LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lettera aperta al Ministro Franceschini in merito al Bando per 60 funzionari a tempo determinato
2016-01-09
Confederazione Italiana Archeologi·
Venerdì 8 gennaio 2016




Al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
On. Dario Franceschini
Al Sottosegretario
On. Borletti Buitoni
Al Segretario Generale
Arch. Pasqua Recchia
Al Direttore Generale per l’Organizzazione
Al Direttore Generale Educazione e Ricerca
On. Ministro Franceschini,
le scriviamo in merito al recente bando per l’assunzione a tempo determinato per 9 mesi di 60 Funzionari di Area III F1 archeologi, archivisti e bibliotecari presso il MiBACT.
La Confederazione Italiana Archeologi è convinta che il bando sia un’ulteriore dimostrazione dell’impegno concreto e costante che il Governo sta attuando nei confronti del Dicastero da Lei diretto, ma dobbiamo farLe presente alcune incongruenze e potenziali cause di ricorsi contenute nel testo, che le riportiamo di seguito:

Articolo 1 comma a: presenta un vizio di forma citando il Decreto Legge 31 maggio 2015 n. 83, datato invece al 31 maggio 2014. Nell’articolo del Decreto citato si fa riferimento a “giovani di età non superiore ai 29 anni” per il bando di un tirocinio e non c’è alcun riferimento al limite dei 40 anni. Il limite di età nei concorsi pubblici, inoltre, è stato vietato dall’Unione Europea con la Direttiva 2000/78/CE del 27 novembre 2000 e successivamente ribadita dalla Corte di Giustizia UE , sez. II, sentenza 13.11.2014 n° C-416/13.



Art. 1 c. e: come requisito di ammissione vengono indicati il Diploma di Specializzazione, o il Dottorato o un Master di II livello. Non è ammissibile che, come requisito di ammissione, un master di II livello, magari annuale, venga equiparato ai 2 o 3 anni della Scuola di Specializzazione o ai 3 anni di Dottorato di ricerca. L’ammissione alle Scuole di Specializzazione o ai Dottorati prevede una selezione molto dura e poi un percorso di formazione sia teorico che pratico. I master prevedono, tendenzialmente, una prova selettiva molto più blanda, avendo come criterio principale i costi di iscrizione, e hanno come obiettivo un percorso formativo molto settoriale.


Richiedere un titolo genericamente “nell’ambito delle discipline dei beni culturali” e non il Diploma di Specializzazione in Archeologia comporta la mortificazione della formazione specialistica che gli archeologi acquisiscono in un lungo percorso formativo. Questo determinerebbe, ad esempio, la possibilità che uno Specializzato in Storia dell’arte o in Archivistica possa partecipare al concorso da Funzionario Archeologo e viceversa;

Art.1 c. f: nel bando non si specifica in quale modo debba essere certificata l’esperienza professionale e quali siano i soggetti, pubblici e privati, abilitati a farlo. Inoltre, non sono chiari i criteri con cui verrà valutata l’esperienza professionale, che sembra considerata solo in merito alla durata temporale degli incarichi svolti. Per svolgere il ruolo di Funzionario Archeologo, non si può valutare allo stesso modo chi, per un anno, ha diretto uno scavo archeologico, chi vi ha collaborato o chi ha svolto percorsi didattici;



Art. 4: risulta evidente dal bando, come criterio per l’individuazione del valore dei titoli di studio, l’equivalenza 1 anno post lauream = 5 punti. Questa semplificazione determina alcuni errori di valutazione, tra cui la penalizzazione del valore del Diploma di Specializzazione di 3 anni (vecchio ordinamento) che viene valutato solo 10 punti come il Diploma di Specializzazione di 2 anni. Inoltre, nel bando non viene rispettata l’equiparazione tra Diploma di Specializzazione e Dottorato di Ricerca, ormai da tempo assodata, assegnando a essi punteggi differenti.


Nell’accogliere come elemento positivo la valutazione del curriculum dei candidati, si fa richiesta che, nel rispetto della L.241/90 in materia di Trasparenza nella Pubblica Amministrazione, vengano esplicitati i criteri con cui la Commissione valuterà i percorsi formativi e le esperienze professionali di ciascun candidato. Sappiamo bene quanto possa essere difficile valutare e quantificare le tantissime attività in cui si esplica la professione di archeologo, dagli scavi alla didattica nei musei, dai magazzini di Soprintendenza alla valorizzazione del territorio. Non crediamo, dunque, che possa essere applicato un criterio esclusivamente quantitativo, in termini temporali, e non qualitativo, in relazione all’attività svolta e al grado di responsabilità affidato.
La Confederazione Italiana Archeologi chiede che, prima dell’inizio delle selezioni, il bando venga modificato e che vengano corrette le criticità segnalate, al fine di evitare che lo svolgimento del concorso venga ritardato o bloccato dalle centinaia di ricorsi già informalmente annunciati.
Mossi da un convinto spirito di collaborazione con le Istituzioni, siamo a dichiararLe la nostra disponibilità ad un incontro in cui esplicitare le nostre segnalazioni, al fine di chiarire, qualora fosse necessario, l’iter formativo degli archeologi e le molteplici tipologie di attività in cui la nostra professione si esplica.
L’occasione è gradita per porgerLe distinti saluti.
Roma, 8 gennaio 2016

https://www.facebook.com/notes/confederazione-italiana-archeologi/lettera-aperta-al-ministro-franceschini-in-merito-al-bando-per-60-funzionari-a-t/822035991239083?fref=nf


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news