LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Progressioni economiche MiBACT
2016-11-06
A.P.I. - MiBACT Cord. Nazionale

Al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del
Turismo
Onorevole Dario Franceschini
ministro.segreteria@beniculturali.it

Al Segretario Generale del Ministero dei Beni e delle
Attività Culturali e del Turismo
Arch. Antonia Pasqua Recchia
mbac-sg@mailcert.beniculturali.it

Al Direttore Generale Organizzazione
Dott.ssa Marina Giuseppone
mbac-dg-or@mailcert.beniculturali.it

Salutato con favore e soddisfazione da parte delle sigle sindacali, è finalmente uscito, con circolare n.
187/2016 della Direzione Generale Organizzazione, il bando per gli sviluppi economici.
Se l'accordo con le sigle sindacali porterà un po' di ossigeno per i dipendenti del MiBACT, i cui salari sono
stati falcidiati dal diminuito potere d'acquisto e dalla aberrante, perdurante assenza del rinnovo dei
contratti, del tutto irricevibili risultano i criteri sui quali verranno basate le graduatorie per accedere alla
progressione.
Manca infatti anche per i ruoli tecnici, al contrario di quanto verificatosi in occasione del precedente bando,
un qualsiasi riconoscimento di titoli di merito acquisiti per produzioni scientifiche (articoli, monografie,
partecipazioni a convegni, organizzazione di mostre); non vengono inoltre tenuti in nessun conto gli
incarichi di progettista, di RUP, di direzione lavori, di direzione scientifica di cantieri di scavo e restauro, di
partecipazione a commissioni o, ancora, di direzione di musei, pinacoteche e aree archeologiche, così come
le partecipazioni a progetti di ricerca.
Ma la vera e propria beffa sta nei punteggi previsti per i titoli ammessi: in sostanza, un dottorato di ricerca
o una scuola di specializzazione, entrambi comportanti percorsi di studio di durata triennale, peraltro
fondamentali per l'ingresso nel Ministero, danno diritto allo stesso punteggio di corsi di formazione
bisettimanali e risultano addirittura inferiori rispetto a corsi di formazione mensili organizzati dal MiBACT (3
punti per tre anni, contro i 4 per un mesetto).
E' evidente come la scelta dei criteri risulti gravemente penalizzante per quanti intendono il lavoro del
funzionario prima di tutto come un'attività di tutela "attiva", legata inscindibilmente da una parte alle
responsabilità operative, dall'altra all'alta formazione, alla ricerca e alla produzione di sintesi da condividere
con la comunità scientifica.
Al contrario un abnorme valore viene dato a tutti quei corsi che, pur utili per approfondire specifici aspetti
del nostro lavoro, sono basati su un modello di apprendimento passivo e risultano carenti in termini di una
efficace verifica dell'effettivo recepimento dei contenuti, a scapito delle competenze scientifiche.
In considerazione di tutto ciò, non possiamo che esprimere forte contrarietà nei confronti dei criteri
utilizzati per il bando, rilevando come in tempi di sbandierata meritocrazia le scelte operate a livello
centrale rischiano di penalizzare proprio quanti, nei ruoli tecnico-scientifici del Ministero, hanno ricoperto e
ricoprono incarichi comportanti maggior responsabilità.

SEGUONO FIRME



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news