LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SiciliAntica contro la realizzazione dei mega e piccoli inceneritori in Sicilia
2016-02-08
SiciliAntica – Presidenza Regionale

Comunicato Stampa

SiciliAntica, Associazione che si occupa di tutela e valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali della Sicilia, è contraria alla realizzazione di due mega-inceneritori, a cui potrebbero affiancarsi altri quattro di minori dimensioni, dopo il parere positivo dato dalla Conferenza delle Regioni al decreto del Presidente del Consiglio. Una grave minaccia per la salute che contribuisce a creare un ambiente sempre più inquinato.
Poiché la parola “inceneritore” desta allarme, si ricorre al più rassicurante termine “termovalorizzatore”, con il quale si edulcora la costruzione di un impianto altamente inquinante con il recupero di energia elettrica e termica dai rifiuti stessi. Benché i termovalorizzatori producano anche energia, le sue caratteristiche peculiari rimangono quelle di un inceneritore: la combustione, con conseguente rilascio in atmosfera di inquinanti, metalli pesanti e polveri sottilissime dannosi alla salute, e la produzione di ceneri di scarto, rappresentano in peso il 30% del rifiuto in ingresso bruciato. Al termine del processo di incenerimento, i rifiuti in entrata vengono eliminati solo per il 70% del loro volume, creando un ulteriore problema, quello delle ceneri velenose che vanno smaltite in speciali discariche e con costi esorbitanti.
Il rendimento della cosiddetta valorizzazione del rifiuto, la quantità energetica ricavabile dal processo di combustione dei rifiuti, è di molto inferiore al rendimento di qualsiasi centrale elettrica tradizionale, e l'intero processo di incenerimento (dalla raccolta allo smaltimento delle ceneri di scarto) consuma molta più energia di quanta ne occorrerebbe valorizzando il rifiuto con la raccolta differenziata, il riciclo ed il riuso.
La soluzione individuata per il problema rifiuti è frutto di una strategia cieca: i nuovi pressanti livelli di raccolta differenziata imposti dall’Europa sono in aperta antitesi con la costruzione degli inceneritori, che per la messa a regime necessitano di sempre più ingenti quantitativi di combustibile/rifiuto.
Il modello sin qui impostato non è più adeguato, in quanto basato sul presupposto che le risorse siano abbondanti, disponibili, accessibili ed eliminabili a basso costo. Ma le risorse naturali non sono infinite ed è necessario utilizzarle in modo più intelligente e sostenibile.
Sempre più spesso si parla di economia circolare, in cui i prodotti mantengono il loro valore aggiunto il più a lungo possibile e non ci sono rifiuti. Quando un prodotto raggiunge la fine del ciclo di vita, le risorse restano all'interno del sistema in modo da poter essere riutilizzate più volte a fini produttivi e creare così nuovo valore.
Occorre apportare un radicale cambiamento non solo nell'insieme delle varie filiere, dalla progettazione dei prodotti alle modalità di consumo, non solo sul piano della tecnologia ma soprattutto sull'organizzazione della società e delle stesse politiche.
Presidenza Regionale SiciliAntica



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news