LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CONCORSO MIBACT NON È A SFAVORE DELLE BIBLIOTECHE
2016-06-01
MIBACT
MIBACT


La scorsa settimana è stato bandito il concorso per assumere 500 funzionari antropologi, archeologi, architetti, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, esperti di promozione e comunicazione, restauratori, storici dell’arte.

Il concorso si inserisce nell’ambito di una serie di misure che hanno accompagnato le riforme attuate dal Governo nel settore della cultura, assicurando anche maggiori risorse: il bilancio del Mibact è tornato sopra i due miliardi di euro, con un incremento del 36 per cento, cui va aggiunto il miliardo stanziato dal Cipe. Per gli archivi e le biblioteche, la legge di stabilità 2015 ha elevato le risorse complessive da 22 a 46 milioni di euro: il bilancio della Biblioteca nazionale di Firenze è passato da appena 1 milione a 3 milioni di euro; il bilancio di quella di Roma da 1,5 a 5 milioni di euro; quello dell’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche da 1,5 a 2,5 milioni di euro; e la lista è ancora lunga.
L'articolo di Francesco Erbani “Biblioteche, i vertici lasciano per protesta”, pubblicato su La Repubblica del 28 maggio 2016, riporta le posizioni di diversi studiosi, alcuni dei quali da me nominati nel Consiglio superiore Beni culturali e nel Comitato tecnico scientifico per le biblioteche. Questi studiosi, in vero, hanno riconosciuto le importanti misure adottate da questo governo, salvo però criticare aspramente la scelta di mettere a bando 25 posti di bibliotecario tra i 500 disponibili. Diviene allora doveroso fare chiarezza.
La distribuzione dei 500 posti tra i 9 profili contemplati dalla legge – tutti egualmente in sofferenza e tutti aventi pari dignità – è stata compiuta secondo l’unico criterio possibile: la equa e proporzionale assegnazione di risorse umane a ciascun profilo. Per ciascun di questi è stato così calcolato proporzionalmente il numero di posti in relazione ai 500 da mettere a bando: 90 archeologi su 136 carenze in pianta organica; 130 architetti su 198 carenze; 95 archivisti su 146 carenze; 40 storici dell’arte su 61 carenze; 30 funzionari della promozione e comunicazione su 50; e così via. I posti a concorso per il profilo bibliotecario sono dunque 25 sul totale nazionale di 41 carenze, il solo parametro rilevante ai fini del bando.
Questo criterio – condiviso anche con le organizzazioni sindacali – era l’unica scelta capace di assicurare un’equa ripartizione tra profili. Allontanarsi da tale criterio avrebbe dato adito a infinite discussioni sul perché favorire un profilo rispetto a un altro, con osservazioni valide da una parte e dall’altra. Basti citare che l’età media più alta – e dunque la maggiore incidenza delle cessazioni – è degli archivisti, non dei bibliotecari. Non solo: i funzionari bibliotecari in servizio sono attualmente i più numerosi nel Ministero, 796, contro 333 archeologi, 495 architetti, 549 archivisti o 351 storici dell’arte o ancora 33 funzionari per la promozione e comunicazione.
Come avremmo dovuto procedere altrimenti? Avremmo dovuto arbitrariamente ignorare le dotazioni organiche e distribuire i posti premiando un profilo a danno di un altro?
Quanto alla ripartizione geografica dei posti, se si resta ai bibliotecari, a fronte delle carenze di alcune Regioni, ve ne sono altre (es. Campania, Calabria o Abruzzo) dove i bibliotecari risultano in forte esubero. Il problema, quindi, andrebbe riferito non tanto alla carenza in sé del personale bibliotecario, quanto all’irragionevole squilibrio territoriale accumulatosi negli ultimi trenta anni. Per queste ragioni, i 25 posti messi a concorso sono stati distribuiti in modo da rafforzare le Regioni più in difficoltà, come appunto il Lazio e la Toscana. Ed è in questo squilibrio, più o meno generalizzato per tutti i profili e frutto di decennali politiche assunzionali poco attente alle reali esigenze dell’amministrazione, che va inquadrato il minore numero di posti messi a bando nelle Regioni meridionali, dove si registrano spesso eccedenze.
Fatico francamente a comprendere, poi, i rilievi circa i requisiti previsti dai bandi, adottati nel rispetto della contrattazione collettiva nazionale. I requisiti sono diretti a selezionare i più capaci e meritevoli, sulla base dei titoli, delle esperienze e delle rigorose prove di esame che saranno svolte. Sono riconosciute la ricerca e lo studio nell’Università e le attività maturate sul campo. Le commissioni d’esame saranno nazionali e composte da professori universitari, esperti, avvocati dello Stato o consiglieri di Stato, ciascuna presieduta da un dirigente dell’Amministrazione. I membri saranno designati non dalla “politica”, ma dal Segretario generale del Mibact, vertice amministrativo. La graduatoria sarà unica nazionale per ciascun profilo e i vincitori, come nei concorsi per magistratura, sceglieranno dove andare. Non sono previste quote o riserve per gli interni. Le prove saranno scritte e orali, precedute da una prova selettiva trasversale per tutti i profili. Un concorso molto serio, che forse proprio per questo ha allarmato molti.

Dario Franceschini

http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Comunicati/visualizza_asset.html_1973139605.html


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news