presenza della disciplina dovr essere salvaguardata nellintero percorso formativo, dalla scuola primaria e secondaria alluniversit, non solo per la grande tradizione nazionale di tali studi ma anche perch la storia dellarte strumento di conoscenza tanto pi necessario quanto pi aumenta il peso della cultura visiva nella nostra quotidianit. Se infatti la storia strumento imprescindibile per leggere il mondo contemporaneo, la storia dellarte partecipa in tutto e per tutto di questa rilevanza.
Proprio dallintreccio delle due specificit, didattica e di tutela, nasce leccellenza italiana con risultati in buona parte unici anche rispetto ad altri paesi europei. La ricerca museale, il restauro e la valorizzazione dei beni storico-artistici, la formazione dei professionisti e degli operatori che se ne occupano hanno sempre avuto nella storia dellarte il loro alveo principale, trovando in essa piena possibilit di espressione metodologica e tecnica.
Dalla disciplina nelle sue varie declinazioni ed applicazioni deriva inoltre una produzione culturale, editoriale, espositiva, molto ampia e mediamente di alto livello, che distingue ancora una volta il nostro paese. Quasi inutile rammentare che la valorizzazione corretta del patrimonio produce anche vantaggi molto consistenti per lintera economia nazionale. Tale attivit di produzione culturale non pu, tuttavia, che fondarsi su ricerche e conoscenze approfondite e specialistiche che sappiano armonizzare la tutela con la valorizzazione corretta dei beni, non pu essere delegata o trasferita ad altri ambiti professionali.

Il recentissimo e importante provvedimento a firma del Ministro Madia, che finalmente riconosce anche la storia dellarte tra le professioni culturali, e la recente proposta del Ministro Giannini di reintroduzione, seppur sempre in modo troppo marginale, della storia dellarte nei programmi scolastici, segnalano un meritorio e rinnovato interesse per la nostra disciplina. Resta cogente, tuttavia, lesigenza di proiettare nel futuro delle nuove generazioni una tradizione culturale plurisecolare, dalla quale lItalia non pu prescindere se vuole rafforzare la sua collocazione specifica nel contesto internazionale e globalizzato, trovando ampie risonanze anche nello sviluppo di un turismo di qualit.
Tale interesse per la storia dellarte deve trovare conferma, spazio e sviluppo anche nella tutela e nella gestione del patrimonio culturale, in stretta connessione con la formazione offerta dalla scuola, dallUniversit e dagli Istituti di formazione specialistica del Ministero.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news