LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

In risposta agli articoli de La Repubblica Cronaca di Roma dell'8 e 9 gennaio
2016-01-10
Coopculture

I titoli eclatanti (“Colosseo business monumentale....Lo Stato perde milioni”) e gli articoli contenenti accuse tanto gravi quanto sommarie sul nostro operato, presenti i giorni 8 e 9 gennaio sul quotidiano La Repubblica in merito ai servizi aggiuntivi per la Soprintendenza speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l'Area Archeologica di Roma, ci costringono ad una rettifica, ricorrendo a quei canali di comunicazione che abitualmente usiamo solo per informare e avvicinare il pubblico alle visite e alle attività culturali. Ma è d'obbligo oggi, a tutela della nostra reputazione e della qualità del nostro lavoro, dare una spiegazione ai nostri soci lavoratori, ai nostri tanti partner e a tutti gli stakeholder, rassicurando che, ove necessario, saremo anche pronti a ricorrere alle dovute tutele legali.



Rileviamo innanzitutto un errore nel tema centrale. Non esiste infatti una concessione del solo Colosseo, ma un'unica inscindibile concessione dei servizi per ben nove sedi della Soprintendenza, i cui introiti sono pressoché unicamente quelli del Colosseo mentre i servizi assicurati e i relativi costi, a carico della RTI concessionaria, Coopculture ed Electa, si estendono a tutto il territorio. Di queste informazioni e dei relativi dati, seppure fondamentali alla comprensione degli oneri del concessionario e dei benefici per l’Amministrazione, non si tiene affatto conto.



La prima delle questioni poste riguarda poi la presunta illegittimità della durata della concessione, dal 2007 ad oggi, in assenza di atti formali di rinnovo e di proroga.

Se il primo contratto aveva già una durata consentita di otto anni, il rinnovo relativo al quadriennio 2005 -2009 fu un atto altrettanto legittimo in quanto la Legge Melandri (490/1999, cosiddetto testo Unico) aveva esteso a due i possibili rinnovi delle concessioni ex lege Ronchey, per complessivi totali 12 anni. Ugualmente il regime di proroga attuale, che decorre dal 2009, è legittimato dalla legge n.194 del 30 Novembre 2009 e dai successivi decreti e circolari ministeriali. Nulla di diverso quindi da molte altre importanti concessioni nazionali per le quali, nelle more del completamento delle nuove gare avviate nel 2010, fu disposta la continuità dei servizi in essere. Queste stesse gare, alcune anche già in corso, furono poi annullate nel corso del 2011 e 2012 a causa dei numerosi rilievi delle Autorità di controllo e dei numerosi ricorsi di alcuni privati (non Coopculture e Electa), fino all’ultimo recente annullamento della gara di Pompei per volontà del Ministero, proprio in attesa del nuovo percorso di gare affidato a Consip e annunciato per la prossima primavera.



La seconda questione posta riguarderebbe il mancato rispetto dei termini della concessione da parte del Raggruppamento composto dalle imprese Electa, mandataria, e Coopculture, sottraendo introiti dei servizi all'Amministrazione. Una simile infondata accusa dovemmo già smentirla relativamente agli introiti di biglietteria: in un articolo dello scorso anno, sempre nel medesimo giornale, risultava erroneamente gonfiata dal 14% al 70% la quota degli incassi dei biglietti che l’RTI tratterrebbe a fronte di questo servizio svolto per il Colosseo e per tutti gli altri siti. L’accusa fu facilmente smentita, viste anche le cifre, ma non è bastato.



Oggi invece al centro dell'attenzione sono le Royalties per la Soprintendenza sugli introiti dei servizi aggiuntivi stabilite dalla concessione originaria nella quota del 30,2%, quota, di gran lunga superiore a quelle in essere sul territorio nazionale e puntualmente versata sul servizio, oggetto della concessione originaria, di vendita di editoria e oggettistica, nonché per le visite speciali successivamente richieste dalla stessa Soprintendenza. L'insieme delle Attività collaterali offerte in gara dal Raggruppamento, alcune a pagamento, come visite guidate e guide acustiche, ma molte altre gratuite, come i guardaroba e i servizi informativi, furono stabilite e regolate in un apposito e distinto articolo dell’atto, e pertanto esenti da Royalties proprio in virtù della loro articolata natura. E queste condizioni sono rimaste immodificate negli atti successivi.

http://www.coopculture.it/events.cfm?id=414


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news