LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I GONZAGA DIGITALI 3 - Banche dati e prospettive di ricerca per la storia dell’architettura e dell’urbanistica nei carteggi gonzagheschi (1563-1630)
2016-12-01
Politecnico di Milano-polo territoriale di Mantova e Palazzo Te

COMUNICATO STAMPA


1 - 2 dicembre 2016
Mantova, Politecnico di Milano-polo territoriale di Mantova e Palazzo Te



Giovedì 1 e venerdì 2 dicembre 2016 nell’Aula Magna del Politecnico di Milano-polo territoriale di Mantova e nelle Fruttiere di Palazzo Te avrà luogo il convegno I Gonzaga Digitali 3 dedicato al rapporto tra la famiglia Gonzaga e gli architetti e urbanisti che operavano a Mantova tra la metà del Cinquecento e il Sacco del 1630.
La terza edizione delle giornate di studi sulle banche dati Gonzaga, aperta al pubblico, è ideata dal Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te e dal Politecnico di Milano-polo territoriale di Mantova e da questi promossa insieme al Comune di Mantova, al Dipartimento di Scienze storiche e filologiche dell’Università Cattolica (sede di Brescia), all’Archivio di Stato di Mantova e all’Associazione Amici di Palazzo Te e dei musei mantovani, con il patrocinio del Museo di Palazzo Ducale di Mantova.

Curato da Daniela Sogliani e Carlo Togliani, il convegno - realizzato con il sostegno di Fondazione Cariverona e Fondazione Comunità Mantovana Onlus e in sinergia con Mantova Capitale Italiana della Cultura - presenterà gli esiti di un percorso di ricerca condotto all’interno dell’Archivio Gonzaga e nelle banche dati esistenti per indagare le principali figure di architetti, ingegneri e urbanisti che hanno lavorato per i duchi Guglielmo, Vincenzo I e Ferdinando Gonzaga.
Il progetto più importante di questo periodo è certamente Palazzo Ducale dove - nell’ambito del cantiere della basilica palatina di Santa Barbara e dei riassetti guglielmini di Corte Vecchia e Corte Nuova in Castello - operarono, fra gli altri, Giovan Battista Bertani, Battista Paolo Covo, Cesare e Pompeo Pedemonte, Bernardino Facciotto e Giovanni Angelo Bertazzolo. Lavori sui quali ebbero sicura influenza i contatti artistici con Roma, facendo sempre più di Palazzo Ducale un aggiornato riferimento architettonico per le corti dell’Europa Centrale, specialmente per quelle d’ambito asburgico.
Il riassetto di Palazzo Ducale è dunque una delle tematiche principali che saranno affrontate, tra altre, da studiosi ed esperti provenienti da diverse istituzioni accademiche italiane nel corso delle due giornate di approfondimenti.














I relatori – Paolo Carpeggiani e Carlo Togliani, Politecnico di Milano-polo territoriale di Mantova; Renato Berzaghi, Accademia Nazionale Virgiliana; Daniela Sogliani, responsabile del progetto di ricerca “Banche dati Gonzaga”; Elena Svalduz, Università di Padova; Guglielmo Villa, Università “La Sapienza” di Roma; e i ricercatori del progetto Alessandra Alvisi, Simona Bellesini e Cecilia Baraldi – affronteranno i contenuti dei database gonzagheschi da varie prospettive, mettendone in rilievo le novità e le possibilità di sviluppo future.

La ricerca è stata svolta grazie ai numerosi documenti conservati nel portale “Banche dati Gonzaga”, work in progress che prevede l’implementazione costante di trascrizioni di lettere dell’Archivio Gonzaga.
Questo innovativo strumento di lavoro permette di attingere liberamente a dati e a informazioni che non sono limitati alla sola provincia mantovana, ma definiscono le relazioni nazionali e internazionali della corte Gonzaga. La difficoltà della comprensione dei testi originali, conservati nell’Archivio di Stato di Mantova, è pertanto superata dalle trascrizioni fornite nel portale che permettono un’accessibilità più ampia e sicuramente aprono nuove prospettive interpretative a livello internazionale, necessarie per far crescere la progettazione consapevole delle trasformazioni fisiche del nostro fragile territorio (http://banchedatigonzaga.centropalazzote.it/portale).

Nell’ambito del convegno, venerdì 2 dicembre alle ore 11 a Palazzo Te, sarà inoltre presentato Gli archivi digitali dei Gonzaga e la cultura letteraria in età moderna, primo volume della collana di studi “I Gonzaga digitali” (Skira), diretta da Andrea Canova e Daniela Sogliani, che raccoglie gli interventi della precedente giornata di studi dedicata alle “Banche dati Gonzaga” e alla cultura letteraria in età moderna.
Interverranno il Presidente del Centro di Palazzo Te Stefano Baia Curioni e gli autori.

A conclusione dei lavori, per i partecipanti al convegno, nel pomeriggio di venerdì 2 dicembre, a partire dalle ore 14, è prevista una visita a Palazzo Ducale e alla basilica di Santa Barbara. La partecipazione è gratuita fino ad esaurimento posti prenotandosi entro il 27 novembre all’indirizzo mail: mantova@polimi.it.

Informazioni: www.centropalazzote.it

Ufficio stampa
Delos – Servizi per la Cultura di Annalisa Fattori e Paola Nobile
T +39 02 8052151 | delos@delosrp.it

Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te, Federica Leoni
T +39 0376 369198 | ufficiostampa@centropalazzote.it

http://www.centropalazzote.it/gonzaga-digitali-3/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news