LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GRANDE VITTORIA DELLA UILPA BACT: IL TAR ANNULLA TUTTI I DECRETI FRANCESCHINI PER IL PARCO DEL COLOSSEO
2017-06-08
UILPA - MIBACT
http://www.uilbac.it/wordpress/grande-vittoria-della-uilpa-bact-tar-annulla-tutti-decreti-franceschini-parco-del-colosseo/

Comunicato sindacale dell08/06/2017

stata pubblicata ieri sera la sentenza del TAR Lazio-Roma n. 6719 del 15.6.2017 sul ricorso della UILPA BACT contro i decreti di smembramento della Soprintendenza speciale e istituzione del Parco archeologico del Colosseo, di nomina del dirigente ad interim del nuovo Parco e di bandizione della selezione pubblica per la nomina del direttore titolare dello stesso. intervenuto nel processo ad adiuvandum il Codacons.

I motivi di illegittimit presentati dalla UILPA BACT sono stati tutti accolti nella sentenza, la quale ha contestualmente annullato i provvedimenti adottati. Ma questo ancora poco; la sentenza ha sostanzialmente e incidentalmente detto molto di pi, ha di fatto tartassato il Ministero su ogni punto delle sue costruzioni e difese rilevando una serie errori di interpretazione delle norme rilevanti tutte deponenti in senso contrario a quello voluto dal Ministero e di elaborazione dei testi normativi (tecnica redazionale del testo dei decreti ministeriali non sempre piana e coerente), nonch di violazione di numerose leggi, norme costituzionali e norme e sentenze europee.

Nella vittoria generale per noi molto rilevante come vittoria speciale sul piano giuridico-sindacale che il TAR abbia preliminarmente affermato la nostra piena legittimazione come O. S. (contestata dal Ministero) ad agire in giudizio quale istituzione esponenziale di una categoria di lavoratori e degli interessi collettivi della stessa categoria in materia di organizzazione degli uffici, espressamente prevista come materia di interesse delle associazioni sindacali rappresentative dallart. 6 del d.lgs. 165 del 2001, particolarmente nei casi in cui progetti di riorganizzazione degli uffici comportino lavvio di processi di mobilit, al fine di assicurare obiettivit e trasparenza, linformazione e lavvio dellesame sulle modalit per i processi di mobilit, per cui attribuita allassociazione sindacale indubbiamente una peculiare e qualificata posizione legittimante, tale da consentirne limpugnazione degli atti incidenti sullorganizzazione amministrativa degli uffici.

Quindi ci stato confermato che in quanto O. S. possediamo un potente strumento di tutela dei diritti dei lavoratori, della legittimit e buon andamento dellorganizzazione degli uffici in cui essi operano. Se non ne fossimo stati convinti non avremmo avviato questo ricorso.

Il TAR ha dichiarato che il decreto istitutivo del Parco del Colosseo stato adottato in violazione dei presupposti della stessa legge derivante da un emendamento alla finanziaria 2016 evidentemente suggerito dal Ministero stesso (comma 432 dellart. 1 della l. n. 232/2016), del comma 327 dellart. 1 della l. n. 108/2015, nonch della disciplina generale in materia di organizzazione degli uffici dirigenziali generali (l. 400/1988 e d. lgs. 300/1999). In altri termini, il Ministro non era autorizzato (dalla stessa legge da lui voluta a tal fine) a creare un nuovo organo di livello dirigenziale generale come il Parco del Colosseo e, soprattutto, a una modifica radicale delle competenze e dellambito territoriale della precedente Soprintendenza speciale per il Colosseo da cui il nuovo Parco stato scorporato, con grave danno per lorganicit della tutela sul territorio romano. Questo la dice lunga sul modo in cui stata predisposta

Il TAR ha anche sferzato la pretesa motivazione del provvedimento di istituzione del Parco per cui questa avrebbe perseguito agli standard internazionali in materia di musei e luoghi della cultura (che peraltro non esistono come norme ufficiali cogenti per lItalia, tanto vero che mai i testi normativi in questione, n il Ministro nelle sue dichiarazioni, hanno precisato gli estremi esatti del presunto organismo pubblico internazionale che li avrebbe emanati e la loro data), dichiarando che

Il perseguimento degli standard internazionalisi ottiene evidentemente migliorando gli aspetti sostanziali e contenutistici dellofferta museale italiana, rapportandola e adeguandola agli analoghi servizi offerti dai migliori istituti di altri Paesi (in termini, ad esempio, di ampia fruibilit anche nei giorni festivi o nelle ore serali, di efficienza e rapidit di accesso da parte dei visitatori, di miglioramento del rapporto costi/ricavi, di adeguamento delle strutture e delle risorse umane, ecc.), e non con iniziative formali e di immagine (cos anche la sentenza 6171/17 sui direttori dei musei).

Ma c di pi: anche indipendentemente dallillegittimit del decreto istitutivo del Parco del Colosseo (che fa decadere tutti i provvedimenti ad esso subordinati), nemmeno il bando di selezione pubblica per la nomina del direttore titolare del Parco secondo le stesse modalit dei precedenti 30 musei e parchi autonomi era autorizzato dalla predetta legge, in quanto afferma il TAR anche se listituzione del Parco fosse stata legittima, la nomina del direttore avrebbe comunque dovuto essere effettuata secondo lordinaria procedura dellart. 19, commi 4 e 6, del D. Lgs. n. 165/2001, in quanto il Ministro (o chi per lui) si dimenticato di aggiungere il nuovo Parco agli istituti autonomi per i quali il suo Regolamento DPCM n. 171/2014 prevedeva la selezione pubblica speciale.

Inoltre: il bando della selezione ora in corso per la nomina del direttore del Parco del Colosseo stato annullato accogliendo tutti gli argomenti proposti dalla UILPA BACT nellesposto alla Corte dei conti del gennaio scorso e richiamati nel ricorso anche perch le norme costituzionali (art. 51) e legislative (art. 38 D. Lgs. 165/01) italiane ed europee (art. 45, punto 4 del Trattato del 1957) prevedono che per laccesso a posti dirigenziali implicanti esercizio di pubblici poteri autoritativi (e la tutela del territorio del Parco lo per definizione) previsto il possesso della cittadinanza italiana. Interessante che fra i pubblici poteri il TAR considera quello di autorizzare il prestito dei beni culturali delle collezioni di propria competenza per mostre od esposizioni sul territorio nazionale o allestero per cui un direttore straniero di un di museo italiano potrebbe incorrere in conflitto di interessi nel caso di prestito a istituzione del proprio Paese.

Ancor pi interessante infine notare come sebbene tale affermazione si riferisse al momento (15 maggio) in cui ancora non era stato approvato il comma Assmann, lemendamento alla manovra di maggio che deroga allart. 38 del D. Lgs. ammettendo i cittadini europei alle selezioni pubbliche per i musei autonomi, e prescindendo dal fatto che comunque la selezione crollata con il decreto stesso istitutivo del Parco il TAR ritenga che una deroga allart. 38 citato ammetterebbe solo i cittadini europei, equiparati dalle norme costituzionali, ma non anche i cittadini non comunitari (per i quali il divieto deriva implicitamente dallart. 51della Costituzione), per cui errata la tesi sbandierata del Ministro per cui esso sanerebbe lammissione ai (futuri) concorsi di tutti gli stranieri.

E ora? Le sentenze del TAR sono talmente circostanziate e radicate sulle consolidate interpretazioni giurisprudenziali delle numerose norme su cui si fondano che ben difficilmente si pu anche solo immaginare possano essere capovolte dal Consiglio di Stato, tenendo anche conto delle dichiarazioni del presidente dellAssociazione dei Magistrati Amministrativi (il quale ha fatto chiaramente intendere latteggiamento dei giudici di intransigente tutela del dettato della legge in queste vicende, che non potrebbe certo essere ammorbidito dai vituperi scagliati contro di loro dal governo a proposito dellannullamento delle nomine dei direttori dei musei). Daltra parte, la manovra di maggio, nella quale si era infilato il comma per sanare la cittadinanza straniera dei detti direttori ha ormai avuto la fiducia della Camera e, a meno di marchiane e implausibili forzature (con le quali si instaurerebbe un gravissimo e pericoloso duello cronico, del tutto incostituzionale, fra sentenze ed emendamenti sanatori ad hoc), non si intravede una possibilit di recupero legislativo a breve del provvedimento annullato.

Pertanto si dovranno annullare immediatamente tutti i processi di trasferimenti di uffici e di mobilit del personale fra istituti romani intanto avviati con eccessiva fretta e approssimazione e soprattutto dovr essere avviato un confronto pi approfondito fra le OO.SS. e lAmministrazione per conoscere i programmi di questa in ordine al prosieguo della vicenda e ad eventuali ulteriori suoi provvedimenti, in modo che questi siano a differenza di quello sul Parco comunque preceduti da unadeguata preparazione che eviti di trattare gli uffici e il personale coinvolti con irresponsabile incuria come se fossero i birilli dei Monopoli.

ENZO FELICIANI



news

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

20-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 OTTOBRE 2017

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

Archivio news