LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La posizione di ICOM Italia sulla selezione pubblica dei direttori dei musei statali ad autonomia speciale
2015-09-09
ICOM Italia

Lindividuazione dei venti direttori dei grandi musei italiani stata, per il mondo della cultura e del patrimonio culturale, la notizia dellestate. Ha suscitato una vivace discussione in cui, esattamente comera avvenuto lanno scorso, pi o meno nello stesso periodo, per la riforma dei musei statali promossa dal Ministro Franceschini, hanno prevalso le critiche, i dubbi, gli interrogativi.
E, come lanno scorso, sembra opportuno andare oltre la cronaca per inquadrare i fatti in una prospettiva di medio-lungo periodo, cercando di giudicarli partendo in primo luogo dalla considerazione che il processo avviato segna comunque, pur con tutte le sue innegabili criticit, nessuna esclusa, lavvio di una nuova epoca nella gestione dei musei statali e, in prospettiva di tutti i musei italiani.
Una svolta che, nei suoi principi e nelle sue linee di fondo, corrisponde a uno scenario che la comunit museale aveva auspicato da decenni si realizzasse. Che essa non si attui nel migliore dei modi certamente vero, ma non possiamo non tenere conto del contesto, politico e istituzionale, in cui si colloca.
Nel valutare le nomine con sguardo critico, ma il pi possibile oggettivo, bene allora partire dagli elementi di maggiore novit e rilevanza per esaminare in seguito i punti di debolezza e le criticit. Alcuni degli aspetti che suscitano i maggiori dubbi e timori, pur censurabili, non sembrano facilmente superabili, altri costituiscono invece un fronte di impegno che abbiamo gi segnalato e su cui possiamo e dobbiamo agire.

1. Per la prima volta, da oltre un secolo, i musei italiani tornano ad avere un loro direttore
A un anno dalla riforma dei musei statali, sono stati individuati i primi venti e nellautunno seguir quella degli altri quattrocento direttori: scelti con procedure diverse, destinati ad avere un potere e unautonomia differenti, sono per tutti accomunati da un unico profilo, destinato a fare da riferimento per tutti i musei italiani.
Si realizza cos un ulteriore, concreto passo in vista del superamento dellanomalia dei musei (statali) italiani, costituita, com noto, tanto dalla loro inesistenza in quanto istituto quanto dallassenza di un direttore alla loro testa, come avviene invece in tutto il resto del mondo.
Dopo aver aspramente criticato questa situazione da decenni, dobbiamo innanzitutto rallegrarci di questa novit, non nascondendo che ci piacerebbe che la strada dei concorsi pubblici fosse estesa a tutti musei statali con tutte le riserve di posto del caso.

2. I direttori sono stati e saranno scelti ad locum
Anche questo non accadeva da oltre un secolo, quando tra il 1908 e il 1909 si svolsero le prove per lultima tornata di concorsi ad locum, allora limitati alla direzione di Brera, delle
Gallerie dellAccademia di Venezia, dellEstense di Modena, della Galleria Nazionale dArte Antica di Roma.
Le persone selezionate da questo concorso, come quelle individuate dai Direttori dei Poli regionali, dirigeranno il museo per cui si sono candidati, chiamati a svolgere una funzione specifica e non ad assumere la generica posizione gerarchica di direttore.
Anche questo pu sembrare normale, ma non possiamo dimenticare che cos non stato per un tempo lunghissimo e che questo fatto costituisce una significativa svolta nella gestione dei musei dello Stato.

3. La figura e il ruolo del direttore di museo corrispondono a un profilo ben definito
Il profilo del direttore, comune a tutti i direttori di museo statale, un profilo ben definito dal Decreto ministeriale di organizzazione dei musei statali del dicembre scorso che il bando di selezione pubblica ha ripreso e ulteriormente articolato.
Questo profilo ricalca quello contenuto dalla Carta nazionale delle professioni museali approvata nel 2006 e dal Manuale europeo delle professioni museali del 2007: corrisponde cio a uno standard nazionale ed europeo che ICOM Italia ha contribuito in modo determinante a definire e che vediamo finalmente accolto.
un passo molto positivo, il primo ci auguriamo vivamente in direzione della definizione e ridefinizione dellinsieme dei profili professionali dei musei statali, a partire da quelli dei responsabili delle quattro aree individuate come struttura di base del museo statale (gestione e cura delle collezioni, servizi al pubblico, amministrazione, logistica e sicurezza) sino agli operatori dei servizi di custodia, vigilanza, accoglienza e sicurezza.
evidente lurgenza di provvedere a questo compito, mantenendo gli stessi riferimenti utilizzati dal Ministero per il direttore, ma anche tenendo conto delle recenti formulazioni degli altri profili che lAssemblea di ICOM Italia del giugno scorso ha approvato.

4. Le designazioni sono avvenute tutte insieme
certamente una cura da cavallo (o da elefante), come stato affermato, impensabile altrove. Ma va anche ricordata la fondamentale differenza fra la situazione italiana e quella degli altri Paesi, dove i direttori dei musei statali esistono da sempre e il loro avvicendamento avviene fisiologicamente in modo dilazionato nel tempo.
Sappiamo anche che lattesa per lesito di questo concorso costituiva uno degli elementi di blocco nel funzionamento del Ministero nel suo complesso, stremato da anni di riorganizzazione interna, di spostamenti continui di ruolo e funzione. Entro la fine dellanno, almeno da questo punto di vista, la complessa macchina del Ministero dovrebbe trovarsi in condizioni operative migliori di quelle che cerano al suo inizio.
Per questo crediamo che la selezione contestuale dei venti direttori sia stata una giusta scelta, auspicando anche che, in questo modo, essi possano cos confrontarsi insieme sui problemi comuni che avranno da affrontare, elaborando soluzioni il pi possibile omogenee e di riferimento anche per gli altri musei.

5. Partire dal vertice o dalla base della struttura?
Qualcuno ha considerato negativo che si sia scelto di partire dallalto (i direttori) e dai grandi musei (i venti dotati di autonomia speciale) anzich dalla base (quale?) e da tutti i musei. Ma come avviare un processo cos complesso senza partire dai suoi vertici e senza affrontare i problemi pi difficili, rappresentati proprio dai musei maggiori?
Sulla evidente difficolt dei neodirettori di procedere senza poter contare su una struttura idonea e adeguata alle necessit torneremo pi avanti. Come siamo consapevoli e lo abbiamo denunciato da tempo, non in ultimo attraverso un documento sottoscritto anche
da AIB e ANAI rivolto al Ministro nel febbraio 2015 che sia urgente rafforzare i ranghi del Ministero con lassunzione di nuovo personale da destinare innanzitutto alla tutela.

6. Tra i vincitori della selezione vi sono cittadini di altri Paesi.
Il bando non prevedeva che tra i requisiti per partecipare alla selezione pubblica fosse necessario avere la cittadinanza italiana. Con unenfasi mediatica forse eccessiva, lapertura delle porte dei musei italiani a candidati che fossero nati, vissuti o avessero lavorato allestero era stata anzi proclamata come un elemento distintivo del bando.
Quanto avviene per questi musei accade da tempo in molti altri settori e anche nel mondo della cultura molte frontiere sono cadute da molti decenni.
Il problema semmai un altro: non sar affatto facile a chi non ha esperienza e conoscenza dellItalia, operare in un contesto, normativo e amministrativo, complicato come il nostro. Possiamo e vogliamo invece sperare che da un serio confronto con altre realt e modi di gestire i musei pubblici, possano emergere idee e proposte per renderlo pi semplice.

7. Un processo di selezione lento e poco trasparente?
Certo non privo di zone dombre. Consideriamo per laspetto pi positivo di questo processo di selezione pubblica che consiste proprio nel fatto stesso che esso sia stato adottato. Per ora per venti musei, in futuro, ci auguriamo, per tutti gli altri, aprendo la direzione dei musei non solo statali al merito anzich allanzianit di carriera e alla logica chiusa delle amministrazioni.
Non quanto prevedeva lAtto di indirizzo sugli standard museali del 2001? Quanto indicato dalla Carta nazionale delle professioni del 2006, dal Manuale europeo del 2007? Quanto gi avviene anche in Italia per i musei pubblici e privati?
Che anche il Ministero abbia deciso di adottare un metodo di selezione aperto e non riservato solo ai propri dipendenti stato un bene e anche il fatto che il bando riservasse al Ministro la prerogativa di partecipare alla scelta finale appare, al contrario di quanto alcuni affermano, del tutto legittima: non si tratta infatti di unintromissione, ma di unassunzione di responsabilit da parte dellorgano di governo del tutto normale nella scelta di un direttore di museo.
unassunzione di responsabilit peraltro bilanciata dal parere tecnico di una Commissione sulla cui composizione nessuno si sentito di fare obiezioni, non fosse per quei quindici minuti primi dedicati al colloquio con i candidati: un tempo decisamente inferiore a ogni standard di selezione, pubblica e privata. Sarebbe stato anche opportuno dare immediata pubblicit alle motivazioni che hanno portato prima alla selezione delle terne, poi allindividuazione del candidato prescelto, rendendo esplicito e trasparente il modo con cui sono stati applicati i criteri previsti dal bando.
Per un Paese come il nostro, trattandosi anche della prima volta che stata fatta una selezione pubblica cos aperta per la direzione dei grandi musei, possiamo accontentarci? Senza entusiasmo, come per altre nomine, e soprattutto suggerendo che in futuro la procedura sia migliorata, nei modi e nelle forme della sua obiettivit e trasparenza e non limitata ad alcune strutture.

8. Scelte insindacabili?
Le scelte fatte, buone o cattive che siano, sono certamente sindacabili (come tutte le scelte di questo tipo, comunque discrezionali. Le scelte sono state fatte dalla Commissione e dal Ministro ed con loro e non certo con i candidati che semmai ce la si pu prendere, come stato fatto in modo ingeneroso e personalistico.
Va piuttosto raccolto lappello di chi propone di dare credito ai neodirettori, attendendo a formulare un giudizio almeno sino a quando saranno resi pubblici come auspichiamo e come prevede il Codice etico per i musei dellICOM i programmi di mandato che essi dovranno elaborare. E in seguito, anche prima della fine del quadriennio, confrontandoli con i risultati raggiunti.
Allora si potr iniziare a formulare un giudizio, sommando quello sul curriculum a quello sul programma e alla capacit dei neodirettori di realizzarlo.

9. Uno schiaffo alle odiate soprintendenze?
Uno solo dei venti direttori selezionati proviene dai ranghi del Ministero. un fatto innegabile.
Spiace certamente molto che apprezzati e apprezzabili colleghi del Ministero siano stati esclusi. Ma, anzich lanciarci in ipotesi non sostenute da fatti o in lamentazioni che finiscono per assumere un carattere corporativo e autolesionistico, ci sembra che si debba piuttosto richiedere un pronunciamento del Ministro e della Commissione: aiuterebbero a sgomberare il campo da dubbi e sospetti su un processo di cui sono responsabili, facendo anche chiarezza sul problema dei nuovi organigrammi nei musei in rapporto alla riorganizzazione delle soprintendenze. Aiutando la riforma a procedere, i neodirettori a iniziare il loro lavoro con maggiore serenit e tutto il personale a sostenere lo sviluppo delle istituzioni museali.

10.Competenze scientifiche e gestionali
Dai commenti emerge anche un altro, doppio equivoco: che lessere un ottimo studioso consenta di essere il miglior direttore di un museo e che le competenze necessarie a dirigere un museo siano quelle strettamente legate alla disciplina di riferimento per lo studio delle collezioni.
Tanto pi una persona preparata nella materia di riferimento delle collezioni del museo che dirige, tanto meglio , ovviamente. Ma si dovrebbe anche dare credito al fatto che la formazione ricevuta gli consenta di spaziare anche al di l del suo campo di studi specifico. Carlo Azeglio Ciampi era laureato in filosofia, ma questo non gli ha impedito di essere stato un buon bancario e un ottimo Governatore della Banca dItalia. E, per restare nel nostro piccolo mondo, Vittorio Viale, che stato uno dei migliori direttori di museo del Novecento, era un archeologo di formazione, posto alla testa di un museo civico le cui collezioni spaziavano dallarcheologia allarte antica sino a quella contemporanea.
Possiamo pensare che questo possa accadere anche nel Duemila in una situazione ben pi evoluta, nel confronto fra i saperi e i saper fare, tra competenze scientifiche e professionali, di quella degli anni Trenta-Sessanta del Novecento?

11. I veri problemi sono davanti a loro (e noi)
I venti neodirettori sono di fronte a una difficilissima, non invidiabile sfida: saranno privi delle risorse economiche sufficienti a conservare, gestire e, se possibile, far avanzare istituti che hanno subito tagli su tagli come i loro ex responsabili ben sanno; mancheranno anche dei mezzi strumentali necessari, per lo pi obsoleti, dai sistemi di condizionamento e allarme alle dotazioni informatiche; dovranno confrontarsi con unautonomia operativa tutta da inventare, a fronte di un confuso modello di governance dei musei ad autonomia speciale, con una struttura tutta da creare, con profili professionali da mettere a punto ecc..
Senza parlare del non facile compito, come sa chiunque si sia trovato in condizioni analoghe, di operare un distacco dal corpo storico in cui si collocavano i musei, quello delle soprintendenze, un contesto a un tempo amministrativo, economico e gestionale, e in un quadro organizzativo a livello regionale in via di definizione e non privo di tensioni tra direzioni dei Poli museali, Segretariati regionali, Soprintendenze.
Intanto i neodirettori saranno chiamati a elaborare gli statuti dei loro musei, a ridefinirne la missione, a redigere un programma di mandato e a farlo approvare dagli organi di governo. Tutto questo senza distogliere lattenzione dalla gestione quotidiana dei musei e dalla programmazione attuazione delle attivit. Non poco, ci sembra.
Per questo crediamo che essi abbiano bisogno di solidariet e di fiducia e soprattutto del sostegno da parte del superiore Ministero e del Ministro in primissimo luogo. A lui e ai suoi pi diretti collaboratori spetta il dovere di offrire loro linsieme delle condizioni minime necessarie a operare, rispetto alle risorse economiche e umane, in primo luogo. Perch da come si realizzer questa prima attuazione della riforma dipende il futuro di un Sistema Museale Nazionale che ha bisogno di un nuovo modo di essere e di fare da parte del Ministero innanzitutto.
Consapevoli che per la prima volta la questione musei va affrontata a partire delle professionalit che vi lavorano e che il nuovo sistema nasce anche da uniniezione di giovani e professionali risorse

12 I nostri compiti
Alla comunit museale nel suo insieme dobbiamo chiedere impegno e collaborazione a questo cambiamento. Imperfetto, come tutte le cose umane, tanto pi se si realizza in un Paese che pervicacemente ci disillude.
Ma, per la piccola parte che ci riguarda, con modeste speranze sul breve periodo, ma anche grandi aspettative sul futuro a lungo e medio termine. Perch il metro per misurare il cambiamento non quello degli anni, ma dei decenni. La svolta, per quanto gestita come si pu, con molta determinazione, ma anche con azzardo, c stata. Dobbiamo saperla accompagnare, contribuendo in tutti i modi e a tutti i livelli perch si realizzi nel migliore e non nel peggiore o mediocre modo possibile.
Siamo portatori, forse non i molti, ma in numero certamente sufficiente, di una nuova cultura di gestione dei musei e del patrimonio culturale. ICOM Italia aspira a esserne il portavoce, insieme a tutte le altre Associazioni museali e del patrimonio culturale, partecipando attivamente (e anche molto criticamente, se necessario) a livello nazionale, regionale e locale a una sfida che oggi coinvolge venti nostri colleghi, presto altri quattrocento, ma che alla fine dovr coinvolgere tutti noi. E allora, senza abbandonare le armi della critica, diamoci da fare.
Evitiamo soprattutto che si ripeta quanto scriveva nel 1925 Adolfo Venturi, rivolgendosi privatamente a Mary Pittaluga, sua allieva e direttrice di Brera: la carriera nei musei e nelle gallerie non pi una carriera. Quegli scolari miei che entrarono nelle gallerie, delle quali sono oggi direttori, hanno tenuto alto lonore delle nostre armi: ma oggi essi stessi si trovano a mal partito, a leticare col Provveditorato per aver qualche foglio stampato, la spesa per i caloriferi, per lacqua ecc..

Milano, 9 settembre 2015



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news