LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Salviamo la Cittadella sotterranea di Torino
2016-04-21
Comitato "Pietro Micca"

Gravi distruzioni del patrimonio archeologico a Torino: il discutibile parcheggio sotterraneo di corso Galileo Ferraris sta cancellando quanto resta della nostra Cittadella (Sec. XVI). Si chiede l’abbandono del progetto del parcheggio e la ricostruzione di quanto è stato distrutto.

Torino (Turin), capitale del Piemonte, possiede un’ampia rete sotterranea di gallerie e di fortificazioni, un tempo facenti parte della grande Cittadella, una delle più importanti d’Europa, costruita nel XVI Secolo e demolita in superficie a metà del XIX. Questa città sotterranea è attualmente visitabile solo in minima parte.

La Giunta comunale di Torino ha dichiarato di ritenere prioritaria la costruzione di un parcheggio interrato di quattro piani, per “eliminare le auto dalla superficie”. Il progetto prevede la costruzione del parcheggio proprio al centro dell’area archeologica e il Comune di Torino, pur essendo a conoscenza che gli scavi avrebbero portato alla luce significativi tratti di galleria perfettamente conservati — e poi, come previsto, rinvenuti — ha fatto intraprendere i lavori.

Incredibilmente la Soprintendenza lo scorso anno autorizzò il totale abbattimento di tutte le opere in muratura ritrovate. La demolizione iniziò velocemente e di nascosto, senza che i cittadini ne fossero messi al corrente: un lungo tratto della Galleria Magistrale della Cittadella, in ottimo stato di conservazione, venne distrutto. Torino perse così proditoriamente un pezzo della propria storia.

I cittadini indignati, riunitisi nel Comitato Pietro Micca (www.pietromicca.org), portarono a conoscenza dell’opinione pubblica lo scempio dell’area archeologica della Cittadella di Torino; il Ministero dei Beni Culturali si vide costretto a intervenire e i lavori del cantiere rimasero sospesi, in attesa di una modifica del progetto.

Tale progetto modificato è stato tenuto nascosto alla cittadinanza per poi essere discusso e approvato in Consiglio comunale in tutta fretta il 14 marzo 2016, mettendo ancora una volta i cittadini di fronte al fatto compiuto. Il nuovo progetto disattende le proposte fatte dal Comitato, al quale è sempre stato impedito di visionarlo e discuterlo.

Quale sarà ora il destino dei ritrovamenti della Cittadella di Torino?

- I lavori riprenderanno a giorni e le opere murarie rinvenute subiranno ulteriori demolizioni per consentire il passaggio dei veicoli all’interno del parcheggio.

- Le opere murarie saranno inglobate nel parcheggio, come è già avvenuto in piazza San Carlo e in piazza Emanuele Filiberto.

- I resti archeologici (della Mezzaluna des Invalides) verranno totalmente occultati all’interno di una piccola “stanza” sotterranea di m 30 x 11 e sigillata da lastre in cemento.

- Le auto in superficie rimarranno poiché, per compensare la ditta appaltatrice della perdita di alcuni posti auto, le verrà concessa la gestione di un centinaio di parcheggi a vista, lasciando invariata la situazione iniziale.

- La fortezza sotterranea cinquecentesca del Pastiss, capolavoro unico di ingegneria militare, diverrà accessibile, ma... dal parcheggio, il quale si prefigura come protagonista assoluto dell’ex-area archeologica.

- Non verrà ricostruita la Galleria Magistrale (della quale esistono ancora i mattoni originali) che, attraverso l’imbocco con la Galleria Capitale, avrebbe costituito il percorso naturale di visita al Pastiss.

- L’intera area non avrà alcun interesse turistico.

- A causa delle scelte del Comune l’operazione graverà sulle tasche dei Torinesi per ulteriori € 3.100.000, che il Comune non incasserà a causa delle compensazioni. Si precisa che la ditta appaltatrice beneficia di un finanziamento regionale di circa 4 milioni di Euro e che la medesima, per alcuni decenni, incasserà le somme derivanti dalla gestione del parcheggio.

E, come prevedibile, il nuovo progetto è stato nuovamente e acriticamente approvato dalla Soprintendenza.

Il «Comitato Pietro Micca» ritiene invece che i ritrovamenti della Cittadella di Torino (“gallerie di Pietro Micca”) siano un patrimonio inalienabile della storia della Città e che vadano assolutamente preservati e resi visitabili nella loro interezza e nel loro contesto.

Il Comitato ha elaborato una proposta alternativa al parcheggio: il Parco Archeologico Pietro Micca, centro di un Polo museale che comprenda la fortezza sotterranea cinquecentesca del Pastiss, il Museo Pietro Micca, il Maschio della Cittadella e il Cisternone (pozzo a doppia elica).

Si chiede pertanto

- che il progetto del parcheggio sui resti della Cittadella venga definitivamente abbandonato;

- che il Comune di Torino si faccia parte dirigente nell’opera di ripristino del contesto originale con la ricostruzione di quanto abbattuto,

- che compia in tempi brevi tutti i passi necessari per la realizzazione del Parco Archeologico e del Polo museale Pietro Micca che sarà, finalmente, fruibile e visitabile dai cittadini e dai turisti

- e che si adoperi affinché tutte le opere storiche presenti nel sottosuolo della città vengano vincolate e tutelate per metterle al riparo da ulteriori distruzioni.



Comitato Pietro Micca: www.pietromicca.org — info@pietromicca.org — comitatopietromicca@libero.it - 338 4334539 – 339 2100604

Gruppo facebook Salviamo il patrimonio archeologico della città di Torino. La Cittadella



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news