LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CASTELLO DI INVERIGO: LA RINASCITA DEL BORGO
2016-03-22
www.castellodiinverigo.com

Nel cuore della Brianza comasca, un recupero edilizio di eccellenza tra storia,
natura ed eco-sostenibilità


Inverigo (CO), 21 marzo 2016 – Verso la rinascita di un intero borgo italiano tra storia, natura e innovazione. Succede a meno di un’ora da Milano, nella Brianza comasca perché, entro l’anno, il Castello di Inverigo prenderà nuova vita. Tutto merito di un ambizioso progetto, che unisce pubblico e privato, e punta a recuperarne l'architettura storica e a riqualificare l'antico borgo in cui è immerso, attraverso una serie di interventi rispettosi del tessuto preesistente. Ovvero, un antico castrum, nato come fortificazione medievale nel X sec. e poi trasformato in villa di delizia nel ‘700. Uno scenario naturale e paesaggistico di grande suggestione attraversato dal Viale dei Cipressi, a breve distanza dal lago di Como, dal confine con la Svizzera e collegato in maniera ottimale con Milano.

Il Castello di Inverigo si presenta come un complesso residenziale unico per il recupero del patrimonio edilizio esistente all’interno di un territorio di grande valore: un progetto di nuove residenze che coniuga restauro conservativo, soluzioni tecnologiche innovative e di pregio e interventi artistici.
Il borgo storico oggetto d’intervento si compone di un insieme di diversi edifici frutto delle stratificazioni storiche cumulatasi nell’arco dei secoli.
Il nuovo borgo residenziale privato si distingue per la capacità di celare dietro un meticoloso ripristino dell’aspetto originario, sistemi impiantistici indispensabili per le attuali esigenze del vivere contemporaneo. Anche l’impatto ambientale è stato ridotto al minimo con l’impiego di pietre locali e di materiali cromaticamente compatibili con la bellezza del paesaggio.
Tutti gli interventi contenuti nel progetto sono improntati ai principi della bioedilizia, al rispetto delle morfologie esistenti e nella messa in sicurezza delle strutture già in essere.

Di particolare rilevanza è l’accurato restauro di affreschi, stucchi, statue e artigianato d’arte all’interno delle unità abitative, nelle parti comuni e all’esterno degli edifici principali, opere che testimoniano la grandezza della famiglia Crivelli, la cui storia si intreccia con quella del territorio di Inverigo per oltre quattro secoli.
Sono di particolare pregio gli affreschi realizzati tra la fine del ’600 e il ’700 che ricoprono gran parte delle pareti della villa padronale con il loggiato ad arcate del Pollack, la Villa Crivelli (oggi Corte Nobile). Oggetto di restauro anche i soffitti a cassettoni elegantemente dipinti, gli stipiti decorati delle porte, le sculture e le statue del parco, l’antico torchio di legno del 1736 (uno dei più grandi d’Europa), il neoclassico Teatro di Corte (1758) con i suoi macchinari di scena originali dell’epoca nell’ala occidentale del palazzo e l’Oratorio di Santa Maria Annunziata, la cappella privata della Villa. Il piano di riqualificazione coinvolge anche il sontuoso giardino all’italiana del Castello di Inverigo costituito fra il ‘600 e il ‘700, fonte di ispirazione di artisti come Foscolo, Carlo Porta e Stendhal.

Il Castello di Inverigo rappresenta così un unicum nel panorama residenziale dell’intera Lombardia: da un lato, lussuose soluzioni abitative in linea con le ultime tendenze lifestyle; dall’altro, un’imponente opera di restauro, realizzata nel pieno rispetto dell’esistente, che consentirà a turisti e residenti di rivivere undici secoli di storia.
I benefici che tale intervento apporterà all’indotto turistico e terziario della zona sono indubbi e concretamente quantificabili: il nuovo borgo residenziale è il frutto di una proficua sinergia tra pubblico e privato per la collaborazione profusa nell’attuazione del progetto.


LE RESIDENZE

Passato e futuro s’incontrano in un articolato intervento edilizio che prevede la realizzazione – all’interno della Corte Nobile (la villa nobiliare con il loggiato ad arcate del Pollack), della Corte del Torchio e della Corte del Pozzo – di 30 residenze dalle differenti metrature, tutte impreziosite da finiture di pregio e caratterizzate da soluzioni impiantistiche eco-friendly e tecnologicamente all’avanguardia. I futuri acquirenti avranno la possibilità di personalizzare gli appartamenti, potranno scegliere, ad esempio, se avere la pavimentazione in cotto o in parquet o adottare sistemi e prodotti dei più importanti brand del settore arredo e design italiano, quasi a Km0 vista la particolare collocazione del Castello di Inverigo in Brianza.

Comfort, benessere, sicurezza e privacy sono i plus del pacchetto di servizi esclusivi di cui disporranno i futuri proprietari che potranno vivere come i castellani del terzo millennio.
Tutto è pensato per vivere un’esperienza di benessere psico-fisico e vivere in armonia con l’ambiente, scegliendo il proprio ritmo di vita che, per il contesto in cui si trovano gli appartamenti si annuncia dal carattere slow. A disposizione dei condomini del Castello di Inverigo un parco con giardino all’italiana di 12 ettari, l’area fitness attrezzata nel parco e in una zona interna dedicata e la SPA condominiale con area relax, sauna e bagno turco.
Non mancano i servizi che rendono leggero il vivere al Castello di Inverigo in quanto assolvono importanti funzioni pratiche per i proprietari e per i loro ospiti: un locale lavanderia, un esclusivo servizio concierge h24, un sistema di videosorveglianza attivo giorno e notte su tutta la superficie della proprietà; la cantina e il parcheggio interrato a uso dei condomini, un parcheggio all’aperto per gli ospiti; le golf car indispensabile collegamento fra il garage e le abitazioni; l’area per il deposito di biciclette e attrezzature sportive.





Sostenibilità e innovazione, in armonia con il contesto circostante, caratterizzano l’intervento di riqualificazione. Grande attenzione è posta ai più alti canoni di qualità e risparmio energetico, con l’utilizzo di materiali a basso impatto ambientale, di moderni sistemi di condizionamento che prevedono l’impiego di fonti energetiche rinnovabili e di un istema domotico con centralina di controllo a scenari multipli. Le particolari caratteristiche tecniche con cui sono riqualificati gli esterni degli edifici ne migliorano l’isolamento acustico e termico, garantendo unità abitative di prestigio, tecnologicamente avanzate.

Charme e identità unica, ogni appartamento è diverso dall’altro per il taglio, la suddivisione degli spazi, le caratteristiche delle finiture e dei rivestimenti, l’atmosfera e la vista: dal quadrilocale affrescato alla soluzione su più livelli, dall’appartamento nella torre ai bilocali con ampie vetrate, ogni residenza offre un’esperienza di charme in un contesto di lusso e un prestigio senza tempo.

Arte e bellezza accompagnano ogni momento della vita quotidiana: affreschi, stucchi, statue e altre opere di artigianato artistico risalenti al XVI e XVII secolo – presenti sia all’interno che all’esterno degli edifici principali e nel sontuoso giardino all’italiana – sono oggetto di un accurato restauro, continuando così a testimoniare la grandezza della famiglia Crivelli, la cui storia si intreccia con quella del territorio di Inverigo per oltre quattro secoli.

www.castellodiinverigo.com


Per informazioni
Ufficio stampa e relazioni pubbliche per Castello di Inverigo
Patrizia De Santo PR | Milano
Tel.+ 39 339 8763781| email: info@patriziadesantopr.it



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news