LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La riforma del Ministero per i Beni e le attivit culturali legge
2003-12-23
Ministero dei Beni e delle attivit culturali

23/12/2003
LA RIFORMA DEL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVIT CULTURALI LEGGE

APPROVATO IN VIA DEFINITIVA DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL DECRETO LEGISLATIVO

PREMESSA
Nel luglio 2002 il Parlamento, con la legge n. 137, delegava il Governo ad apportare modifiche o correzioni ai decreti legislativi per la riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche gi emanati ai sensi della legge n. 59 del 1997.

Su questa base il Ministro per i Beni e le Attivit Culturali, Giuliano Urbani, ha presentato il 19 settembre al Consiglio dei Ministri lo schema di decreto legislativo che riforma l'organizzazione del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali. Oggi, a tre mesi esatti, il Consiglio dei Ministri ha approvato definitivamente il testo dopo il vaglio della Conferenza Stato-Regioni e delle Commissioni Cultura di Camera e Senato.

COSA CAMBIA
Il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali verr strutturato in quattro dipartimenti, da cui dipenderanno le Direzioni Generali, abolendo il Segretariato Generale:
1. Un Dipartimento per la tutela del Bel Paese. Dipartimento per i beni culturali e paesaggistici, "per rafforzare il concetto - secondo le parole del Ministro Urbani - che la tutela di questi differenti tesori che formano il Bel Paese un tutt'unico indivisibile. Da questo dipartimento dipenderanno le Direzioni Generali per l'Archeologia, per i Beni Artistici e Storici, per l'Architettura e l'Arte Contemporanea e quella per i Beni Architettonici e il Paesaggio. Quest'ultima direzione sancisce la rinnovata attenzione che il Ministero deve porre alla difesa del paesaggio";
2. Un Dipartimento per gli archivi e le biblioteche, da cui dipenderanno la Direzione Generale per gli Archivi e quella per le Biblioteche e gli Istituti culturali. "In questo modo - afferma il Ministro - la conservazione, la trasmissione e la diffusione del sapere e delle testimonianze scritte del nostro passato avranno l'attenzione che meritano".
3. Dipartimento per lo Spettacolo e lo Sport, da cui dipenderanno le Direzioni Generali per lo Spettacolo dal Vivo e per il Cinema. In questo modo da una parte si formalizza una maggiore attenzione al settore musicale, dall'altra parte vengono istituzionalizzate le competenze del Ministero in materia di vigilanza sullo sport. Come afferma il Ministro Urbani "Per uno sport pi corretto (compiti di vigilanza) e veramente per tutti (diffusione della pratica sportiva)";
4. Un Dipartimento per una gestione pi moderna. Dipartimento per la Ricerca e Innovazione. "Questo - ha commentato il Ministro - il cuore della riforma. Tale dipartimento, che verr suddiviso in Risorse Umane e Formazione, Innovazione Tecnologica e Promozione, la chiave di volta per modernizzare un'amministrazione di grande tradizione e qualit specialistica, che per deve essere sempre pi efficiente e sempre pi attenta ai bisogni dei cittadini. A questo dipartimento faranno capo anche gli istituti centrali che si occupano della ricerca (Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, Istituto Centrale per il Restauro, Opificio delle Pietre Dure, Istituto per la Patologia del Libro) per coordinare ed ottimizzare le grandi eccellenze che l'Italia ha raggiunto in questi settori e per metterle al servizio del sistema Paese. All'interno di questo dipartimento - ha ricordato il Ministro - verr creato un Ufficio Servizi che avr il compito di stimolare anche tutti gli aspetti della promozione dei nostri beni culturali, del rapporto con il pubblico e del miglioramento dei servizi di accoglienza museale, in una parola dalla promozione al merchandising. Infine - ha aggiunto il Ministro - la Direzione Risorse Umane dar grande impulso alle politiche di formazione del personale, finora piuttosto trascurate anche perch attualmente la gestione del personale frammentata fra le varie direzioni".

Altri punti qualificanti della riforma sono:
A. Le nuove figure dei Soprintendenti Regionali, a cui finalmente sono conferiti effettivi poteri di coordinamento e gestione, superando cos la situazione di incertezza sulle loro funzioni generata dalla precedente riforma.
B. Grande attenzione, in un'ottica liberale dei rapporti tra lo Stato e gli individui, stata posta nei rapporti fra l'amministrazione e i cittadini. Verranno gradualmente istituiti degli uffici provinciali che consentiranno la presenza di almeno uno sportello dei Beni Culturali in ogni provincia, in modo da agevolare i cittadini.
C. A maggiore garanzia per i cittadini, e per la garanzia di una tutela che sia frutto di competenze specialistiche diverse, la competenza regolativa sui vincoli viene affidata ad organi collegiali, composti dai diversi Soprintendenti competenti nel territorio.

Il conferimento dei nuovi incarichi sar effettuato dopo la pubblicazione della legge in Gazzetta Ufficiale.

"Sono particolarmente orgoglioso - ha dichiarato il Ministro Urbani - perch con questa riforma si introduce un vero e proprio motore di ricerca per il futuro, che sar in grado di modernizzare tutto il settore dei Beni Culturali. Inoltre la riforma stata pensata per rafforzare la presenza sul territorio della nostra Amministrazione, sia per rispondere alle sempre maggiori sfide imposte da una moderna visione della tutela, sia per rendere pi efficiente e trasparente il rapporto fra cittadino e Soprintendenze".

I numeri del nuovo MiBAC
Il nuovo Ministero per i Beni e le Attivit Culturali avr 21.957 dipendenti distribuiti su tutto il territorio nazionale.
Nell'anno 2004 potr contare su un bilancio di 2.196.711.078 euro (+ 3,81% rispetto all'esercizio 2003). Oltre alla sede centrale e alle otto direzioni generali, le strutture periferiche del MiBAC comprendono:
19 Soprintendenze archivistiche, 46 Biblioteche statali, 99 Archivi di stato, l'Archivio centrale dello stato, il Centro foto riproduzione, 35 Sezioni degli archivi di stato, 17 Soprintendenze regionali, 4 Soprintendenze speciali ai poli museali, 2 Soprintendenze archeologiche autonome, 63 Soprintendenze di settore, 4 Istituti e 2 Musei autonomi.

Ufficio Stampa MiBAC
Tel. 06-67232261



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news