LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

“Direzioni di musei e aree archeologiche: una nuova sconfitta per gli archeologi italiani”
2015-11-03
Confederazione Italiana Archeologi



La Confederazione Italiana Archeologi manifesta le proprie perplessità riguardo le nomine dei direttori dei musei emanate dalla Direzione Generale del MiBACT. A fronte di circa 90 tra musei e aree archeologiche da assegnare in tutto il territorio nazionale, solo 36 sono stati i funzionari archeologi nominati direttori.

Risulta difficile individuare il criterio metodologico di assegnazione degli incarichi, in un contesto generale che vede numerosi musei e siti archeologici affidati a direttori architetti o storici dell’arte, da Villa Adriana al Museo di Ravenna, da Sarsina al Museo di Nola.
“Siamo contenti – dichiara il presidente Alessandro Pintucci – che il ministro Franceschini abbia ascoltato la richiesta, arrivata da più parti, sulla nomina di un archeologo alla direzione del Museo Pigorini, peccato però che il criterio della formazione specialistica non sia stato ritenuto indispensabile per altre realtà. Ci chiediamo quali indirizzi scientifici e obiettivi gestionali saranno elaborati da uno storico dell’arte chiamato a dirigere un museo archeologico o da un architetto nominato in una villa romana.”
“Allo stesso modo – prosegue Pintucci - stupisce che in alcune regioni a singoli archeologi siano stati affidati
due o più istituti, anche territorialmente molto distanti, con il caso ecaltante della Basilicata con ben 6 siti assegnati ad un solo funzionario. Come si può garantire l’azione costante di conservazione, tutela, ricerca, diffusione della conoscenza e valorizzazione del nostro patrimonio archeologico con una tale distribuzione degli incarichi?”

“Sappiamo bene che i funzionari archeologi – continua Pintucci – hanno scelto in prevalenza di continuare a lavorare sulla tutela del territorio nelle Soprintendenze e che quindi il numero di archeologi disponibili a dirigere siti e musei sarà stato inferiore a quello di storici dell’arte o architetti. Ma il problema resta di metodo: il Ministero avrebbe mai affidato la Pinacoteca di Bologna, il Vittoriano o Castel del Monte ad un
archeologo? Siamo convinti che non succederà mai e uno dei motivi è che la nostra, fuori come dentro il Ministero, continua ad essere una categoria molto debole, che non riesce ad incidere con un’azione culturale e politica unitaria ed efficace.”

La Confederazione Italiana Archeologi confida che il MiBACT, così come per i grandi musei, pubblichi la rosa dei nomi tra cui sono stati selezionati i nuovi direttori, in modo da fare chiarezza sui criteri che hanno dettato le scelte operate come sulla decisione di emanare bandi per musei attribuiti poi ai direttori stessi dei Poli Museali.

Valentina Di Stefano

Confederazione Italiana Archeologi

ufficiostampa@archeologi-italiani.it



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news