LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TRECASTAGNI: LE MISERE SPOGLIE DEL MONUMENTALE PALAZZO DEI PRINCIPI DI GIOVANNI DEL '600 ABBANDONATO DI FATTO AL DEGRADO
2016-03-19
Free Green Sicilia

Ecco l’intero testo dell’accorato appello, rimasto lettera morta, che Free Green Sicilia – SOS Beni Culturali - ha inviato nel 2014 sullo stato di avanzato degrado ed evidente abbandono in cui versava e versa tutt’ora il monumento seicentesco, dichiarato bene culturale, Palazzo dei Principi di Giovanni di Trecastagni (si allega foto della facciata principale) alle istituzioni regionali e nazionali competenti , di cui non si sono visti gli effetti ma è possibile vedere le conseguenze del suo inesorabile declino anche in quanto alla mercè di incendi, delle intemperie e del vandalismo a ciò è seguita nel 2015 la segnalazione della messa in vendita su un sito commerciale web di alcune pertinenze di tale monumento ridotte a ruderi di cui le istituzione ne sconoscevano la presenza dando anche l’impressione di non sapere se tali immobili facessero parte dell’intero complesso monumentale comunale:

“ …E’ o non è …un monumento? O meglio: da monumento seicentesco a relitto del terzo millennio?
Ci riferiamo all’antico Palazzo di Trecastagni - esempio straordinario di architettura costruito nel 1641- residenza ordinaria del Principe Domenico I° Di Giovanni, che da decenni versa in uno stato visibile di totale abbandono e depauperamento, così come quello che doveva essere il suo bel giardino oggi un deserto di sterpaglia e rifiuti.
Ci riferiamo all’antico Palazzo di Trecastagni - esempio straordinario di architettura costruito nel 1641- residenza ordinaria del Principe Domenico I° Di Giovanni, che da decenni versa in uno stato visibile di totale abbandono e depauperamento, così come quello che doveva essere il suo bel giardino oggi un deserto di sterpaglia e rifiuti.
L’edifico in questione è uno dei monumenti più belli e più importanti del Comune di Trecastagni, acquistato dallo stesso alla fine del ‘900 è stato di fatto lasciato degradare e spogliato di gran parte del decoro architettonico interno ed esterno, anche in quanto più che facilmente accessibile a causa di una incerta recinzione e di una totale mancanza di sorveglianza.
Per più di una volta durante i mesi estivi le sterpaglie secche non eliminate dal Comune sono state date alle fiamme dai vandali di turno bruciando gli ultimi alberi esistenti nel parco e danneggiando la struttura fino ad inoltrarsi all’interno tramite i balconi e le finestre in quanto da sempre sprovvisti di infissi, anche provvisori, come lo stesso portone principale, anche questi scomparsi nel nulla. Lo stesso edificio pare sia rimasto per anni quasi del tutto sprovvisto di tetto, rifatto solo da pochi anni e di cui si conoscono le somme finanziate e quelle spese nel tempo. Tutto ciò fa facilmente pensare ai danni in parte irreversibili che ha dovuto subire tale magnifica struttura con buona pace di tutti gli amministratori.
Ci chiediamo: ma la Sovrintendenza, di cui si nutre ancora fiducia, cosa ha fatto in questi anni per imporre al Comune, proprietario da decenni del bene, la salvaguardia e la conservazione di tale monumento visto e considerato quanto esposto sopra?
Ed inoltre cosa intende fare per i danni subiti dal monumento a causa dell’inerzia istituzionale? Non osiamo parlare di sensibilità degli stessi per il bene, dei vari Sindaci che si sono susseguiti dall’acquisto ad oggi, ma anche prima di ciò in quanto anch’essi responsabili della sua conservazione.
Dobbiamo dire, per senso di giustizia, che la stessa cosa varrebbe per tutti i Sovrintendenti e responsabili per la Sovrintendenza dei luoghi, anch’essi a nostro avviso responsabili, per quello che sono le competenze normative, dello stato di avanzato degrado in cui versa il palazzo storico.”

A tale appello non è seguita alcuna risposta formale ma, cosa più grave, neanche alcun impegno tangibile da parte di quelle istituzioni a salvaguardia del bene culturale a partire dal proprietario del Palazzo cioè il Comune di Trecastagni, che per legge ne è il diretto responsabile, che non si è permesso neppure di chiudere anche provvisoriamente gli ingressi, i balconi e le finestre dell’edificio per evitare ulteriori danni all’interno forse richiesto dalla Sovrintendenza.

Alfio Lisi
Portavoce Free Green Sicilia SOS beni culturali



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news