LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIOCCO VIOLA SULLA TUTELA
2016-01-20
FP CGIL - FP CGIL Mibact

Roma, 20 gennaio 2016

Alle Strutture territoriali FP CGIL con preghiera di inoltro
alle delegate e ai delegati FP CGIL Mibact

Care compagne e cari compagni,
purtroppo siamo stati facili profeti, nel nostro comunicato del 21 dicembre scorso, a prevedere un ulteriore scossone al MIBACT causati dalla famosa normetta buttata nel calderone della legge di stabilità 2016. Siamo in presenza di un vero e proprio blitz normativo che modifica radicalmente il precedente assetto appena riformato e propone una nuova riorganizzazione di tutto il ciclo delle tutela. L'operazione, formalmente giustificata dal doversi uniformare alla legge Madia, nella parte che disciplina il silenzio assenso e la nuova conferenza dei servizi, in realtà comporta due ordini di valutazioni: la prima è che questo adattamento alla legge Madia non è altro che una resa anticipata e senza condizioni ai successivi passaggi previsti, in primis la famosa riorganizzazione dell'apparato periferico dello Stato con a capo gli Uffici Territoriali dello Stato guidati dai prefetti tanto cari al nostro Presidente del Consiglio. Non ci può venire a dire che il silenzio assenso e la nuova conferenza dei servizi, che dovrà uniformare i criteri di presenza del rappresentante unico dello Stato, designato di volta in volta dal prefetto competente per territorio possa essere la sola causa di un tale sommovimento organizzativo. C'erano altri strumenti per identificare una procedura uniforme nel rilascio dei pareri, anche la famosa conferenza dei soprintendenti, ad esempio. Quindi un problema che poteva essere benissimo risolto per via organizzativa senza mettere mano di nuovo ad una struttura appena riformata ed ancora del tutto in mezzo al guado della confusione organizzativa. Inoltre, considerato l'impatto deleterio della norma sul silenzio assenso, ci chiediamo quale potrà essere l'autorevolezza di una amministrazione nella valutazione di un prefetto incardinato in un territorio dove certamente l'operato del Ministero, soprattutto in materia di vincoli paesaggistici, cozza quasi sempre con interessi localistici. La bozza proposta, non solo accorpa le Soprintendenze, ma ne modifica i compiti e ne aggiunge di nuovi ai Poli Museali. In particolare, in modo del tutto inopinato e inconferente, toglie alle Commissioni Regionali il compito di concedere i beni culturali pubblici, e lo attribuisce (per la quasi totalità dei beni) ai direttori dei Poli Museali. A chi saranno concessi i beni? Tutto ciò mentre nei CDA entrano ‘esperti del patrimonio culturale’ (come chiederebbe la norma) quali ex amministratori delegati di aziende, su tutto il territorio nazionale.
In sostanza si coglie la palla al balzo per infilare questa norma al volo. Senza passaggi parlamentari. Senza pareri del Consiglio di Stato. Tutto per gestire il nostro patrimonio da parte di soggetti di nomina politica e non per concorso.
La seconda valutazione è sull'impianto delle riforma: siamo ad un cambiamento radicale nelle politiche di tutela, un cambiamento che evidenzia in tutto e per tutto l'indebolimento ormai insopportabile delle sue funzioni e competenze. L'idea delle Soprintendenze miste ci pare in questo contesto, ove i Soprintendenti sono già, insieme ad Archivi e Biblioteche, l'anello debole del modello organizzativo tarato sui Musei e sulla valorizzazione separata nella gestione dalla tutela, una operazione esiziale. Quindi si rischia semplicemente di creare strutture acefale, senza un ragionamento consolidato sull'impianto organizzativo. L'operazione del resto scopre le sue vere finalità nella sottrazione di 10 dirigenze alla tutela ed il loro riversamento sui nuovi siti autonomi. Una operazione dal nostro punto di vista censurabile anche sotto il profilo applicativo della normetta in stabilità. Non ci pare di cogliere in quelle quattro righe scritte in croce una delega ad istituire nuovi uffici che non siano quelli derivanti da accorpamenti. Invece il nodo cruciale diventa proprio l'istituzione di questi nuovi 10 siti dotati di autonomia e alcune operazioni gridano vendetta proprio per le implicazioni che
propongono. Ci chiediamo ad esempio quale finalità abbia l'istituzione dell'autonomia sul Parco archeologico dell'Appia Antica o sull'area Flegrea. Strutture del tutto prive di ogni dimensione organizzativa e spesso senza alcuna possibilità di introiti. Sull'area dell'Appia antica sappiamo tutti quali sono gli appetiti e conosciamo la strenua battaglia che i funzionari della Soprintendenza hanno fatto e stanno facendo contro la speculazione edilizia e anche la proposta della società Autostrade di farne una fondazione. Con questa operazione i funzionari addetti alla tutela vengono tagliati fuori e si mette in piedi il grazioso meccanismo della selezione internazionale dove tra i requisiti certamente non entra la conoscenza delle norme e delle leggi che regolano il diritto amministrativo italiano ma le cosiddette capacità manageriali di cui stiamo verificando purtroppo in molti casi il segno.
Pertanto siamo di fronte ad una vera e propria sottrazione di importantissime aree archeologiche alla tutela, altro che il rafforzamento dei presidi sul territorio, come il trionfale comunicato ministeriale stile Istituto Luce vuol far credere. Il tutto tra i peana del Consiglio Superiore, sempre più orpello nelle mani del Ministro, e degli illustri archeologi che ne fanno parte. E non basta più al Ministro rifugiarsi sotto il comodo ombrello della spending review per giustificare le sue scelte al risparmio. Il ministero è stato falcidiato dalla spending review e avrebbe potuto invece richiedere l'implementazione dell'organico dirigenziale, dimostrando dati alla mano che non esiste in nessuna altra amministrazione pubblica un numero così esiguo in rapporto alla dimensione organizzativa. Invece si procede con blitz normativi e la completa assenza di un dibattito politico parlamentare sulle scelte adottate e non si ha il coraggio di chiedere revisioni ad una politica sbagliata, fatta di tagli orizzontali che con la vera spending review c'entra ben poco.
Una operazione analoga la si fa accorpando le Soprintendenze archivistiche con quelle neo istituite bibliografiche: in questo caso abbiamo una decisione conseguente alla norma che assegna allo Stato competenze in materia di tutela del patrimonio archivistico e bibliografico prima esercitate da province e regioni. Una norma di cui non si era valutato minimamente l'impatto organizzativo e adesso si tenta di metterci una pezza con questa invenzione organizzativa, anch'essa artificiale nei risvolti organizzativi e nella duplice dipendenza dalle rispettive direzioni generali. Una operazione che, alle attuali condizioni dell'organico previste dal DM 7 agosto, rischia di non produrre altri effetti se non quello di sovraccaricare oltremisura il poco personale assegnato a questi settori.
Infine c'è una revisione ed una integrazione di siti e aree in diversi Poli Museali sui quali ci riserviamo, anche alla luce delle osservazioni che ci perverranno, ulteriori approfondimenti- Restano da comprendere e verificare tutte le conseguenze sul personale, che sta già vivendo una fase di profonda incertezza. Ci chiediamo al riguardo che senso possa avere emanare adesso un bando di mobilità volontaria quando non sono ancora chiari i riferimenti agli organici a seguito di questa nuova riforma. Dal nostro punto di vista l'Amministrazione avrebbe dovuto ampliare i tempi previsti per le modifiche agli organici e invece si parte senza che ai lavoratori vengano assicurate le necessarie certezze sulle destinazioni. Insomma fiocco viola per la tutela del nostro patrimonio culturale, ormai giunta ad uno dei punti più bassi della sua gloriosa storia.
Noi abbiamo avuto formale richiesta di produrre nostre osservazioni su questo nuovo impianto di riforma e graziosamente ci è stato concesso il termine di domani per produrle. Noi pensiamo di inviare questo comunicato e non ci eserciteremo in stilismi inutili e che sicuramente non produrranno alcuna modifica sostanziale alle scelte adottate. Ci eserciteremo invece in una azione di contrasto capillare ad un progetto di riforma che riteniamo profondamente sbagliato e non ci lasceremo rinchiudere in un recinto corporativo che non rappresenta certo la nostra idea di sindacato generale.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news